Translate to:

30 apr 2009

FIAT -CHRYSLER ACCORDO RAGGIUNTO


Il Presidente degli Stati Uniti BaracK Obama, in conferenza stampa, darà l'annuncio ufficiale, oggi alle ore 18 e poi, la firma.

E' arrivata finalmente l'intesa dopo lunghe, complicate trattative e tentativi di intralcio europeo, tra la casa automobilistica Italiana e quella Americana .
Nasce quindi, grazie all'abilità di Marchionne, il quinto più grande gruppo automobilistico del mondo, dietro a Toyota, General Motors , Volkswagen e Ford e l'Italia ne è stata protagonista assoluta.
L'accordo prevede per la Fiat l'ingresso nel mercato americano e per la la Chrysler l'accesso alla tecnologia per produrre piccole vetture. Non ci sarà, invece, alcun passaggio di denaro. Fiat e Chrysler insieme produrranno 4,16 milioni di auto ma Marchionne ritiene che l'impresa automobilistica debba produrre almeno 5,5 milioni di veicoli.
Quindi, l'accordo, la presentazione del relativo piano di ristrutturazione e il successivo via libera della Casa bianca, sono necessari alla Chrysler per ottenere 6 miliardi di dollari di aiuti governativi per ristrutturarsi ed emergere più forte, grazie all'alleanza con la nostra Fiat.
A tra poco, il Presidente Obama, soddisfatto, annuncerà l'accordo FIAT-CHRYSLER e tutto l'mpegno profuso dagli Italiani e dagli Americani per non lasciare scomparire lINDUSTRIA AUTOMOBILISTICA AMERICANA.

I VIGILI URBANI DALLO PSICOLOGO


Per imparare a fare le multe

Non è una provocazione ma è un moderno e saggio suggerimento per far interagire in modo legale e civile automobilisti e vigili.
L'esperimento di una full immersion, curata da Paolo Rossi, psicologo del lavoro e autore di un volume apparentemente paradossale "Come multare gli automobilisti e farseli amici" è stata commissionatada un Comune del Nord Italia, avendo riscontrato come prima causa di infortunio le aggressioni dei cittadini infuriati dalle contravvenzioni.
Un bel modo per arginare tale situazione è stata quella di far partecipare i vigili urbani al seminario:"Armarsi psicologicamente".
Siamo tutti al punto di saturazione di vederci, ad ogni piè sospinto, comminare multe per infrazioni che nel DNA dell'automibilista si è inserita la psicosi da contravvenzione.
A tutto ciò, spesso, abbinato all'esborso monetario, giusto o ingiusto che sia, aggiungasi il modo poco-urbano del vigile comminatore, oppure la sua poco lungimiranza.
Quindi, non sarebbe peregrina, per gli amministratori di Roccasecca, l'idea istruire il vigili urbani al sorriso, alla cortesia e soprattutto a mettersi nei panni scomodi dell'automibilista psicologicamente provato da tutti gli stress quotidiani, per far Lui ingoiare con un sorriso, la pillola amara della contravvenzione

29 apr 2009

PD CERCASI CANDIDATO DI COLLEGIO


Il PD di Roccasecca lascia campo libero?

La data di scadenza per la presentazione delle liste con tutti i candidati in corsa all'occupazione degli scranni di Palazzo Gramsci si sta pericolosamente avvicinando e in quasi tutti i Collegi della Provincia di Frosinone è stato già dato ampio risalto ai "papabili" dei diversi schieramenti politici.
Ancora qualche riserva e/o qualche tassello mancante ma in linea di massima le candidature, proposte e accettate.
A Roccasecca, mentre è stata resa pubblica in modo chiaro ed inequivocabile la squadra dei candidati di Centro Destra: Alfano (PDL), Colantonio (DESTRA), il "Moderato" Nota (UDC); la squadra di Centro Sinistra è ancora da definire?.
E' stato pubblicizzato solo il nome del Sindaco di Castrocielo che gode dei crediti, vuoi di partito, che di una lunga permanenza del genitore alla Provincia, molto prodigo con la sua cittadina e molto avaro con Roccasecca, Colle San Magno e Colfelice tant'è che è sotto gli occhi di tutti il fiorire di Castrocielo, e il regresso degli altri Comuni (per memoria agli elettori del Collegio).
Il grosso punto interrogativo, quindi, è il candidato di Collegio targato PD che potrebbe portare avanti le istanze dei Cittadini di Roccasecca, Colle San Magno, Colfelice e Castrocielo per non lasciare carta bianca alla figliola dell'uscente Presidente, già V.P. alla Provincia.
Paura o incapacità?
Purtroppo, il Partito di Veltroni e Franceschini, anche a Roccasecca, non ha lo stesso peso politico che ha in Provincia e negli altri Comuni dell'alto Frusinate tant'è che a tutt'oggi nessun nome è stato fatto.
E' vero che il candidato a Presidente, Schietroma, ha fatto una corte serrata al Sindaco Giorgio (non è PD ndr), salvatore sempre della Sinistra locale con i suoi ampi ed indiscussi consensi, ma con esito negativo, così pare con esito negativo la richiesta al Vice Sindaco Isola, altro nome spendibile nell'universo PD roccaseccano, e ora?
Gli elettori di Centro Sinistra di Roccasecca, Colle San Magno.....si ritroveranno orfani del candidato PD locale lasciando campo libero?

Cofferati condannato ex art.28


Cofferati:" dall'art. 18 all'art.28"

L'aspirante Europarlamentare PD, Sergio Cofferati, già Leader della CGIL,già Sindaco "sceriffo" di Bologna e contestualmente Presidente del Teatro Comunale, ed è proprio in questa veste, che un giudice lo ha condannato per comportamento antisindacale, contro tale decisione, però, ha annunciato ricorso.
Non ce lo saremmo mai aspettato, direbbe qualche credulone, che un uomo tutto d'un pezzo, lavoratore indefesso, sindacalista doc, compagno di tante battaglie, per citare la più famosa ( art. 18 statuto dei lavoratori), per capirci, il trascinatore di folle al Circo Massimo di Roma, che lo incoronò "SANTO DIFENSORE E PROTETTORE DEI LAVORATORI" e gli spalancò la porta principale della Politica in un crescendo "Rossiniano", arrivasse a tanto, cioè applicare l'art. 1256 del C.C. che prevede la decurtazione dalla busta paga delle giornate di sciopero, non solo degli scioperanti, ma anche dei lavoratori "virtuosi" non aderenti allo sciopero.
L'intimidazione dell'applicazione dell'art.1256 è stata apposta dalle maestranze nella bacheca, del Teatro Comunale di Bologna, sicuramente con l' evidente obiettivo di far desistere i musici e gli altri operatori del settore dallo scioperare nelle giornate stabilite nel cartellone dell'opera di Rossini " La Gazza Ladra", ma i dipendenti hanno scioperato lo stesso e Cofferati ha applicato l'art.1256, i Sindacati, quelli seri, hanno difeso le ragioni dei dipendenti del loro sacrosanto di ritto allo sciopero e il Sig. Cofferati condannato così si legge:" il comportamento del datore di lavoro appare idoneo ad arrecare offesa alla libertà di sciopero, a prescindere dall'elemento intenzionale". Sergio Cofferati, nella sua veste di Presidente del Teatro Comunale è colpevole di comportamento antisindacale nei confronti dei dipendenti della Fondazione (art.28 st.lav.).
E' proprio un grande artista il Sig. Cofferati, ha costruito una grande carriera sindacale partendo dal basso e poi .......è scivolato e ritornato in basso!!! ma no !!!! Lui è bravo, sta sempre a galla ora grazie a Franceschini ce lo vediamo candidato all'Europarlamento.

