Translate to:

25 gen 2015

CAMBIO DEL BLOG

Dopo otto anni di onorata carriera e quasi 2100 post il buon vecchio  blog va in pensione.
DA OGGI - DOMENICA 25 GENNAIO 2015 IL  BLOG DI ANNA MARIA ROSSINI  SI E' TRASFERITO AL SEGUENTE

INDIRIZZO :http://blog.pianetadonna.it/annamariarossinii/ 


QUESTO BLOG RIMANE IN VITA SOLO PER DARE LA POSSIBILITA’ AGLI UTENTI DI CONOSCERE IL MIO NUOVO INDIRIZZO E COME ARCHIVIO CONSULTABILE DEL BLOG.

Gli argomenti resteranno i soliti:  politica, politica locale, vita vissuta e altro.
Spero vi piaccia.

24 gen 2015

DAL BLOG AL QUOTIDIANO «L' INCHIESTA» .... la storia dell' innafiatore volontario roccaseccano

Tenere alta la guardia...... non si è ancora perfezionata la determina n. 315/2014.... c' è bisogno della copertura finanziaria di € 500,00 per la spesa determinata e liquidata dal Resp. del VI settore all' anziano «innaffiatore volontario».
L'Inchiesta del 25.01.15
 
Ebbene sì..... è proprio il caso di tenere alta la guardia per verificare dove li prenderà i 500,00 euro,soldi pubblici, il dott. Lanni, per soddisfare l' anomala e surreale richiesta «dell' Innaffiatore Volontario», M. C.
Infatti, l' accorto Responsabile del VI Settore, ha tenuto a precisare che: « La presente derminazione n. 315/2014, si perfezionerà con la successiva apposizione del visto di regolarità contabile attestante la copertura finanziaria che ne determinerà l' esecutività.
Quindi, M.C., dovrà ancora attendere che l' iter burocratico si perfezioni con il visto del Resp. del settore economico.
«Roccasecca Libera» vigilerà sempre ed in questo caso specifico terrà alta la guardia.

23 gen 2015

Vox populi vox Dei (lat. «voce di popolo, voce di Dio»).


In merito al Maestro Giardinere-volotario a pagamento, la vox della Piazza della Stazione rumoreggia che, pare sia stato il Vice Sindaco, Carmine Guerrino Torriero, a dire al «Mariuccio» di innaffiare le piante di Piazza Risorgimento che poi ci avrebbe pensato Lui al compenso....
E' fuor di dubbio che tale modus operandi dell' Amministrazione Giorgio Giovanni, ha creato un precedente.
Tutti i cittadini, e ce ne sono davvero pochi, che, a Roccasecca, non abbiano svolto servizio di alto valore sociale avente, quale effetto, il decoro e l' arredo dei luoghi consentendo la fruibilità del sistema turistico...e
tutti, presenteranno, come ha fatto il Sig.Cocco la letterina di richiesta contributo quantizzata..... e sarò la prima a richiedere il contributo di € 10mila euro per lo spazzamento e lo sradicamento delle erbacce davanti all' uscio della mia casa, limitando il periodo a 10 anni.

22 gen 2015

HO LAVORATO PER IL COMUNE DI MIA SPONTE E MI DOVETE PAGARE

Cittadino di Roccasecca, prima innaffia le aiuole di sua spontanea volontà e poi reclama il compenso che Lui stesso quantizza in € 500,00, subito soddisfatto dall' Amministrazione Giorgio Giovanni..... è normale?.... è legale? è legittimo?
Così stigmatizzato nella determina n. 315 dell' 11 dicembre 2014, stilata dal Responsabile del VI settore, Geom. Antonio Antonellis ed affissa all' albo pretorio on-line : Il Sig. Cocco Mario ha svolto per  il Comune di Roccasecca il servizio di annaffiatura delle aiuole comunali nella Frazione Scalo e che tale servizio riveste, per la cittadinanza, un carattere di alto valore sociale avente, quale effetto, il decoro e l' arredo dei luoghi consentendo la fruibilità del sistema turistico, per questo impegna e liquida al Sig. Cocco Mario la somma di € 500,00 quale contributo per le spese sostenute dal volontario per l' adempimento dell' azione di valore sociale. E se l' azione di volontariato del Sig. Cocco di innaffiare le piante della Piazza Risorgimento è meritevole, allora comunciamo a mettere i puntini sulle I....è meritevole anche il mio spazzare il marciapiede, come fanno tante altre cittadine di Roccasecca, e l' innaffiare le piante a decoro delle vie, e lo si è fatto e lo si fa, non solo per 6 mesi, come il Sig. Cocco, ma per anni ed anni.
Come la mettiamo Sig. Sindaco, se cominciassi Io a reclamare il compenso per lo spazzamenti della strada? ..... e se dietro di me altri volenterosi, prima lavorano e poi presentano la fattura (?) al Comune ?.
Certo, con il soddisfare il non chiamato al lavoro, Sig. Cocco, oltretutto ottantenne, la Sua Amministrazione ha creato un precedente di dubbia regolarità di sana amministrazione ....anche se eleva l' innaffiatura delle piante ad «azione di alto valore sociale».
Ma non è che, per caso, questi € 500,00 l' arzillo volenteroso vecchietto li ha richiesti alla collettività invece che a qualche amministratore di cui, come dicono i Rumors Pesani è assiduo giardiniere?


21 gen 2015

LA NUOVA PORCATA «ITALICUM 0.2»

LO SCHIFO DEL PD-FI, ORMAI ALLEATI DI GOVERNO..SENZA VERGOGNA E SENZA RISPETTO DELLA VOLONTA' DEGLI ITALIANI DI POTER SCEGLIERE I LORO RAPPRESENTANTI PARLAMENTARI ... mandano avanti la riforma elettorale, sostitutiva del «porcellum», ovvero l' #italicum#, con il #canguro# e #supercanguro

 Lo spessore degli attuali italici governanti è racchiuso nella «furbata» della riforma della legge elettorale che si sta discutendo al Senato.
L'Aula del Senato ha dato il via libera all'emendamento Esposito, il cosiddetto "super canguro" che di fatto taglia tutte le altre proposte di modifica contrarie, con 175 si, 110 no e due astenuti...... la tagliola, sostituita dalla cangurata.
Con il via libera all'emendamento Esposito cadono di fatto "35 mila proposte di modifica" delle 47mila presentate alla legge elettorale.
Insomma questa riforma, 2^ porcata peggiorativa della prima, quella del Calderoli (Lega) ed oltretutto con la cancellazione dei 35 mila emendamenti tutti stampati in decine di copie : «almeno 100.00 euro buttati».
Questi pensano solo alla grandezza del loro «marsupio» per infilarci il bottino scippato agli «Italioti», come hanno scippato quel residuo di «DEMOCRAZIA», di esprimere la propria classe politica con il VOTO

20 gen 2015

MONZA CONDANNA E ROCCASECCA ASSOLVE

Inchiesta «Clean City», «Sangalli & C.», appalti rifiuti e mazzette: il tribunale di Monza ha ravvisato il giro di tangenti per la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti urbani e condannto i rei.



