16 mar 2010

RICATTI DI PSEUDO PARTITUCOLI

A Roccasecca giostra di ambìti poteri politici

Non passa giorno che le cronache  dei media siano attente divulgatrici di fatti della politica ed di tutto ciò che vi ruota intorno, d' altronde  siamo in piena campagna elettorale, ma sparare c.......te. è sintomatico di chi non ha visibilità e vorrebbe far credere ai lettori-elettori, di avere credito e peso politico con alleanze ai partiti riconosciuti e credibili come ad esempio l' UDC.
Bisogna ricordare, se casomai ce ne fosse bisogno, l' attendibilità ed il riconoscimento di un Movimento Politico e soprattutto il suo peso è il consenso elettorale  e fino a che non ci sono questi presupposti è perfettamente inutile blaterare determinazioni e condizionamenti.
Quindi la strada da percorrere sarebbe stata quella dell' umiltà e dell' avvicinamento all' area più consona di cui si dice condividerne  le origini, i valori ecc. ecc, ma la scelta è la facile e immotivata aggressione, sempre reiterata e con argomentazioni puerili e senza supporti logici ed ideologici.
Roccasecca, sempre democristiana, anche in questa tornata elettorale, già di per sè anomala ed ingarbugliata per il noto pastrocchio PDL, darà un segno tangibile che l' UDC, in quanto unico partito moderato riconosciuto, si attesterà, se non supererà, i consensi delle passate consultazioni elettorali.
Brillare e vivere di luce propria, questa volta, ha un significato di portata non indifferente in quanto dimostrazione di avvicinamento della gente alla buona politica e la crescita dell' UDC la prova provata che i dirigenti di Roccasecca sia nelle istituzioni, che non, hanno operato e stanno operando bene e per il bene del paese.
Allora, sono sicura, i cittadini premieranno l' UDC con i consensi ai propri candidati, gli unici che stanno portando avanti un discorso di adopersi per la gente, con la gente e per la gente con il "quoziente familiare", "modifica  della Sanità Regionale", e tant' altro; l' UDC che parla un linguaggio di riconciliazione in questo paese di cani rabbiosi, senza regole e senza rispetto, con gli arroganti che la vorrebbero far da padrone.
Ai "movimentucoli" che vorrebbero vivere di luce riflessa, un consiglio: rispetto!!!!e lavorare e dimostrare, sono  queste  le «condizione imprescindibili di un'ordinata vita democratica»
Sez. di Roccasecca - dott.ssa Anna Maria Rossini