27 apr 2009

UDC-MODERATI


Bagno di folla a Colle San Magno per il dr. NOTA CRESCENZO

L' evento oltremodo gratificante per i MODERATI e L'UNIONE DI CENTRO, uniti in confederazione, è stata la presentazione del Comitato Elettorale motore propulsore della prossima campagna elettorale per il rinnovo del Consiglio Provinciale di Frosinone a sostegno vittorioso del candidato UDC, per il Collegio Roccasecca, Colle San Magno, Colfelice, Castrocielo, dr. Nota Crescenzo.
I "MODERATI" si sono lanciati la sfida di essere protagonisti, insieme all'UDC ed altri soggetti politici, dell'affermazione del "POLO DI CENTRO", il cosiddetto "Terzo Polo", tutti insieme a sostegno del candidato alla Presidenza del Consiglio Provinciale di Frosinone, Avv. Domenico Marzi.
Ed è proprio con il dr. Nota Crescenzo, le cui doti professionali e umane sono notorie a tutti, che i "MODERATI-UDC, si giocano la carta per una vittoria dell'Avv. Marzi e del " TERZO POLO".
L'inizio è stato semplicemente scintillante e strabiliante e si è trattato solo della presentazione del Comitato Elettorale per Nota Crescenzo candidato nelle liste dell'UDC per il Collegio Roccasecca, Colle San Magno....
Vuoi per "l'allocation" suggestiva della Piazza Centrale di Colle San Magno, pavimentata con sanpietrini ad anfiteatro, insomma un palcoscenico naturale abbellito con svettanti bandiere dell'UDC, dei MODERATI e della bandiera Italiana; vuoi per gli oratori chiamati alla presentazione:Il Presidente Testa e il V.P. Tedeschi per i MODERATI e il Segr. UDC della Sez. di Roccasecca e naturalmente, il candidato Nota il cui indiscutibile "appeal" lo rende vincitore su tutti i fronti; vuoi per il tempo che si è messo a bello, dopo una mattinata piovosa ed un primo pomeriggio imbronciato, tutto l'insieme ha portato alla riuscita della presentazione.
Tutti e quattro gli oratori, mai ripetitivi, ma stimolanti e preparati hanno riscosso un successo tutto personale:
L' onore della presentazione è stato concesso al V.P. dei Moderati, Silvio Tedeschi, che si è dilungato in un "escursus ", prettamente politico, sulla Storia della Democrazia Cristiana, dai Padri Fondatori, alle vicissitudini post tangentopoli, all'UDC e MODERATI; è piaciuto moltissimo all'uditorio perchè ha saputo toccare le corde giuste con il richiamo ai valori fondamentali del MOVIMENTO DEI MODERATI e DELL'UNIONE DI CENTRO che in ultima analisi sono gli stessi della D.C. e quest'ultimo argomento ha risvegliato in moltissimi astanti ricordi struggenti e non solo.
Il secondo oratore, il Segr. UDC di Roccasecca, Marsella Giuseppe, dopo aver ricordato la gioventù nella squadra di calcio con Crescenzo ha plaudito alla federazione fortemente voluta da Lui e dall'On.le Anna Teresa Formisano che vede nel dr. Nota un valore aggiunto all'UDC e il candidato accreditato ideale per la vittoria del candidato alla Presidenza, Marzi.
Poi è stata la volta del candidato Nota Crescenzo, che nella sua semplicità, anche nell'abbigliamento, ha esposto i motivi della sua discesa in campo dettata da un'esigenza di dare il proprio contributo per la rinascita della Provincia di Frosinone in particolare, negli ambiti: Sociale, Sanitario, Naturistico-Ambientale ecc.
Ha un programma chiaro e preciso che è lo specchio dei Valori dei "MODERATI" .
Ha chiuso la sessione il Presidente dei MODERATI, Pino Testa, che da vero leader, con passione e sentimento, con molto orgoglio, ha messo in evidenza i successi del Movimento, che, benchè giovane, è nato un anno e mezzo fa, ha detto, si è distinto per l'intensa attività sul territorio per il lavoro indefesso degli associati, persone capaci, professionalmente valide piene di umanità e che concepiscono la Politica come la nobile arte del "Servizio".
Poi come si conviene : "TUTTI DALLA BERSAGLIERA" a consumare il goloso buffet preparato dalla Bersagliera Milena con l'auspicio di vittoria del candidato del Collegio Roccasecca, Colle San Magno, Castrocielo, Colfelice, dr. NOTA CRESCENZO.

De Angelis ( PD) presenta


"IL CONTO" AI CIOCIARI
"Do ut des" il motto del Sig. De Angelis candidato del Partito Democratico alle elezioni per il rinnovo dell'Europarlamento.
"Ho fatto tanto per questa terra "ciociara" in questi quattro anni alla Regione", dice l'aspirante europarlamentare, e queste elezioni devono essere l'occasione per la riconoscenza dei sudditi frusinate, ed il ritorno alle "cioce", aggiunge la sottoscritta.
Insomma, è la solita sinistra , con il solito modo di fare arrogante e presuntuoso e immemore dello spirito con cui una volta eletto si occupa lo scranno e si lavora e che tale lavoro deve essere svolto al meglio per il bene della collettività, e, soprattutto senza esigere impositivamente e coattivamente la ricompensa.
Indigna oltremodo, leggere sulla stampa anche on line, che l'unico candidato in grado di portare avanti le istanze della Provincia di Frosinone a Strasburgo è il Sig. De Angelis, già Assessore alla Regione Lazio.
Ma cosa ha fatto e come è cambiata la Provincia durante la Sua permanenza alla Regione? e quali effetti benefici ha prodotto la Sua permanenza e degli altri Compagni di Sinistra per 15 anni alla Provincia di Frosinone?
Se Frosinone e provincia, in tutti i sondaggi, è sempre l'ultima classificata; se la qualità della vita, a prescindere dalla crisi che in qust'ultimo anno ha dato il colpo di grazia, è stata sempre in regressione; per non parlare della Sanità allo sbando, dell'Agricoltura inquinata dal Fiume Sacco e dal Fiume Melfa; delle infrastrutture scolastiche, la maggior parte fatiscenti, prive sempre dell'ordinaria manutenzione con squilibri strutturali evidentissimi; dello stato precario delle aziende soprattuttepiccole,medie e grandi sempre in cassa integrazione
Cosa ci verrà a raccontare di così eclatante e quale "scoop" sarà in grado di archiettare e quale "alchimia" in questo mese di campagna elettorale si inventerà?
Una cosa è certa, l'elettorato, più maturo e consapevole, soprattutto della inerzia delle Sinistre, avendo sotto gli occhi e vivendo sulla propria pelle il continuo regresso socio-economico, in questa tornata elettorale: "altro che conto!!.!, Ha l'arma del voto che premierà chi merita e, sicuramente il Sig. De Angelis non è tra questi, anzi!!!!!!

26 apr 2009

MODERATI-UDC ai nastri di partenza con NOTA CRESCENZO



LA CAMPAGNA ELETTORALE del dr. NOTA CRESCENZO INIZIA OGGI.

PRENDETE NOTA, MI RACCOMANDO!!!!!!!!!!

Oggi, a Colle San Magno, ore 17.30 presso il Bar della Piazza ci sarà l'apertura della Campagna Elettorale del Candidato, dr. Nota Crescenzo, valore aggiunto,MODERATO, alla Lista UDC, che appoggia il Leader, Avv. Marzi, alla Presidenza della Provincia.
Verrà presentato il Comitato Elettorale alla presenza di grandi nomi della politica locale, e non solo, a cominciare dal Presidente dei Moderati Pino Testa, V.P. Silvio Tedeschi, Pres. di Roccasecca,Anna Maria Rossini, il Resp.UDC Giuseppe Marsella ed altri......