Ieri mattina, a Monza, sono state lette le condanne (da 3 mesi a 4 anni e sei mesi di reclusione) per i ventotto imputati a vario titolo per corruzione, turbativa d'asta, truffa aggravata ai danni di ente pubblico ed emissione di fatture false, che hanno scelto il patteggiamento o il rito abbreviato.
Condannati, Giancarlo Sangalli e i suoi tre figli, l’ex assessore Antonicelli, l’ex sindaco di Pioltello Concas, l’ex assessore provinciale Petrucci e disposto il sequestro di denaro e beni immobili per un valore totale di 15 milioni di euro.
Ma «Clean City», riguarda anche Frosinone che è stato stralciato da Monza ed è all’esame del tribunale del capoluogo che sta processando gli imputati. La prossima udienza è fissata al 13 marzo. Entro quel-la data i periti dovrebbero consegnare le trascrizioni delle intercettazioni.
Insomma, Monza ha inflitto pene severe con sequestro dei beni ai Sangalli ed agli ammistratori intrallazzatori-tangentisti.... Frosinone è in itinere il processo Sangalli ed altri.....Roccasecca?
«Clean City» città pulita.... Appalto Sangalli «tutto ok»?

ROCCASECCA NON E' IL «REGNO ZULU»

Lo splendido e meraviglioso paese che ha dato i natali a San Tommaso D' Aquino, in regresso su tutti i fronti: strade dissestate con lampioni spenti o traballanti. con luce, quando la espandono, fiochissima, servizio idrico ACEA con tubature colabrodo e poca acqua ad intermittenza, scuole senza riscaldamento, pratica amministrativa-sottobosco-intrasparente, etc. etc e con un Capo che racconta «balle»

  
Roccasecca non è il «Regno Zulu» , ma poco ci manca, e quanto è successo nella giornata di ieri, 19.01.2015, ha veramente a che fare con un paese abitato da «ZULU'» o per lo meno così pare essere considerati i cittadini, dal Sindaco Giovanni Giorgio.
La Scuola dell' Infanzia di Via Lazio senza riscaldamento, per udite! udite! caldaia senza gasolio..... bimbi al freddo con un via vai di genitori in apprensione.....
Scoppia i pandemonio per tutta Roccasecca, tutti a chiedersi, come mai si sia potuto verificare simile incresciosa situazione e come mai la Scuola abbia ancora il riscaldamento a gasolio, visto e considerato che sul territorio insiste il rifornimento di gasmetano e la scuola ha l' impianto bello e pronto, manca solo l' allaccio..... e perchè non allaccia?
Il Sindaco Giorgio Giovanni, alla sera e dopo tante polemiche, dal suo diario di facebook, si scusa per il disagio e si giustifica :«La mancanza è stata determinata da un probabile furto di gasolio da parte di ignoti, da accertare»...... «Si fa presente comunque, per opportuna conoscenza, che l'impianto a gasolio riscalda molto più di un impianto a metano e perciò viene utilizzato per la scuola».
A questo post la rete si è scatenata con uno sputtanamento generale, segno che il Sig- Sindaco -non si deve permettere più di trattaci come «ZULU'"
Dice Danilo Chiappini di «Roccasecca Libera» : -Il gasolio costa 1,28 euro al litro, invece il metano 0,39 euro al metro cubo!!!!!!!!!!
E il
Dott Comm Marcello Marasca:- Se non sbaglio il metano rende l' 83 % mentre il gasolio l' 80%. Dai miei studi in chimica ricordo che il potere calorifero del metano su 1000mq è 8500 Mentre l' altro è 8000.
Per quanto concerne, poi, il presunto furto, un avvocato, richiedendo la pubblicità della denuncia si è così espresso:- Vorrei infatti ricordare al sindaco che ai sensi dell'art. 361 cod. pen. l'omessa denuncia da parte di un pubblico ufficiale è reato: "Il pubblico ufficiale, il quale omette o ritarda di denunciare all’Autorità giudiziaria, o ad un’altra Autorità che a quella abbia obbligo di riferire, un reato di cui ha avuto notizia nell’esercizio o a causa delle sue funzioni, è punito con la multa da lire sessantamila a un milione. La pena è della reclusione fino a un anno, se il colpevole è un ufficiale o un agente di polizia giudiziaria, che ha avuto comunque notizia di un reato del quale doveva fare rapporto.
Ecco, caro sindaco Giorgio Giovanni ...Roccasecca non è «REGNO ZULU» ed i Roccaseccani non solo «ZULU'»

19 gen 2015

SCUOLA MATERNA AL FREDDO


Questa mattina, la scuola dell' Infanzia di Via Lazio è rimasta a secco di gasolio ed i bimbi nelle aule fredde con giubbini a batter denti....i genitori smadonnano su facebook, contro l' Amministrazione Giorgio.