Roccasecca poco sicura

IN PIENO GIORNO
Erano le 16:00 quando alcuni malviventi hanno fatto irruzione in un appartamento sito in Via Piave 36. Incuranti della presenza di altri condomini sono riusciti ad entrare dal terrazzo retrostante, hanno alzato la tapparella, hanno rotto il vetro della porta e hanno cercato in tutte le stanze forse denaro o oro. Disturbati forse del rientro della proprietaria, non hanno avuto il tempo di racimolare nulla e sono fuggiti. L’appartamento è sito al primo piano di un condominio che ospita 10 famiglie. Pronto l’intervento del Comandante della Stazione dei Carabinieri di Roccasecca, Maresciallo Bottone che ha subito effettuato i rilievi del caso. La cosa veramente preoccupante, che in pieno giorni non si è più tranquilli e padroni di vivere la propria casa. Il rischio che qualcuno entri nella propria abitazione è sempre più una realtà anche in una cittadina
Dal Sito di Silvio Tedeschi

25 apr 2009

UN POPOLO DEMOCRATICO E' UN POPOLO LIBERO


Oggi 25 Aprile anniversario della Liberazione dell'Italia dall'invasione e dall'oppressione Nazi-Fascista

Il 25 aprile di 64 anni è una data molto importante per gli Italiani perchè,dopo anni di lotte, di sacrifici, di stenti, sono finalmente liberi dall'incubo dell'invasione Nazista e della dittatura fascista con l'aiuto degli alleati, americani, inglesi, ecc.ecc.
Ma quanto sangue, quante vittime, uomini e donne di tutte le età, è costato il raggiungimento di tale obiettivo che si è concretizzato, poi, nella garanzia dei diritti democratici di cui godiamo tutt'oggi e per dirla con le parole del nostro Presidente della Repubblica, Napolitano: "Il messaggio della resistenza "vive nella Costituzione".
Quindi è una data storica che da allora, e a seguire, anno dopo anno è stata sempre ricordata come omaggio a tutti quei "Resistenti", uomini e donne (cattolici, comunisti, liberali, socialisti, azionisti, monarchici, anarchici) che per non sottostare al regime oppressivo dittatoriale e all'occupazione Nazista, si batterono e morirono in nome della Libertà e della Democrazia e della Giustizia Sociale.
Un grazie commosso ed un ricordo per i nostri antenati che si sono immolati per la loro e la nostra "Libertà" e la nostra "Democrazia".
Un popolo oppresso non è un popolo nè "Libero" nè "Democratico".

24 apr 2009

Elezioni provinciali -Collegio Roccasecca, Colle San. Magno...............



Una grande forza Centrista "UDC-MODERATI" parte da Roccasecca, Patria di San Tommaso.

Saluto con orgoglio e soddisfazione l'alleanza tra l'Unione di Centro di Casini e il Movimento dei Moderati di Testa, che mi onoro di rappresentare, in qualità di Presidente, a Roccasecca.
Con coraggio e coerenza, come dice il V.P. Naz.le Tedeschi, forti delle nostre idee, Democratico-Cristiane e dei correlati valori, abbiamo intrapreso il difficile cammino di riportare la politica alla nobile arte del "Servizio" per la gente, tra la gente e nelle sezioni.
Non abbiamo richiesto tessere di partito ad amici, parenti e conoscenti ma il nostro è stato un lavoro certosino di pungolo e di portare all'attenzione delle istituzioni, iniziando dall'Amministrazione di Roccasecca, i bisogni della gente, le loro aspettative, che si concretizzano, in ultima analisi, nella cura dell'ambiente, attenzione per il sociale con un occhio di riguardo per i cittadini meno abbienti, malati, anziani, per non dimenticare i giovani, le scuole, vuoi come plessi che come didattica ecc. ecc., insomma le semplici azioni che rendono la vita delle persone, degna di essere vissuta, qualitativamente migliore.
Ma le tessere sono venute spontanee e gratificanti per il buon operare dei "MODERATI" così come l'alleanza federativa provinciale con l'UDC, grande forza politica nazionale, rappresentata al Parlamento Italiano dalla Cassinate, On.le Anna Teresa Formisano, che tanto ha fatto per la Sua Cittadina e per tutta la provincia di Frosinone.
L'On.le Formisano, politico di grande valenza, centrista convinta, ha riscontrato nei "MODERATI", una forza nascente centrista altrettanto fiera, indomita, ostinata e soprattutto libera e capace di portare avanti e affermare con coraggio e umiltà le proprie idee che, guarda caso, collimano alla perfezione con quelle dell'UDC; non per niente la matrice e la paternità è la medesima (Democrazia Cristiana).
Insieme, quindi, UDC-MODERATI si prefiggono un lavoro di affermazione della Federazione in Provincia di Frosinone, iniziando dalle prossime elezioni amministrative provinciali, con la candidatura del dr. Nota Crescenzo, Moderato, nel Collegio di Roccasecca, Colle San Magno Castrocielo, Colfelice, così si è espresso, l'Assessore al Bilancio, Turismo e spettacolo del Comune di Roccasecca nonchè responsabile della locale sezione UDC, Sig. Giuseppe Marsella, il cui spirito umanitario e l'intenso attivismo politico concreto fanno di Lui un esponente di rilievo sulla scena politica di Roccasecca.
Insomma con la neonata federazione "MODERATI-UDC", il candidato di Collegio, dr. Nota Crescenzo, rappresenterà, sicuramente, l'impegno e la promessa di vincere e vincere alla grande con il rispetto delle regole e dei valori Cristiano-Democratici: Onestà, Lealtà, Competenza, Generosità.

23 apr 2009

CON CORAGGIO E COERENZA

23 aprile 2009
Per chi come me è abituato a vedere la politica come una questione di valori e ideali, l’accordo sottoscritto tra il Movimento dei Moderati e l’UDC non è nient’altro che l’evolversi di un processo di maturazione e crescita politica da parte del Movimento dei Moderati. Sin dalla nascita i Moderati hanno sempre cercato di coinvolgere nel progetto di crescita, gli eredi della Democrazia Cristiana e comunque quelle persone della cosiddetta società civile d’ispirazione democratico-cristiana e moderati.
Ci siamo proposti sin dall’inizio, di dar vita alle Sezioni dei Moderati nella convinzione che il cantiere per la costruzione di un grande Partito Moderato e Centrista possa raggiungere tutti i suoi scopi nella misura in cui avrà al suo interno, fresca e vigorosa, la testimonianza di quanti si richiamano alla grande storia della Democrazia Cristiana.
Certo è vero, abbiamo avuto serie difficoltà all’inizio, i nostri ideali, le nostre battaglie erano viste come un pericolo per la stabilità di talune amministrazioni, eravamo però convinti che alla fine il lavoro e l’impegno ci abbia ripagato di tanti sacrifici. Abbiamo cercato più volte di favorire l’ingresso nei Moderati di coloro che ritenevamo e riteniamo ancora oggi una risorsa per il paese, abbiamo cercato di ricomporre nel nostro piccolo la diaspora democristiana che vede ancora oggi pezzi di DC in mano a politici che cercano affannosamente di rivendicarne la paternità. Il processo di maturazione politica dei Moderati ha subito un’accelerazione soprattutto negli ultimi mesi quando il confronto politico è diventato più impegnativo e per certi aspetti più stimolante. Gli scenari cui siamo stati invitati ci hanno consentito di far conoscere il nostro pensiero, negli ambienti dove la politica ha ancora un senso, la voce dei Moderati è stata ascoltata e di colpo il rispetto, la considerazione ed il peso politico dei Moderati è aumentato fino a che molti, hanno pensato bene di coinvolgerci in avventure politico elettorali. Purtroppo non è stato facile per i nostri interlocutori, siamo abituati a ragionare e siamo sempre stati disinteressati a svendere il nostro patrimonio politico culturale. Avremmo potuto trarne, specie in questa fase elettorale, solo benefici, abbiamo invece deciso di spendere la nostra faccia e soprattutto la nostra storia per una causa giusta, quella della nascita di un progetto politico dichiaratamente centrista e distante dai due poli. L’approdo naturale non poteva che essere l’UDC, un partito che ha avuto il coraggio di rimanere da solo nonostante avrebbe potuto ottenere tanto dall’attuale Governo. Un partito che ha saputo resistere alle sirene berlusconiane e non ha rinunciato al proprio simbolo, un simbolo che rappresenta oggi la storia di tanti democristiani. I Moderati, e non lo nascondiamo, sono nati proprio per il timore che qualcuno svendesse definitivamente quel patrimonio ad altri soggetti politici che avrebbero messo sotto i piedi, gli ideali che furono di Don Sturzo, di De Gasperi, di Aldo Moro. Oggi siamo più tranquilli perche abbiamo avuto la certezza che il leader dell’UDC Casini andrà avanti per la sua strada giungendo alla Costituente di Centro. I Moderati faranno sicuramente parte della costituente di centro come del resto vorranno far parte del PPE. Le radici democratico, cristiane saranno sempre alla base delle nostre scelte e su queste cercheremo di costruire anche in provincia di Frosinone, una grande aggregazione moderata capace di condizionare un modo di fare politica che soprattutto in provincia di Frosinone è stato fallimentare. Non ci sono mai piaciute imposizioni dall’alto come del resto non ci mai piaciuto rappresentare un’espressione algebrica, siamo abituati a misurarci con gli elettori e solo dopo il giudizio di questi siamo abituati a ragionare. In questa fase politica sono in tanti a considerare i partiti come una semplice somma di voti potenziali e non, il Movimento dei Moderati non ha un padrone come del resto non ha un solo Leader per i quali si è capaci di affrontare battaglie perse in partenza. La lealtà è alla base della nostra azione politica come del resto leatlà chiediamo a chi andrà a rappresentarci in tutte le sedi possibili, siamo consapevoli di poter affidare la nostra esperienza e la nostra storia politica ad uomini “ liberi e forti “ in grado di ragionare con il proprio cervello anche a costo di crearsi antipatia. L’accordo con l’UDC sarà sicuramente determinante e condizionante, sia il PD che il PDL non potranno prescindere da una grande forza politica che uscirà dalle urna, nessuno riuscirà a condizionare le scelte future di questo grande progetto politico, siamo e resteremo fedeli ai principi di democrazia e libertà, principi che qualcuno vuole tentare di cancellare mostrando cosi poco rispetto per gli elettori. Ogni cittadino è libero di votare il proprio partito e il proprio candidato e non ha bisogno di illusioni o peggio ancora di promesse, questo modo di fare politica ha già procurati tanti danni alla nostra nazione. Annientare le idee degli altri è uno sport praticato laddove manca la cultura e la libertà, l’Italia è una nazione che ha saputo conquistarsi e mantenersi la libertà , questo soprattutto grazie ad un partito, quello della Democrazia Cristiana. Chi oggi, ci propina semplificazioni elettorali, chi impone candidati, chi considera la politica solo e soltanto potere non è figlio di questa democrazia.

22 apr 2009

Nota Crescenzo, dei MODERATI sotto il Vessillo UDC


Impegno politico- civile dei "MODERATI" con il dr. Nota Crescenzo

Continua, anzi, è in crescendo l'attività dei " Moderati" su Roccasecca, Colle San Magno, Castrocielo, Colfelice, collegio disastrato e ammorbato da 15 anni di malgoverno del Centro-sinistra, perchè intende essere una risposta di fiducia e speranza alla moltitudine di persone, deluse ed inascoltate ovvero rimaste sole e indifese sempre prede degli "incettatori" di consensi che ad ogni elezione, con puntualità certosina, invadono le nostre piazze con promesse, promesse, promesse...., blaterando proclami su proclami, spot elettorali di opere di imminente fattibilità, areoporto regionale di Frosinone (?)( si rammenta che l'ok della Regione è subordinata a numerosissime variabili, tra cui l'analisi dell'impatto ambientale), soldi regionali in arrivo per le piccole e medie imprese ma mentono, consapevoli di mentire, sicuramente, non giocano pulito.
Ma il compito, degli "incettatori" di consensi,non era quello di tutelare e valorizzare il grande patrimonio artistico, ambientale, culturale con l'intercettazione dei flussi turistici, anche del mordi e fuggi?
Non ne sono stati capaci, non hanno creato un minimo di infrastrutture, così come sono stati incapaci di curare l'edilizia scolastica che sta crollando senza interventi e non sanno fare altro che sospendere le attività didattiche con la chiusura dei plessi scolastici.
Il Collegio di Roccasecca, Colle San Magno ecc è nel più totale abbandono,strade piene di buche, crinali delle montagne non in sicurezza, pericolanti costoni che richiedono spesso e volentieri la chiusura della strada (Via Caprile- tracciolino), Fiume Melfa inquinato dai liquami per carenza di depuratore, agricoltura e agricoltori allo sbando in stato pericolosamente recessivo e pensare che Roccasecca è stata considerata zona non industriale fuori dall'ASI.
Ma con la neonata federazione "MODERATI-UDC", il candidato di Collegio, dr. Nota Crescenzo, rappresenterà, sicuramente, l'impegno e la promessa di vincere e vincere meglio con il rispetto delle regole e dei valori Cristiano-Democratici: Onestà, Lealtà, Competenza, Generosità.

Da Ultimissime.net



ROCCASECCA - La scuola dell'infanzia dello Scalo chiusa per inagibilità

21 apr 2009

Roccasecca Scuole K .O.


Scuola dell'Infanzia di Roccasecca Scalo
chiusa per inagibilità

Non è che l'inizio e ciò che si temeva, purtroppo si sta avverando in contrapposizione a tutte le assicurazioni dell'Ass. ai Lavori Pubblici Sig. Forte Bernardo che ha sempre millantato la staticità e la buona manutenzione delle infrastrutture di tutti i plessi scolastici di Roccasecca. Sta esplodendo, insomma, in tutta la sua virulenza la Mala-Scuola, per ora limitatamente, alla sicurezza strutturale di edificazioni, forse non a norma, ma sicuramente di scarsa se non inesistente manutenzione. Il giro di vite dei controlli è iniziato e le gravose pecche accertate hanno portato alla decisione dei controllanti di procedere alla sospensione delle attività didattiche con la chiusura della Scuola- Materna dello Scalo. Ma nella stessa situazione, sempre in Zona Scalo, si trovano la Scuola Elementare e la Scuola Media, tant'è che una delegazione di genitori intende recarsi alla dirigenza scolastica per porre alla "Dirigente" semplici domande: I nostri figli sono al sicuro? Queste Scuole sono sicure?. Loro hanno negli occhi e nel cuore il recente dramma del terremoto abruzzese che ha mietuto tante vittime tra i giovani che alloggiavano nelle Scuole ( La Casa dello Studente), per non parlare di un recente passato della ecatombe di piccoli studenti e maestre della Scuola di San Giuliano, terremoto dell'Irpinia, e sono molto, molto, preoccupati e pertanto chiedono rassicurazione constatato che gli sciami sismici si avvertono anche a Roccasecca. I MODERATI invitano gli stessi genitori a fare le stesse domande al Sindaco e all'Ass. alla Pubblica istruzione e, soprattutto, all'Ass. ai Lavori Pubblici Sig. Forte rincarando la dose con l'illustrazione delle carenze circa i maniglioni antipanico, le palestre inagibili, gli impianti di riscaldamento antidiluviani, rubinetti gocciolanti e bagni intasati, insomma manutenzione ordinaria, oltre al ritinteggiamento delle aule, perchè i piccoli studenti hanno il sacrosanto diritto, sì allo studio, ma in ambienti confortevoli, puliti e decorosi, consoni ad un un paese, Italia, tra i primi grandi in Europa perchè i BIMBI DI ROCCASECCA non sono da meno di quelli di Roma, Milano, Parigi, Londra.

20 apr 2009

Esceth Ekos muore mentre Malta e Roma litigano


La nave turca "Pinar" prima soccorre gli immigrati alla deriva e poi li tiene prigionieri mentre Malta e Roma si contendono l'asilo e l'ausilio

La storia è di quelle che fanno stringere il cuore e lasciano l'amaro in bocca; è il solito gommone scafista pieno zeppo di immigrati, nigeriani, ganesi, liberiani, povera gente disperata e affamata alla ricerca di un "suolo migliore" che il destino crudele a loro negato.
All'orizzonte la nave della salvezza "Pinar", indirizzata verso di loro dalle autorità maltesi, il cui equipaggio prende a bordo i disperati malridotti immigrati, però, per giorni, nave e passeggeri restano in stand-by in attesa del da farsi, tra Roma e Malta che si palleggiano i poveri disgraziati; finalmente prevale la "Pietas" Italiana e i "prigionieri" vengono ricoverati a "Lampedusa".
Si è trattato solo di un disguido "tra amici"(Italia-Malta), così ha detto il ministro degli esteri maltese Tonio Borg, degenerata in una crisi umanitaria che l'Italia ha saputo risolvere, come al solito.
Ma tra gli immigrati è stato trovato, in un sacchetto di plastica, tra i rifiuti, il corpo di Esceth Ekos, diciottenne Nigeriana, cercava un futuro migliore per se e per il bimbo che portava in grembo ma ha trovato la morte, E' giusto?
Se Malta avesse dato i primi e imminenti soccorsi, per questo prende soldini dalla Comunità Europea, forse Esceth Ekos poteva coronare il suo sogno di una vita migliore insieme al suo bimbo.