Capisco e condivido l' indignazione dei genitori alla notizia dei pargoli con giubbini in aule fredda, perchè manca il gasolio..... ma sono gli stessi genitori che non si preoccupano minimamente delle scuole sicure? o altri ? o tutti quei genitori che confidano nel buon operato dell' amministrazione in carica e/o nei consiglieri di opposizione in carica che latitano su tutti i fronti  e fanno campagna  elettorale con chiacchiere affabulatrici?
Indignarsi per il gasolio nello sfogatoio di facebook è legittimo e, a come mi è stato riferito, pare che abbia sortito l' effetto di vedere gli operai del Comune che hanno portato due taniche per tamponare, oggi e domani il gasolio mancante.
Ma nessun genitore e nessun consigliere di opposizione si chiede e chiede, come mai la scuola marcia ancora a gasolio, quando ha la predisposizione per il gas metano che oltretutto costa di meno e dovrebbe essere il riscaldamento a norma provinciale ?
E cosa ci ha fatto l'Ammnistrazione Giorgio Giovanni con 200mila euro per sistemare la scuola con predisposizione di impianto di riscaldamento a metano?
Ma nessuno mai, di questi genitori che smadonnano, si è chieso o ha chiesto o fatto chiedere dai consiglieri di opposizione in carica se le scuole di Roccasecca sono a norma con tutte le agibilità di legge?
Solo "Roccasecca Libera", partendo dal presupposto che, prevenire è meglio che curare, con profonda umiltà, ha prodotto istanze alle Istituzione a tutela e salvaguardia dell' incolumtà dei bimbi, dei docenti e non docenti...... cosa hanno fatto i consiglieri di opposizione in merito?

18 gen 2015

L' AMBIZIONE DI COFFERATI


L' ambizione di Cofferati è sfumata ...Gira che ti rigira, il Coffy Piddino, è destinato a fare ancora il pendolare Genova-Strasburgo, per il momento,... poi .....non si sa...intanto straccia la tessera del PD e fonda un' associazione culturale
Sergio Cofferati
 

Sergio Cofferati detto il "Cinese" per i suoi famosi occhi a mandorla, ha detto addio al PD «inquinato» e «fascista»... promette e giura che lascia e basta, senza altre intezioni di approdare e/o fondare altri partiti.
Ma il suo « pinocchiesco» essere, ormai lo si conosce benissimo, come la sua natura di vittima che si immola per la «causa».
Resta memorabile il discorso di addio da Segreterio della CGIL: «mai e poi mai scenderò nell'arena politica, voglio ritornare in fabbrica» ma subito dopo ce lo ritroviamo candidato sindaco di Bologna.
A seguire : «sono stanco delle grane che comportano l'amministrare una città come Bologna e poi ho una moglie giovane ed un bimbo piccolo bisognoso della figura paterna che vivono a Genova città molto distante da Bologna e proprio tale distanza non mi consente di stare loro vicino e godermeli, per cui rinuncio alla carriera di sindaco».
La sirena dell' Europarlamento, su proposta di Franceschini, gli fa dimenticare casa-pappa e pannolin, lontananza dalla famiglia.
E la storia della recente «trombata-tranvata», alle primarie vinte dalla collega Raffaella Paita, con i voti «cinesi» e «Rom» lo ha mandato su tutte le furie : 
"Le primarie sono state irregolari - dice in una conferenza stampa affollata - una parte in cui ci sono fascisti non pentiti è intervenuta in casa dell'altro per proporre o imporre un modello di governo, non mi sorprende che lo proponga quella parte, inaccettabile è il silenzio del mio partito. Esco, per me è un dolore, ma non fondo un altro partito. Farò un'associazione culturale".
Cofferati!!! Cofferati!!!! le tue pinocchiate le conosciamo a menadito noi che non siamo di sinistra, ma le conoscono pure gli iscritti ed i simpatizzanti del PD che si aspettano e segnano con Matteo Renzi un partito diverso, giovane formato da giovani che scalpitano per un ruolo.... C' è Civati che ti supporta...c' è Vendola che ti adora e ti chiama in SEL e pure i Komusti Italiani che sognano i ritorno con te alle Terme di Caracalla a sventolare la bandiera rossa.

17 gen 2015

ILLECITI AMBIENTALI DELLA MAD SRL

L' arpa Lazio multa il gestore della Discarica di Cerreto e il Sindaco di Roccasecca, Giorgio Giovanni, non eroga sanzioni e/o minimizza illegittimamente.....tutto da verificare.

 
Da Rumors paesani, pare, che l' Arpa Lazio, eroghi multe salate alla Mad srl per illeciti ambientali e il Sindaco di Roccasecca, Giorgio Giovanni non emetta sanzioni e/o minimizzi, peraltro non rendendole pubbliche all' albo pretorio on-line.
Questa è proprio l' ultima, dice il Presidente dell' Associazione «Roccasecca Libera», Bernardo Forte, dal suo diario di facebook : « il Sindaco di Roccasecca, archivia alcune multe, sembra salatissime, inflitte dall'Arpa Lazio alla societa' Mad per illeciti ambientali, solo per una, dopo aver sentito (da chi???), l'amministratore della stessa in audizione, viene erogata una sanzione applicando il minimo, per un importo di 1.500,00 euro. Sembra che che l'importo della sanzione doveva assere il doppio del minimo.
Se è vero, questo «modus operandi» dell' Ammnsitrazione Giorgio, c'è l' aggravante che tali multe dell' Arpa Lazio e la relativa sanzione dell' importo di € 1.500, 00 di cui ad una certa ordinanza che, pare, mai stata pubblicata all' albo pretorio on-line.
Poichè seguo attentamente l' albo pretorio on-line e ne denuncio quasi quotidianamente la illegittima ed illegale tenuta, di irrogazioni di sanzioni amministrative alla Società Mad srl, mai apparse alla mia visione, comunque, può essere stata una mia rara svista.
Comunque colgo l' occasione per significare all' Amminsitrazione, ai Membri della Valutazione degli obiettivi ed alla Comunità che il file ORDINANZE, da quest' anno 2015, non funziona, le ORDINANZE SINDACALI appaiono nel calderone TUTTI .... e mancano di pubblicità la n.1 e la n.5..... e di delibere di Giunta, ad oggi, neppure una.
La cosa aberrante, se vera la questione delle omesse sanzioni al Gestore della Discarica è che, mentre nasconde e beneficia chi inquina l' ambiente, o supporta il gestori dell' acqua ACEA ATO 5, truffaldino, senza VERGOGNA, L' AMMINISTRAZIONE GIORGIO PERSEGUITA I CITTADINI ESIGENDO TASSE VESSATORIE E MULTE INGIUSTE ......

16 gen 2015

IL LAVORO??? AI FIGLI DI.....AGLI AMICI DI .... AI PARENTI DI...


L' Amministrazione di Roccasecca non disdegna questo andazzo comune a tutto il Bel Paese.
Basta seguire l' albo pretorio on-line, ed invito tutti i Roccaseccani a farlo, per verificare che il lavoro dato dal Sindaco e dalla Giunta, rispecchia in pieno il sistema.