19 apr 2009

La Società ENERGAS Spa


Libera Vicolo Paolozzi dalla pericolosità del Bombolone di Gas e i residenti traggono un sospiro di sollievo

L'inquietudine dei residenti di Vicolo Paolozzi e d'intorni stava raggiungendo un'acme indescrivibile, vista l'impotenza a risolvere da soli l'annoso problema dell'ordigno abbandonato da anni insistente su un terreno antistante l'ex Asilo Infantile gestito dalla Suore di Carità.
Si erano rivolti, poverini, al Sindaco, ad alcuni Assessori di maggioranza ed opposizione, alla ASL, Ufficio di Igiene e profilassi, all'ENERGAS, insomma, a destra e a manca trovando un muro inaccessibile, una sordità intollerante e, sicuramente, non risposte alle loro richieste che si concretizzavano, in ultima analisi, nel loro sacrosanto diritto alla salute e alla vita.
Non intendevano e non intendono più vivere, loro, gente normale, con villette carine e giardinetti curati, fianco a fianco con terreni degradati e abbandonati alberi pericolanti, erbacce, habitat malsano di insetti vari, serpenti, vipere, pipistrelli, per non parlare di topi, cani e gatti randagi e sollecitano tutte le autorità competenti alla salvaguardia ambientale, in primis, gli Ammistratori di Roccasecca, a bonificare, in vista dell'estate, quei terreni di Via Vicolo Paolozzi.
L'appello è stato rivolto, ultima spiaggia, ai "MODERATI" che, come nel loro stile, si sono, attivati per dare risposte concrete a quei Cittadini di Roccasecca di Vicolo Paolozzi bisognosi di pulizia, igiene, tranquillità e serenità, senza la spada di Damocle dell'ordigno inquinante e a rischio esplosione.
Comunque un piccolo, grande passo, è stato fatto, con la rimozione del bombolone di gas, e questo, grazie al sollecito intervento di un Funzionario ENERGAS SpA, tecnico esperto e persona responsabile.
Un grazie va al Sig. Fi. che sabato u. s. con l'ausilio dell'escavatorista Sig. M. A. ha proceduto alla difficile operazione di portarsi nell'impervia zona, tra rovi e alberi di alto fusto caduti, scavato, riportato alla superfice il bombolone, trasportato e con una piccola, gru issato su un camioncio e via.... il pericolo.
I residenti hanno potuto così trarre un sospiro di sollievo e ritornare alla calma quotidianetà.
Tutto grazie ai "MODERATI" e soprattutto grazie al quotidiano "La Provincia" che ha contribuito, con la pubblicazione della notizia, a sensibilizzare la Società ENERGAS SpA, così è stato riferito dal tecnico fuonzionario Sig. F.

17 apr 2009

Anno zero o sottozzero parte seconda


Lasciate lavorare Santoro, Travaglio, Vauro........
I Grandi Profeti detentori della verità di Annozero


"Lasciateci lavorare": è l'appello lanciato ieri sera dal conduttore Michele Santoro all'apertura di Annozero, trasmissione, che doveva essere riequilibrante della precedente, come sollecitato dal Direttore Generale Rai, Mauro Masi. Ma dei consigli del Direttore Masi, Michele Santoro e C, non sanno che farsene, se ne impipano, anzi, provocatoriamente, hanno imbastito un altro teatrino, come al solito sfottente, supponente, astioso, irrispettoso dei dettami aziendali e a tutto a sostegno del vignettista esautorato, Vauro, che a detta del conduttore è a San Pietroburgo ex Leningrado, ma che già dalla prossima puntata rivignetterà in tramissione. Ad onor del vero, però, bisogna dare atto di un breve spiraglio di encomi e di notizie equilibrate e veritiere riguardanti la Protezione Civile e il suo operato pro-terremotati a cui, peraltro, è stata data ampia voce in trasmisione Tutto il resto è stato un crescendo di ironia astiosa rivolta ad Emilio Fede e al suo tg, al quotidiano "Il Giornale", a Bruno Vespa, a Berlusconi, ma la vergogna delle vergogne sono state nuovamente le 15 vignette di Vauro che, benchè sospeso e quindi fuori dalla trasmissione, ha trovato il modo di irridere la Religione Cattolica ed offendere ancora i Cattolici, con il beneplacido di Santoro e, la ciligina sulla torta, la difesa-farsa in un processo farsa della Guzzanti. Ma una riflessione a questo punto è d'obbligo: Se neanche l'intervento del Direttore Generale ha sortito l'effetto di avere una trasmissione meno faziosa, giornalisticamente più equilibrata e corretta, quali sono le armi degli utenti paganti il canone Rai per indurre tutto lo staff di Annozero ad una virata piuù obiettiva e seria dell'informazione? "Lasciateci lavorare"!! grida Santoro, si è sacrosanto, ed eri pure bravo, prima, ma ricorda che i tuoi datori di lavoro, quelli che pagano le tue profumate prestazioni, siamo noi utenti che paghiamo il canone e quindi esigiamo rispetto, qualità e serietà nell'informazione e meno politica e soprattutto scherzate con i fanti ma lasciate stare i Santi ovvero le vittime del terremoto dell'Abruzzo.

Pensieri e Parole di Silvio Tedeschi all'amico Paolo Pesci


In silenzio e come era nel tuo stile ci hai lasciati.

Oltre ad essere un carissimo amico l’Avv. Paolo Pesci è stato per me un maestro nella vita e in politica. Le lunghe chiacchierate con lui, i suoi consigli (spesso energici e sanguigni) sono stati spesso e volentieri indispensabili per andare avanti e riprendere un percorso politico che stava per interrompersi. Un maestro di vita, un giornalista anomalo perché schietto e mai timoroso, un giornalista che aveva il coraggio di dire la verità, un politico che giovanissimo è stato Sindaco di Frosinone e poi Consigliere Regionale, uno dei massimi esponenti della Democrazia Cristiana in provincia, un politico, un uomo che ancora oggi era in grado di scrivere personalmente al Presidente Andreotti e ricevere da questi una risposta entro e non oltre le 24 ore. Una persona speciale a cui sono stato sempre legato e da domani sarà difficile per me non poter più riportare sul mio blog le note di Paolo Pesci. Grazie di tutto Paolo.
Tratto dal sito di Silvio Tedeschi

16 apr 2009

Berlusconi data il 21 giugno per compiacere Bossi

IL 21 GIUGNO SI ANDRA' ALLE URNE ANCHE PER IL REFERENDUM

Ballottaggio delle Amministrative e Referendum il 21 giugno p.v. così è stato deciso dall'esecutivo in carica.
Non ci sarà l'election day unitamente al referendum sulla legge elettorale, il 7 giugno, come richiesto dai referendari e gradita anche al Presidente della Camera On.le Fini che, alla notizia, non si è risparmiato di tacciare il premier Berlusconi e tutto il PDL di debolezza nei confronti dell'alleato Bossi che avrebbe minacciato di far cadere il Governo se non fosse stato accontentato.
Difatti il Premier, oggi, inaugurando la scuola del campo terremotati a Poggio Picenze (L'Aquila) ha detto:"Abbiamo scelto di non inseguire, quanto al referendum, una situazione per noi favorevole e molto positiva come il raggiungimento del sistema bipolare, facendo cadere il governo».
La forza, la potenza, il peso contrattuale della Lega nella maggioranza, allo stato attuale, è tale da mettere Berlusconi nella situazione di dover accogliere tutti gli "aut" "aut"del Senatur, per il bene della Nazione, visto il momento cruciale che stiamo attraversando: crisi economica, terremoto ecc.ecc...
La grande responsabilità del Governo, in questo momento, è la priorità che deve dare alla risoluzione dei problemi della ricostruzione dell' Aquila e di tutti i paesini disastrati, che arrivare al bipartitismo è veramente di secondaria importanza.
Ma è vero anche che Bossi e C. stanno approfittando del delicato momento per chiedere ed ottenere, egoisticamente, di tutto e di più ma, la notizia buona è che nelle trattative ricattatorie ha dovuto cedere con la rinuncia ad alcuni cavalli di battaglia "Leghisti" quali: no ronde, riduzione a 4 mesi di permanenza nei ctp e l'eliminazione per i medici di denunciare gli immigrati.
Non credo che Berlusconi sia così sprovveduto da non accorgersi che se continua l'andazzo di sottostare ai ricatti di Bossi il 51% se lo può scordare, anzi al Nord, il PDL scomparirà e allora, perchè non non ricucire lo strappo con Casini e con tutti i Moderati Centristi? Allora si che si potrebbe parlare tra gruppi veramente omogenei che hanno a cuore le sorti dell'Italia nella sua intierezza.
Se al Nord il problema sono i Leghisti, al Centro sono i capi-bastone del PDL che, non si capisce per quale arcano disegno, stanno, con alterigia per non dire arroganza, mettendo all'angolo tutti i Partiti satelliti del PDL forse pensano di raggiungere in autonomia il 51%? Ma tali comportamenti non pagano, anzi, sicuramente sortiranno l'effetto contrario cioè di far sgretolare il Castello costruito dal Premier.

Lettera di Santoro al Direttore Generale RAI


Santoro inizia a riequilibrare

In una nota rivolta al Prof. Mauro Masi , Direttore Generale Rai, tl conduttre di Anno zero, Michele Santoro tra le altre cose ha scritto:
"Tutto ciò non sminuisce il comportamento straordinario dei soccorritori dopo che si è verificato il terremoto, comportamento che nessuno di noi ha mai messo in discussione e che siamo pronti a ribadire in tutte le circostanze".
Perchè, allora in trasmissione e durante i collegamenti dell'inviato Ruotolo,
non ne è stato fatto cenno ed è stato rimarcato solo ed esclusivamente, qualche manchevolezza nell'organizzazione ingigantendola oltremodo? Per fare audiens?
Sarebbe deplorevole per un professionista serio come il dott. Santoro si picca di essere.

15 apr 2009

Anno zero o sottozzero


Azzerato il vignettista Vauro

Il "satiricon" di Anno Zero, Vauro Senesi, è stato punito da Mamma Rai, con la sospensione, per la vignetta di giovedì scorso, reputata lesiva dei sentimenti di pietà dei defunti e quindi, lo stesso vignettista, non sarà presente alla puntata dei faziosi Santoro-Travaglio di domani; fuori il primo.
Sono stati, i tre con l'aggiunta di Ruotolo, sempre e comunque, contro, a prescindere, e sempre rivendicando la libertà di comunicazione, informazione ed espressione; hanno sempre confezionato la trasmissione di Anno Zero a senso unico, dileggiando: ora il Popolo Palestinese ora gli Americani.... ma il dileggiato privilegiato è stato sempre " Berlusconi e il Suo Governo" considerato la "iattura" dell'Italia e degli italiani, il male dei mali, nell'incapacità più assoluta di "Governo" o accusati di virare le norme a proprio vantaggio lasciando nell'abbandono tutti: lavoratori, famiglie, giovani, anziani, terremotati, ecc.ecc......, soprattutto portando l'Italia allo sfascio.
Ma nell'ultima puntata, Vauro, ha insensibilmente esagerato, speculando sul dramma dei terremotat abruzzesi senza alcun rispetto nè per i vivi nè per i morti, con una vignetta grottesca rappresentante tante bare con la scritta:" aumentiamo la cubatura dei cimiteri" che gli è però costata la presenza alla trasmissione che andrà in onda domani, giovedì.
Mentre, per il programma, nel suo insieme, si dovranno attivare "i necessari e doverosi riequilibri informativi" specificatamente in ordine ai servizi andati in onda dall'Abruzzo. Non sono stati invece ravvisati sostanziali elementi di squilibrio nel dibattito svolto nello studio in ordine alla trasmissione.
Finalmente la voce autorevole del Direttore Generale della Rai Mauro Masi, al termine del vertice svoltosi a Viale Mazzini, nella giornata odierna, ha richiamato il conduttore Michele Santoro all'equilibrio e alla correttezza dell'informazione e speriamo che Travaglio se la smetta con le sue velenose e stupide esternazioni.
Ricordiamo che noi cittadini paghiamo il canone per avere una corretta informazione, soprattutto non politicizzata.

13 apr 2009

Il COMUNE x I CITTADINI


A Torino i certificati si stampano da casa

A Torino per richiedere i certificati più comuni, da quello di cittadinanza a quello di residenza, passando per lo stato di famiglia, non è più necessario recarsi presso gli sportelli del Comune. Basta infatti possedere la “Card Torino facilissima”, e via Internet digitando un numero segreto e la password è possibile stampare i certificati direttamente e comodamente da casa.

La stampa dei certificati, che può avvenire o in bollo, oppure in carta libera, non prevede tra l’altro alcun diritto di segreteria.

In questo modo, l’Amministrazione torinese punta ad abbassare notevolmente i tempi di attesa presso gli sportelli fisici del comune, dove potranno recarsi gli anziani che magari non hanno dimestichezza con Internet, gli stranieri che non parlano la lingua italiana, e tutti i cittadini per richieste più complesse che richiedono il supporto di un funzionario dell’Amministrazione cittadina.

la novità relativa all’emissione via Internet dei certificati farà risparmiare ai cittadini sia tempo prezioso, sia i costi per i diritti di segreteria.
Tratto da Mauro Blog

12 apr 2009

Aiuti concreti pro Abruzzo


Un aiuto concreto per la ricostruzione dell'Abruzzo


Alla Presentazione della prossima dichiarazione dei redditi sarà possibile devolvere la quota Irpef del 5 per mille anche alla popolazione abbruzzese. Lo ha annunciato il Ministro dell'Economia, Giulio Tremonti. E' un'opportunità per tutti coloro che in questa Settimana Santa hanno pianto i morti e aiutato i vivi. La Città di provincia, L'Aquila, e tutti i paesini limitrofi rasi al suolo a cominiciare da Onna, devono essere ricostruiti e per fare ciò occorrono interventi sostanziosi. Il Governo e tutte le altre istituzioni periferiche, stanno facendo la loro parte così come la Protezione Civile, i Vigili del Fuoco, le Associazioni di volontariato che, indefessamente, si stanno prodigando per rendere meno penosa, ai sopravvissuti, la "Vita", vuoi con l'organizzazione delle risorse di prima necessità che il grande cuore del popolo italiano non hanno fatto mancare e a cui si sono aggiunti gli aiuti dei popoli stranieri (del mondo intero), vuoi proprio con la rassicurante presenza fisica. Ma tutto questo non basta perchè il disastro procurato dal sisma è di enorme portata e ben vengano, quindi le iniziative governative di coinvolgimento e sensibilizzazione. Questa è un'opportunità di dare un aiuto concreto: Alla presentazione della prossima DICHIARAZIONE DEI REDDITIDEVOLVIAMO il 5 PER MILLE PRO TERREMOTATI DELL'ABRUZZO

11 apr 2009

Via Francigena Sud da Roma a Brindisi


Avviato lo studio di fattibilità

Cassino è comune capofila del progetto culturale-turistico-ambientale della Regione teso a valorizzare l’antico itinerario storico-religioso della via Francigena del Lazio che da Roma arrivava fino al porto di Brindisi. Il Comune ha affidato lo studio di fattibilità “Terra di San Benedetto” ad un’associazione culturale da presentare poi alla regione che a sua volta lo inserirà insieme a quelli di altri enti interessati delle varie province attraversate dalla famosa via Francigena.