Oggi, per esempio, è stata pubblicata la delibera di giunta n.166 del 29 dicembre 2014, che proroga l' incarico di collaborazione per altri sei mesi, fino al 30.06.205, per attività di supporto esterno all' U.T. (Urbanistica), all' arch. Maristella Delli Colli...FIGLIA DI.....NIPOTE DI....
Come altre delibere hanno dato lavoro al geometra Figlio di Dipendente o L' avvocato figlio di dipendente etc etc.
Non si mette in dubbio la professionalità acclarata, ma in base a quale rosa di Architetti - geometri-ingegneri- avvocati vengono prescelti? 
La storia della proroga all' architetto, di 6 mesi in sei mesi, nell' anno guadagno di 9mila euro ed altri incarichi sempre la stessa famiglia, padre zio ...e spirito santo.
Suvvia! ....Alla gestione dell' Ufficio Ragioneria il Sindaco nomina un Amico Di...con dubbi requisiti che la Magistratura sta acclarando e pure lui in affanno chiama la Cedelba Soft srl, unipersonale di Salvatore di Dea, in sostituzione della Kibernetes e/o in aggiunta allo Studio K .... altri 10mile euro+ 4mila euro ++++.
Poi, non mettiamo il dito nella piaga della Polizia Municipale con il Comandante esterno, inutile sperpero di pubblico denaro, pure lui Amico DI...
Ma una razionalizzazione del personale no eh!
Ecco spiegato l' arcano della TASSAZIONE STELLARE.... SOLO PER ACCONTENTARE IL FIGLIO DI...L' AMICO DI....IL PARENTE DI ...

ROCCASECCANI??????????? CHE NE PENSATE ???????? VI STA BENE QUESTA GESTIONE DECENNALE DI GIORGIO GIOVANNI-SINDACO?!? 

15 gen 2015

IERI...OGGI...DOMANI.....SENZ' ACQUA


L' IGNAVO SINDACO GIORGIO GIOVANNI DI ROCCASECCA, SE LA CAVA CON ORDINANZE PER COPRIRE ACEA CHE NON MANDA L' ACQUA AI RUBINETTI, INVECE DI RESCINDERE IL CONTRATTO DELL' INADEMPIENTE GESTORE IDRICO
Ieri, 14 gennaio sospeso il flusso idrico al Centro ....oggi 15 gennaio, allo scalo,...domani 16 gennaio, su tutto il territorio di Roccasecca e il Sindaco chiude i plessi scolastici per mancanza di approvvigionamento idrico dalla rete cittadina.
E' da anni che va avanti questo andazzo di malagestione ACEA, tubi colabrodo, sospensione di erogazione idrica, disagio perenne e oltre al danno anche la beffa delle bollette salate, con la connivenza dei sindaci ignavi che non si capisce per quale motivo, insistono e persistono a far vessare i cittadini della Provincia di Frosinone da chi non rispetta i contratti, non investe ed esige solo.
Si apprende dal gruppo di facebook Coordinamento Acqua Pubblica di Frosinone amminitrato dall' Ing. Mario Antonellis,che domani 16.01.2015, ci sarà una riunione dei SINDACI MEMBRI DELLA CONSULTA D' AMBITO per cosa ...forse per traccheggiare ancora e tenersi ACEA IN TUTTA LA PROVINCIA ? Noi dell' Associazione «Roccasecca Libera», diciamo al nostro Sindaco Giorgio Giovanni di attivarsi per la risoluzione del contratto con ACEA, e BASTA ORDINANZE COPRI ACEA e alzata di manina del delegato Giuseppe Marsella per gli aumenti tariffari ACEA e ci uniamo al COORDINAMENTO ACQUA PUBBLICA DI FROSINONE-CO.CI.DA-
VIA ACEA DALLA PROVINCIA DI FROSINONE!...VIA ACEA DA ROCCASECCA!.

QUESTO E' IL MESSAGGIO CHIARO DEL COORDINAMENTO E DI TUTTI GLI UTENTI DELLA PROVINCIA DI FROSINONE
 
A TUTTI I SINDACI MEMBRI DELLA CONSULTA D'AMBITO in vista della riunione di domani 16/01/2015

Prima che sia troppo tardi, prima che la ragioni del popolo Ciociaro e la rivolta in atto travolga tutto e tutti, occorre riportare all'assemblea dei Sindaci un unico punto all'ordine del giorno: RISOLUZIONE CONTRATTUALE PER COLPA DEL GESTORE IN BASE all'art. 34 della convenzione di Gestione e mettere fine a questa vicenda. La procedura di fatto è stata già attivata. Le ragioni? Sono ben codificate, ben documentate dalla stessa S.T.O. e sopratutto, se ancora non bastasse, basterebbe chiamare a testimoniare migliaia di cittadini e amministratori. Se come pare POMPEO vuole, invece, tentare di pilotare verso l'ennesima transazione con l'ESATTORE deve sapere che un conto sono le chiacchiere da bar e le mistificazioni a mezzo stampa dei politici altre sono la rabbia e la determinazione di un movimento trasversale, quello dell'acqua pubblica, esasperato e determinato.

DOPO DUE ANNI..... alla faccia della Trasparenza!


La delibera di Giunta n. 8 del 16.01.2013 avente ad oggetto:- Riconoscimento permesso retribuitoex L.104/92, richiesto dalla dipendente A.R., è stata resa pubblica all' albo pretorio on-line, l' 8 gennaio 2015....La pubblicità di tale delibera, insieme ad altre, era stata richiesta il 2.12.2013 prot.9518 da, Forte, Chiappini, Matassa, Rossini di «Roccasecca Libera»