La Regione coordinerà le iniziative che, a vari livelli istituzionali e locali, interverranno su questo particolare aspetto del patrimonio e del territorio, individuato come una chiave di valorizzazione integrata e di sviluppo economico sostenibile. Il lavoro interdisciplinare di uno specifico gruppo tecnico regionale ha portato all’individuazione di un tracciato, interamente praticabile a piedi o in bicicletta, di cui è stato avviato anche il recupero fisico e la messa in sicurezza coordinando diverse risorse finanziarie regionali. Le direttrici di attraversamento riguardano il Lazio meridionale e orientale attraverso le vie consolari Appia e Casilina e di conseguenza la terra di San Benedetto che venne attraversata spesso dai pellegrini, nei secoli scorsi, diretti verso le Puglie per imbarcarsi a Brindisi per l’Oriente e la Terra Santa.

Si tratta di riscoprire una rete di sentieri che sfruttano il tracciato delle antiche vie romane con interventi di conservazione, ripristino e messa in sicurezza del percorso o interventi per la realizzazione o l’adeguamento di punti sosta attrezzati al servizio degli escursionisti lungo i percorsi ciclo-pedonali, l’installazione di strumenti di orientamento e accessibilità, segnaletica e cartellonistica della via Francigena. L’obiettivo è di ricreare le condizioni della vecchia via e quindi di attrarre quei turisti appassionati di percorsi storici.
(Il Messaggero)

10 apr 2009

Roccasecca/ Vicolo Paolozzi


VICOLO PAOLOZZI ex  VIA DEL MONTE:" DEGRADO AMBIENTALE  MA SOPRATTUTTO STATO DI PERICOLOSITA' PER SERBATOIO DI GAS PIENO DI LIQUIDO INFIAMMABILE ABBANDONATO".


Il bombololone dell'ENERGAS non usato e incustodito, l'incuria e lo stato di abbandono in cui versa lo storico vicolo delle Suore, che  tanti concittadini conoscono bene avendolo percorso per anni per recarsi all'asilo, ambiente di sana religiosità culturale, dove venivano amorevolmente accuditi e istruiti da "Suor Lunziata, la Superiora" e "Suor  Pazienza" ed altre,  prima del passaggio alla scuola elementare, sono l'annosa questione rappresentata alle autorità competenti dai cittadini, che vivono nelle vicinanze.
I Cittadini, da tempo, si sono attivati con istanze incisive e petizioni orali al Sindaco ed ad alcuni  amministratori, di maggioranza e opposizione,  rappresentando lo stato di estrema pericolosità del bombolone pieno di gas liquido infiammabile, avvalorato anche dalla relazione del funzionario dell'ENERGAS SpA, che è intervenuto sollecitamente, ma, come si legge in una missiva rivolta al proprietario di cui esiste copia agli atti del Comune,non ha potuto effettuare il controllo per l'assenza dello stesso che a quanto pare non si sa se sia vivo o morto, avendo acquistato la proprietà in tarda età e comunque residente a Roma (?).
Resta il fatto che il terreno su cui insiste è completamente ricoperto di sterpaglie, alberi caduti e/o recisi ( uno di questi alberi copre completamente il bombolone), una giungla, covo di serpi, topi, insomma un habitat favorevole l'annidamento e lo sviluppo di insetti, flora e fauna variegata, non sempre favorevoli all'uomo, ma sicuramente una  pericolosità per la salute pubblica.
I MODERATI denunciano  e invitano il Comune perchè si attivi a ripulire o far ripulire il terreno per poter consentire all'ENERGAS la rimozione del bombolone, ovvero la bomba ad orologeria, che se fino ad ora non è esplosa è solo un caso fortuito e visto che si sta avvicinando l'estate non interveniamo quando è troppo tardi.
Una denuncia ed un invito anche alla Curia di Sora-Aquino che sembrerebbe essere la proprietaria del terreno confinante con quello incriminato altrettanto abbandonato e sempre con alberi recisi e ricadenti sul bombolone.
Quindi, considerato che  tutta la zona è a densità abitativa sostenuta, dove c'è anche l'Asilo di Roccasecca Centro e il prefabbricato della Chiesa  frequentato dai ragazzi dell'oratorio, i "MODERATI" invitano  il Sindaco Giorgio, gli Assessori e il Consiglio Comunale tutto a dare priorità assoluta alla cura igienico-sanitaria del Vicolo Paolozzi ma soprattutto alla rimozione del sebartoio dell'ENERGAS SpA.   
      
  

Dal Blog dei MODERATI

Sono in tanti a chiederci come si può offrire aiuti ai terremotati. Per gli amici di Roccasecca consigliamo di prendere contatto con la Confraternita Misericordia di Roccasecca Tel. 0776 566000 – 566477. Consigliamo inoltre di mettersi in contatto con organizzazioni  d’indubbio valore morale e da sempre presenti sul territorio come la Misericordia, la Croce Rossa, la Caritas e altre riconosciute dallo Stato. Queste realtà cui va tutto l’apprezzamento per il lavoro svolto, sono le uniche in grado di rappresentare le esigenze della popolazione abruzzese e in grado di selezionare il tipo di aiuto necessario, abiti, viveri, medicinali, e tutto quanto necessario a superare questo momento di difficoltà. Senza il coordinamento si rischia di inondare quelle zone di materiale inutile che rischia di essere inutilizzato.
Il Presidente Nazionale
Giuseppe Testa

09 apr 2009

Il PD candida Cofferati


IL PARTITO DEMOCRATICO SI RINNOVA E
ALLE EUROPEE CANDIDA "COFFERATI"


La figura del marito esemplare e del papà amorevole che abdica alla poltrona di Sindaco di Bologna per l'ambito ruolo di uomo qualunque, normale, tutto casa e famiglia, "pappa e pannolini" peraltro pubblicizzato su tutti gli organi di stampa qualche tempo fa, aveva intenerito ed infranto il cuore di tutte le donne che lo additavano come "marito ideale", "eroe" da mettere su un piedistallo.
Mai uomo politico si era esposto, rinunciatario alla fama e al prestigio, alla notorietà di apparire, per votarsi al sacrificio ed alle gioie del talamo nuziale e presenza costante di padre, moderno, voglioso di crescere il pargolo, senza interfernze estranee.
Ma Cofferati detto il "Cinese" per i suoi famosi occhi a mandorla, milanese, che ha fatto prima una brillantissima carriera a Roma nella sigla sindacale della CGIL, poi si è cimentato nella carriera politica come sindaco di Bologna e, ora aspirante alla poltrona di europarlamentare, su proposta del leader del PD, Franceschini, non è nuovo ai colpi di scena di vittima che si immola per la "causa".
Resta memorabile il discorso di addio da Segreterio della CGIL:" mai e poi mai scenderò nell'arena politica, voglio ritornare in fabbrica" ma subito dopo ce lo ritroviamo candidato sindaco di Bologna.
Storia recente:" sono stanco delle grane che comportano l'amministrare una città come Bologna e poi ho una moglie giovane ed un bimbo piccolo bisognoso della figura paterna che vivono a Genova città molto distante da Bologna e proprio tale distanza non mi consente di stare loro vicino e godermeli, per cui rinuncio alla carriera di sindaco.
E poi? Bruxelles da forse meno grane di Bologna? o è più vicina a Genova?
Cofferati!!! Cofferati!!!!le tue pinocchiate le conosciamo a menadito noi che non siamo di sinistra, ma le conoscono pure gli iscritti e i simpatizzanti del PD che si aspettavano un partito diverso, giovane formato da giovani che scalpitano per un ruolo che mai verrà, visto che le poltrone vengono offerte ai soliti noti.
Una domanda a Franceschini? L'OPA che ti ha lanciato Epifani quando l'accoglierai? Presto? Forse stai insistendo anche con Lui perchè si sacrifichi per il Morente Partito Democratico? Lì c'è un bacino di voti da non sottovalutare e tu lo sai visto che stavi in prima linea alle Terme di Caracalla a sventolare la bandiera rossa.