I principali Organismi Internazionali, come ad esempio l' Ocse (Organizzazione per la cooperazione sociale ed economica) concordano sul fatto che più trasparenza equivale a meno corruzione e a meno sprechi.
«Roccasecca Libera», pienamente d' accordo su questa linea, ha denunciato e denuncia pubblicamente che l' Amministrazione Giorgio Giovanni, mostra ancora, in questo anno 2015, forti resistenze alla Trasparenza.
E la delibera n. 8/2013, pubblicata a gennaio 2015, è la prova provata dell' intrasparenza degli atti amminstrativi e della non diffusione di informazioni del Governo di Giorgio Giovanni...Intrasparenza = +corruzione +sprechi.
«Roccasecca Libera», il 02 dicembre 2013, aveva segnalato che all' albo pretorio on-line numerose delibere di giunta, tra cui la n.8, non erano state pubblicate, ed aveva rihiesto contestualente la regolare pubblicità di legge, al Sindaco Giorgio Giovanni, al Responsabile della Trasparenza (segretario comunale), al Comandante della Polizia Locale. 
Il 16.12.2013, il Segretario Comunale, dr. Colacicco Maurizio, rispondeva per alcune delibere non pubblicate:- non sono state pubblicate all' albo pretorio on-line perchè non sono state ancora completamente formalizzate dai vari responsabili di servizio..... Di contro, le altre delibere giuntali, tra cui la n. 8, sono state regolarmente pubblicate all' albo pretorio on-line-. ed altre risibili argomentazioni, non degne di risposta.
Ora, vedere pubblicata, oggi 15 gennaio 2015, la delibera di giunta n. 8 del 16.01.2013 inerente la richiesta della L.104 della dipendente A.R., quella delibera che il segretario comunale aveva dichiarato già pubblicata all' albo pretorio, sa tanto di dichiarazione mendace, forse per non dare qualche informazione delicata riguardante un Capo Settore? 
Comunque anche il Sindaco Giovanni Giorgio, ad un' altra analoga domanda, aveva risposto: «Gli atti amministrativi cui si è obbligati per legge sono correttamente pubblicati sull' albo pretorio on line nei termini di legge e per il prescritto periodo».
«Roccasecca Libera» aveva interessato della INTRASPARENZA degli atti amministrativi del Comune di Roccasecca, la Presidenza del Consiglio dei Ministri-Dipartimento Funzione Pubblica-e la Prefettura di Frosinone, ma, a quanto pare, il «modus operandi» degli amministrativi e degli amministratori, sono di autonomia e senza controllo.
Da Rumors, si è venuti a conoscenza che sia la Funzione Pubblica che il Prefetto, hanno chiesto chiarimenti a cui, pare, abbia risposto il segretario comunale dopo mesi e mesi con la giustifica che è Segretario in tre Comune e non ha il tempo per seguire tutto e rispondere a tutti....Se vero è una giustificazione rispettosa delle istituzioni e dei cittadini di Roccasecca, visto che viene pagato profumatamente ?
Comunque di questa ennesima INTRASPARENZA-MENDACE, torneremo ad informare i suddetti organismi istituzionali di controllo, affinchè facciano chiarezza una volta per tutte sull' Amministrazione di Roccasecca.

14 gen 2015

LA PIAZZA LONGA, SOLO LAMENTI....LA STAZIONE, RISPETTO

Oggi, ACEA ha sospeso il servizio idrico al Centro e domani lo sospenderà allo Scalo.... in merito, solo un' ordinanza del Sindacale che stigmatizza la chiusura dei plessi scolastici della Scuola Elementare di Via A.De Gasperi e Scuola Materna di Via Lazio.
In effetti, ACEA ATO5, con proprio comunicato aveva segnalato a diversi Comuni, tra cui Roccasecca, la sospensione del flusso idrico per lavori all' Acquedotto Capo D' Acqua di Castrocielo, per il giorno 15.01.2014, dalle ore 9.30 alle ore 13.30.
Il Sindaco di Roccasecca ne avrà ricevuta un' altra particolare che circoscrive la sospensione del flussi sul territorio di Roccasecca Via Montello, Zona Stazione e parte bassa del Comune, così si legge nell' atto n. 4 del 14.01.2015 e prosegue, considerato che in assenza di acqua della rete idrica non è possibile, per motivi igienico sanitari, espletare la regolare attività didattice nei due plessi scolastici:-Elementare di Via A. De Gasperi e Materana di Via Lazio.
Ma, per dirla tutta questa mattina, nella Farmacia della Piazza Longa, alcune Sig.re lamentavano che i rubinetti delle lorp case del Centro erano a secco.... neppure un filino d' acqua.
Noi di «Roccasecca Libera», rammentiamo al Sindaco Giovanni Giorgio, non è la prima volta che ACEA interrompe il flusso idrico al Centro senza, preavvisare e neppure una ordinanza Sindacale con i motivi precisi.
Ma che gli abitanti della Piazza Longa, sono figliastri dell' Amministrazione Giorgio?

 

ANCHE LA CORTE DEI CONTI LA PENSA COME «ROCCASECCA LIBERA»


La Corte dei Conti, con deliberazione 30 dicembre 2014 n. 36, dice NO a dirigenti esterni, se sussistono all'interno i requisiti professionali


 
«Roccasecca Libera» è in attesa che La Corte dei Conti Sezione centrale del controllo di legittimità sugli atti del Governo e delle Amministrazioni pubbliche, prenda visione e deliberi sulla legittimità dell' assunzione a tempo determinato del Responsabile della Polizia Locale di Roccasecca, dott. Massimo Marra, segnalata più volte dal Presidente dell' Associazione, Bernardo Forte.
Ora, alle nostre ragioni, fondate su sentenze e normative in vigore, se ne è aggiunta quella chiarissima della Corte dei Conti, la n. 36/2014, resa pubblica dal quotidiano «Il Sole 24 ore» di ieri 13.01.2015, che ci conforta più delle altre, perchè fuga qualsiasi dubbio sulla normativa delle NO assunzioni esterne da parte della P.A. -Enti Locali- se all' interno sussistono professionalitù con requisiti e specialmente a questo comma:-
....omissis.... infine, con riguardo specifico alla “particolarità” della qualificazione professionale, si ricordava che la consolidata giurisprudenza di questa Sezione ha già da tempo puntualizzato la diversità ed aggiuntività delle prestazioni che l’estraneo deve essere in grado di rendere, rispetto a quelle dei dirigenti già in servizio.
Capito, Sindaco Giorgio? L' esterno, secondo la Corte, deve rendere prestazioni diverse ed aggiuntive, cosa che l' Esterno di Roccasecca non solo non può rendere, perchè non ha titoli, ma addirittura gli interni hanno più qualifiche professionali e titoli dell' Esterno.
I consigli di «Roccasecca Libera», dati spassionatamente al Sindaco Giorgio Giovanni, di rimuovere il Comandante con funzione monca, a cui il Prefetto non ha concesso la funzione di Pubblica Sicurezza, sono stati disattesi.
Tale non ascolto ha sortito il solo effetto di creare grave nocumento al Comando dei Vigili ed ai cittadini-contribuenti (danno erariale dal 2013al 2015). Perciò, auspichiamo che la Corte dei Conti, si decida presto ad emettere delibera analoga alla n. 36/2014, ma, ancor di più, che il Sindaco Giovanni Giorgio prenda atto che è arrivato il tempo del «redde rationem» della propria amministrazione.
Qui trovi - CORTE DEI CONTI, SEZ. -CENTRALE DI CONTROLLO – deliberazione 30 dicembre 2014 n. 36  

13 gen 2015

C' ERA UNA VOLTA IL MURO


Il muro di sostegno in pietra, posto all' incrocio tra Via Paolo VI e Corso San Tommaso, sta cedendo pericolosamente, visto e considerato le profonde crepe ed il masso in bilico in punta......e pensare che hanno aggiustato la strada e non si sono resei conto del pericolo sovrastante.

ROCCASECCA

Ai sottopassi mortali, agli incroci pericolosi, alle vie dissestate, ai crateri (sinkole), insistenti in tutto il territorio di Roccasecca si è aggiunto il muro crepato con masso in bilico, proprio nei pressi della Statua di Papa Paolo VI.
E' stato segnalato al Comitato «Basta Eternit-Fibra Killer» un pericolo caduta massi che l' assente ed indifferente Amministrazione Giorgio non ha rilevato,e messo in sicurezza, proprio dietro il Palazzo Boncompagni, sede del Comune.
E' proprio all' incrocio tra Via Paolo VI e Corso San Tommaso, dove, per capirci, la Provincia ha eseguito di recente, lavori di manutenzione straordinaria per eliminare lo stato di pericolo del dissesto idrogeologico lungo la S.P. n137 «Roccasecca-Castrocielo», per ripristinare, come in effetti ha ripristinato, in modo sicuro, il collegamento viario preesistente, mediante il consolidamento delle vecchie opere d’arte e la bonifica e ricarica dei vecchi rilevati stradali depressi e lavori di regimentazione delle acque.
Insomma, hanno riaggiustato la strada e non si sono peritati di dare uno sguardo laterale al muro di pietra crepato a rischio caduta massi.
Ma tali lavori, sono stati fatti bene? Quelle visibili crepe sul muro in pietra nei pressi della Statua Paolo VI, non sono dovute, per caso, a qualche perdita d' acqua di qualche tubo rotto, che ACEA non ha aggiustato bene ?.
Orbene, la Provincia ed il Comune, ovvero il Presidente Antonio Pompeo ed il Sindaco, Giorgio Giovanni, ciascuno per le proprie competenze si attivino per realizzare, in tempi brevi, tutte le opere necessarie alla messa in sicurezza del muro citato con pericolo caduta massi, e non recintare solo e/o chiudere la strada Via Paolo VI, come la già Via Enrico Fermi.
 

11 gen 2015

IL PREFETTO INTERVIENE E SANA SUBITO LA SITUAZIONE

Il Blog di Anna Maria Rossini, i post su facebook del presidente de «La Voce di Roccasecca Libera», Bernardo Forte, le Diffide del Sindacato di categoria e le contestazioni scritte dei Vigili, hanno sortito l'effetto di far intervenire il Prefetto, dott.ssa Zarrilli, che ha costretto il Sindaco Giorgio Giovanni ad annullare quel vergognoso ordine di sospensione del servizio armato in via continuativa, dato dal Comandante Marra ai Vigili con la funzione di P.S. che Lui non ha.....
Prefettura di Frosinone

 «Roccasecca Libera», ringrazia sua Ecc.za il Prefetto, dott.ssa Emilia Zarrilli, per il tempestivo intervento risolutivo in questa incresciosa ed imbarazzante situazione, tendente ad annientare, illegittimamente ed illegalmente, non solo il ruolo e le competenze, ma la dignità, del Corpo della Polizia Locale.
Questo ennesimo colpo basso portato avanti con pressapochismo e maldestramente dal Comandante senza competenza e senza P.S, ovvero, con funzione monca, ha dato ampia dimostrazione al Prefetto in quale clima sono costretti a lavorare i Vigili Urbani di Roccasecca, competenti e con tutte le carte in regola....Praticamente, devono sottostare ad un Comandante che non possiede i requisiti per svolgere la mansione del Comando.
E il Sindaco Giorgio Giovanni, ha grosse responsabilità per la situazione paradossale che si è creata nell' Ufficio Vigili Urbani e più precisamente «culpa in eligendo» e «culpa in vigilando».
«Roccasecca Libera», coglie l' occasione per rammentare a S.E. dott.ssa Emilia Zarrilli, visto che è stata tempestiva a ripristinare l' ordine nel «casus belli» del servizio d'ordine pubblico Vigili armati, che presso la Prefettura giace un esposto in merito proprio al Commandate senza requisiti, in fiduciosa in attesa di risposta  
Come in fiduciosa attesa delle risposte agli esposti inoltrati alla Magistratura, ad altri organismi istituzionali, chiarificatori della legittimità di tale assunzione, senza requisiti minimi di legge e che crea grave nocumento al comparto pieno di figure con regolari requisiti, associato allo sperpero di pubblico denaro.
«Roccasecca Libera», nell' interesse della collettività e per motivi di sicurezza, invita il Sindaco Giorgio a rimuovere il Comandante dalla Responsabilità del delicato ufficio della Polizia Locale, in caso di diniego, a rassegnare le sue irrevocabili
DIMISSIONI DA SINDACO.

09 gen 2015

LA PEDANA DELLA DISCORDIA

La scuola dell' Infanzia di Roccasecca Centro, a breve, avrà una barriera architettonica abbattuta, con una pedana a norma così come richiesto dalla mamma di Tommy.

La ditta Quarantani sta realizzando la nuova pedana alla Scuola dell' Infanzia di Roccasecca Centro, in sostituzione di quella non a norma e pericolosa.
Lo si apprende dai commenti, di Gianluca e Marta Quarantani, sotto il post, del social network facebook, di qualcuna che cerca solo l' applauso a tutti i costi.

L' attenzione alle problematiche sociali e denunciare la scarsa sensibilità dell' Amministrazione di Roccasecca è cosa lodevole, ma quello che lascia basiti è che alla ricezione di un commento di altri che si stanno dando da fare, nel ruolo, come la ditta Quarantani, si risponda in modo arrogante e supponente:- «..omissis.. non pensano alla pedana spiegandoti come viene fatta ma fanno pubblicita' all' azienda ma chi te lo ha chiesto che hai una azienda».
Con pazienza ed educazione Gianluca e Marta Quarantani ha risposto: La pendenza della pedana è 8% ....lunga 665cm e l'alzata è di 53cm, fate voi il conto!!
Esaustivi.... manca solo il prezzo.
La signora dal cuore tenero, di cui non faccio il nome, per non farle pubblicità, non ha risposto, ergo, ha convenuto, forse, che la pedana era di suo gradimento.

IL COMUNE DEGLI OBIETTORI DI COSCIENZA. VIGILI SENZA ARMI.

Il Comandante della Municipale di Roccasecca, Massimo Marra, (ndr privo di P.S), il 31 dicembre 2014, ha ordinato ai sottoposti Vigili la consegna delle armi e disposto il servizio d' ordine pubblico senza armi, in attesa di visite psico-fisiche.....

Solo ieri, il Presidente dall' Associazione «La Voce di Roccasecca Libera», Bernardo Forte, venuto a conoscenza di questa ennesima surreale, arrogante ed illegittima disposizione di un Responsabile pro-tempore, ad oggi, sprovvisto di qualifica di P.S., ne dà pubblicità sulla sua pagina di facebook.
Forse, dice Forte, per equiparare le funzioni che i subalterni possedevano e Lui NO, ....insomma, per una sorta di par-condicio, inibisce loro l' uso delle armi, mandandoli a fare servizio d' ordine pubblico, disarmati, giustificato con le visite psico-fisiche cui gli appartenenti al corpo dovrebbero sottoporsi.
Al di là che annualmente, pare che dette visite siano obbligatorie e che il Comune ha pure a disposizione un medico legale pagato profumatamente dai Cittadini, ma era nel suo potere dettare simili ordini, sostiuendosi al Prefetto e al Questore ?
A proposito di Prefetto e di Questore, i cittadini di Roccasecca chiedono alle Loro Eccellenze, se simili comportamenti sono legittimi, legali e/o accettabili, soprattutto se inerisce la carica di un Soggetto, cui loro stessi non hanno concesso la funzione di P.S.
Alle Loro Eccellenze, Sigg.ri Prefetto e Questore, significhiamo che, il Sindaco Giorgio Giovanni, sembrerebbe aver delegato l' assessore Carmine Guerrino Torriero che non ha messo mai lingua in questo suo comparto dilaniato dalle lotte intestine e mobbizzanti i Vigili Urbani Storici...è normale?.
Non sarebbe arrivata l'ora di intervenire per porre fine all' anarchia Roccaseccana iniziando proprio a fare chiarezza e per trasparenza dire perchè non hanno concesso la funzione di P.S. al Comandante Marra da 50milaeuro l'anno.

08 gen 2015

APPALTI E SUB-APPALTI ...SALTI CHI PUO'


La Società Cedelba srl, Unipersonale del Sig. Salvatore di Dea, pare che si sia accreditata in pianta stabile a Palazzo Boncompagni, per l' assistenza ed aggiornamento dei software dello Studio K s.r.l. in dotazione al Comune di Roccasecca.
Appalti e Subappalti
 L' Ufficio Tributi sembra essere l' Ufficio più spendaccione del Comune di Roccasecca, a cominciare dal costo del responsabile, dott. Lanni, lo spendimg review, non sa proprio dove sia di casa, eppure è l' Ufficio che esige ed impone tariffe stellari, per tutti i tributi Locali.
«Roccasecca Libera» sta seguendo con molta attenzione la famosa gara dì appalto della Riscossione dei Tributi Locali, dalle vicissitudini di arrancante assegnazione...... perché?
E sopratutto tutti i costi sostenuti per il funzionamento di quell' Ufficio che, a partire dai softwere, sembrano come il «pozzo di San Patrizio».
I servizi informatici sono appaltati alla Società Studio K s.r.l con softwere in dotazione al Comune di Roccasecca. Oggi, all' albo pretorio on-line è stata pubblicata la determina del 7° Settore n. 30 del 7.11.2014, avente ad oggetto impegno di spesa in favore della Soc. Cedelba Soft srl per interventi straordinari sul programma in dotazione per inserimento dati TARI.
La Soc. Cedelba Soft srl di Frosinone ha offerto, pari data determina, ovvero 7.11.2014, il servizio di interventi straordinari inserimento dati TARI costo orario di € 40,00 al netto di IVA a persona.
La stessa Società Cedelba srl è stata ancora incaricata, con delibera di Giunta n. 152/2014, di convertire i dati della sparita Kibernetes per l' ICI 2009 e i dati delle Lampade Votive ed aggiornare il programa ICI dello Studio K con il proprio personale per 8 giorni negli Uffici Comunali fino al 31 dicembre, con fornitura di carta e spese postali a carico del Comune, ad un costo di € 10.000,00.
La cosa da sottolineare che la Cedelba Soft per tali lavori ha dovuto avere l' autorizzazione dallo Studio K, la qual cosa sa tanto di sub-appalto.
«Roccasecca Libera», nell' interesse del bene comune, si chiede e chiede:- E' stata basata sulla economictà, la scelta di pagare la Società Studio K, la Società Kibernetes, la Società Cedelba, in sub-appalto allo S.K?
Sembrerebbe proprio di no...... con questa questione di appalti e sub-appalti, apparentemente più improntati sulla «mangiatoia» che sullo spending review. Ecco come si spendono i sudati soldi dei cittadini-contribuenti di Roccasecca

05 gen 2015

NEGLIGENZE, DIMENTICANZE, PRESSAPPOCHISMO - BASTA!

I LAVORATORI DEL COMUNE DI ROCCASECCA SONO DIPENDENTI DELLA COLLETTIVITA' E NON DI GIORGIO ..... SIA BEN CHIARO....
ROCCASECCA -Foto di PIETRO SCERRATO

Visto che la Giunta Giorgio, per l' anno 2015, ha stanziato, come da contratto,  la somma di € 1.173.725,53 per pagare le retribuzioni ed i conseguenti oneri previdenziali dei dipendenti comunali,
Considerato che è tale sommetta-€ 1.173.725,53-, costa lacrime e sangue ai Roccaseccani, è legittimo e sacrosanto che i Roccaseccani controllino che i loro stipendiati, non sono lavorino con diligenza, ma soprattutto con competenza e senza sperpero alcuno, per meritarsi ogni centesimo di stipendio e/o salario e premi.
«Roccasecca Libera» vigilerà attentamente e segnalerà e denuncerà sempre se l' albo pretorio on-line viene tenuto a norma di legge sin da quest' inizio anno 2015.
Memore dei fatti e misfatti, sequenziali al maltempo e, a che non abbiano più a verificarsi, chiederà, con questo preavviso a chi di dovere, di vigilare ed appaltare nel rispetto della Legge.
E' stato inammissibile e grave che quel sottopasso, della «tragedia» da maltempo (pioggia), non sia stato monitorato e chiuso tempestivamente, ma solo due giorni dopo l' emergenza ghiaccio, per mancanza di sale, dopo che tante macchine in scivolo-giravolta con gli occupanti presi dal panico.
Non previsto? si può aver commesso un errore di valutazione, d' accordo, ha detto in un suo post sul social network il Resp. del Settore Lavori Pubblici, e il non aver tenuto conto di problematiche esecutive e progettuali assume il valore di "negligenza progettuale" pura e semplice..... e voi state dissertando su tre centimetri di neve ...
Bravo ! e che vor dì?!? ... Prima di tutto, I Roccaseccani si sono incazzati, ed a ragione, delle paure subite in costanza di neve e ghiaccio, dei disagi procurati dal non tempestivo intervento protettivo di chi di dovere.... del sale che non si era procurato l'Amministrazione, se non dopo due giorni insieme alla chiusura del sottopasso della «morte».
Da un Responsabile di Settore, così come dal Sindaco, ci saremmo aspettati, se non lungimiranti previsioni, con tempestiva protezione e messa in sicurezza, almeno PUBBLICHE SCUSE... non arroganti proclami. 

02 gen 2015

Il Sindaco Giorgio «PINOCCHIO», scambia il sole con il sale...

Detto popolare: «Non si dicono mai tante bugie quante se ne dicono prima delle elezioni, durante una guerra e dopo una nevicata gelata».


Foto di Tommaso Marsella

Il Sindaco Giovanni Giorgio di Roccasecca (FR), prima delle elezioni e dopo la nevicata di Capodanno 2015, ha snocciolato una serie di frottole condite di salamelicchi al presidente della Provincia, Antonio Pompeo ed all' ing. Antonio Trento, complimentandosi circa le squadre di operai per gli interventi di spazzatura della neve dalle strade di competenza provinciale e il successivo passaggio dei mezzi spargisale. ...
Ecco come è stata gestita la recente nevicata, a Roccasecca -Incapacità. Presunzione. Improvvisazione. Mistificazione! altro che le «cialtronate» del sindaco Giorgio, dai giornali e dalle TV locali: «La sinergia con la Provincia di Pompeo, ha permesso di tenere le strade pulite a Roccasecca e permesso la viabilità a Capodanno...... #Sindacopinocchio# .
A Roccasecca, tutte le strade, di tutte le zone, sono rimaste ingombrate dalla neve prima e dal ghiaccio poi, trappole micidiali, per ben tre giorni, addirittura zone intere isolate, come San Pietro a Campea, con ammalati bisognosi di cure in completo isolamento, i cui familiari si sono rivolti al Presidente dall' Associazione «La Voce di Roccasecca Libera», Bernardo Forte che si è attivato prontamente chiamando il Vigile Antonio Paliotta che ha provveduto a reperire qualche sacchetto di sale per quella famiglia, provvedendo la stessa a spargerlo. Il disagio c' è stato, eccome, perchè mancava il sale e chi lo spargeva.
Mancava persino il Comandante dei Vigili, in ferie dalla Vigilia di Natale all' Epifania ( così riferito da Rumors Paesani)... Bella «robba» eh! Sindaco, pagato profumatamente, pure...
Ma è stata istituita l' Unità di Crisi con Ordinanza Sindacale?
C' è  stato il censimento di tutti i mezzi che ipoteticamente avrebbero potuti essere impiegati ( solo quelli adatti e non i cingolati sulla neve ! ) ?;
E un piano di priorità per i vari interventi dei mezzi e degli uomini;
E la predisposizione di un capitolato tipo per le ditte private coinvolte, che già interpellate avevano dichiarato la loro accettazione (Meleo e Rea)?
E la disponibilità di uomini e pale ( adatte! ) per la pulizia di marciapiedi e accessi pubblici ?;
La distribuzione preventiva di sacchi di sale nelle zone di assegnazione ?;
E un efficiente coordinamento con tutti gli organismi interessati, provincia, anas, acea, enel ecc;
E un piano di coordinamento per mezzi e uomini ( nomi e cognomi, numeri di telefoni, piani di turnazione ecc ), pianificando il validissimo contributo di tutti gli organismi ufficiali e di volontariato che già in altre occasioni hanno ampiamente dimostrato la loro grande capacita'?;
E l'attivazione di un centro di emergenza e di coordinamento che ha funzionato egregiamente fino alla fine dell'emergenza ?.
Pare che tutto questo, neppure sulla carta, perchè, l' emergenza neve-ghiacciata, a Roccasecca, è stata gestita all' acqua di rose e senza mezzi, senza uomini e senza sale e senza neppure un HELP alla Protezione Civile Nazionale.
Solo questa mattina, 2 gennaio 2015 il Sindaco Giorgio, dal suo profilo personale di facebook, si scusa per i disagi e dà la lieta novella di aver provveduto ad acquisire 8 bancali di sale industriale, 10 tonnellate, per spargerlo sulle strade del territorio e per averlo come scorta di magazzino in caso di ulteriori criticità il pronto intervento.
Intanto, la prima criticità del 2015 è stata mal gestita, anche se dai giornali e dalle TV ha detto il contrario, forse scambiando il sole con il sale.
Disagi, disagi ed ancora disagi per i disagiati Roccaseccani, con strade intasate dalla neve e dal gelo compreso il sottopasso della «morte» anch' esso ghiacciato con le macchine che facevano giravolte con perdite di paraurti , solo questa mattina, 2 gennaio 2015, chiuso al traffico, come ha stigmatizzato dal suo profilo di facebook, il Segretario dell' Associazione «La Voce di Roccasecca Libera», Annamaria Matassa.
Comunque, le scorte di sale sono assicurate e speriamo proprio di non averne bisogno mai più....