08 apr 2009

Terremoto a Roccasecca


Roccasecca/ La Chiesetta di Santa Maria lesionata dalle scosse telluriche

Due vistose crepe parallele sono apparse in modo evidente sulla volta della Chiesetta Romanica ubicata in Via Santa Maria Vecchia.
Sono stati i i proprietari del locale che sovrasta la Chiesetta a segnalare ed allertare il Comando dei Vigili di Roccasecca che hanno assicurato un sollecito intervento dell'Ufficio Tecnico nella giornata di domani, per un sopralluogo di verifica dell'effettivo danno e pericolosità dello stabile, e l'eventuale messa in sicurezza.
La sottoscritta ha invece provveduto a segnalare il danno ai Carabinieri che sono prontamente intervenuti sul posto, sollecitando la chiusura della chiesa e si sono recati ad avvisare il Parroco Don Enzo.
Grazie Comandante.
Speriamo che questa notte i cosiddetti sciami, che si susseguono senza tregua, non siano di così forte densità da procurare seri danni alla struttura e alle persone.

07 apr 2009

Elezioni Provinciali


SCHIETROMA VUOLE EVITARE UNA "CAPORETTO" E CHIAMA A RACCOLTA TUTTI I SINDACI

L'ordine di scuderia, vista l'aria che tira, è:"Tutti i big devono fare la loro parte, dare il proprio contributo alla causa "Salvare il Soldato Ryan (Centro-Sinistra)".
Ma i Rumors della provincia di Frosinone insinuano che molti sindaci, tra cui quello di Frosinone, Marini, e quello di Roccasecca, Giorgio, pongono qualche resistenza, nicchiano, tentennano, danno delle giustificazioni poco credibili, insomma stanno facendo del tutto per defilarsi dalla corsa al massacro.
Ma, mentre Marini è espressione del PD, non si capisce l'insistenza del PD per il Sindaco di Roccasecca, Giovanni Giorgio, che risulterebbe non avere tessere di partiti e tanto meno quella del Partito Democratico, tant'è che la Giunta da Lui capeggiata è compositamente e rigorosamente disomogenea, anche se tutti i membri attivisti di partiti politici ( PD-PDL-UDC-Rif.Com e il Capo -medico, ovvero società civile ).
E' vero che è Sindaco, e quindi perfetto per la chiamata, ma si da il caso che dovrebbe rappresentare gli elettori del Partito Democratico che fino a prova contraria è un movimento molto attivo a Roccasecca e Provincia, movimento che ha fatto anche le famose "Primarie", vanto storico del PD, ed ha una intensa e larga partecipazione in Consiglio Comunale; peccato però che la loro voce sia spesso inascoltata dal Primo Cittadino, quando soprattutto puntano i piedi per avere assessorati.
La debolezza del PD di Roccasecca è pari alla debolezza del PD Nazionale di Veltroni e Franceschini, eppure tra le fila dell'accorpamento DS-Margherita di Roccasecca non risulterebbero esserci figuranti, bensì maggiorenti della Politica locale, per lo meno due ex sindaci e assessori in carica, ovvero pezzi da novanta in grado di non far sfigurare l'aspirante Governatore Provinciale, Schietroma, che invece si ostina e reclama a gran voce la candidatura del Sindaco Giorgio.
La sottoscritta, Anna Maria Rossini, desume, quindi, che il PD di Roccasecca è nell'incapacità più assoluta di esprimere una candidatura o paura di mostrare tutta la debolezza o della sicurezza dell'insuccesso elettorale di un proprio candidato visto che sull'altro fronte Centro-Destra ci sono tre candidati forti, espressioni di partiti: Colantonio (Destra), Alfano (PDL), Nota (Moderati-DC).

06 apr 2009

Moderati e Democrazia Cristiana


MODERATI E DEMOCRAZIA CRISTIANA- IL FUTURO-

E' il presente ma, sicuramente, tale binomio sarà il futuro di Roccasecca e dell'intera provincia di Frosinone perchè detentori e divulgatori della buona e sana politica che si sta riavviando e vivacizzando nelle " Sezioni" luoghi deputati a tale operazione che si stanno rivelando spazi aggregativi di idee e di strategie innovative per rompere ed uscire dalla stallo segregativo procurato dalle Sinistre.
Ci si sta approntando alla Kermess elettorale del 6/7 giugno p.v. e i vecchi soloni di sinistra rispolverano e ripropongono le vecche ed obsolete tematiche strategiche elettorali, vuoi di uomini che di promesse generanti aspettative che sicuramente non si manterranno, una volta eletti, procurando, stress, incazzature, disaffezione alla politica e cosa ancora più grave, sprofondamento nei gorghi più profondi.
Schietroma chiama all'appello tutti i Sindaci perchè, spera, lo sta pubblicizzando su tutti i giornali, di avere un exploi come quello suo predecessore, Scalia del 2004, senza prendere in seria considerazione che i tempi sono diversi, l'aria insalubre procurata dai 15 anni di "mala amministrazione" dei Compagni è così satura che i boccheggianti elettori, sono alla ricerca di un cambio della guardia che li risollevi, e dia loro uno sprint tutto nuovo e una speranza concreta per il futuro.
Quindi, non è sufficiente che Buschini, aspirante futuro vice di Schietroma, vada per mercati e fiere, che De Angelis, aspiarante europarlamentare, vada ad inaugurazioni e promozioni varie ad elargire, ed in questo non si risparmia, promesse di fondi regionali per le piccole e medie imprese ed altro ancora, artisti, insomma dell'impapocchiamento e nel tessere le tele, per il tentativo, maldestro, di riappropriarsi del Palazzo Gramsci pensando di far passare nel dimenticatoio tutti i treni che non sono stati in grado di prendere oppure volutamente non presi : Aerporto, Fermata TAV, Acea Ato5, Finanziamenti vari, per non parlare di tutte le opportunità in merito alla Sanità.
Ma, devono solo prendere atto che il bicchiere è colmo ed i "Ciociari" necessitano e chiedono a gran voce interventi concreti per risollevare le sorti della provincia disastrata, in tutti gli ambiti: economici-sociali-culturali, insomma una speranza di un futuro migliore per la qualità della vita che solo uomini diversi potranno assicurare.
Così come diversi, nuovi, volenterosi, lungimiranti sono i MODERATI e D C, perchè vicini alla gente, sul territorio 24 ore su ventiquattro, e quindi conoscitori di tutte le problematiche che 15 anni di governo delle sinistre hanno procurato, linfa nuova capace , insomma un ricambio generazionale salutare.


04 apr 2009

Valzer dei numeri

Se La matematica non è un opinione

La portata delle presenze alla manifestazione della CGIL, al Circo Massimo, è discussa ma soprattutto discutibile, visto che la superfice è di 140.000mq, calcolando 4 persone per ogni metro quadro (ad abbundanzia) si arriva ad un totale di 560.000 persone; calcolando che i manifestanti possono occupare anche le strade che lo circonda o, si arriva sempre esagerando ad un milione di individui, ma già sappiamo che non è così, perchè per la Questura, le presenze sono, in assoluto, 200.000 invece dei roboanti trombanti numeri degli organizzatori.

Elezioni provinciali -Collegio Roccasecca, Colle San. Magno...............


A.A.A. CERCASI CANDIDATO
Mentre il Centro Destra ha già definito (salvo modifiche dell’ultima ora) la squadra dei candidati nel Collegio di Roccasecca, Castrocielo, Colle San Magno e Colfelice in casa PD si attende con ansia una candidatura forte ed in grado di contrastare la pattuglia del centro destra composta da Alfano, Nota e Colantonio. Il PD che tempo addietro aveva reclamato più visibilità in seno alla maggioranza che governa la Città di Roccasecca non esprime grossi nomi al suo interno e stando a quanto apparso sulla stampa sembra proprio che debba affidarsi per l’ennesima volta al Sindaco Giorgio che pur non essendo PD potrebbe comunque salvare la faccia alla compagine di Centro Sinistra. Su Ciociaria Oggi il Sindaco Giorgio viene indicato come probabile candidato della Sinistra e se cosi fosse il PD dovrà votare compatto per lui optando ancora una volta per un candidato non organico. Il Sindaco Giorgio è sicuramente un nome spendibile e il suo consenso elettorale è riconosciuto da tutti, solo lui potrebbe salvare la faccia al PD che altrimenti rischierebbe di fare una brutta figura e di questo sono consapevoli i dirigenti provinciali del partito. In questo modo cadono tutte le ambizioni e le prerogative del PD Roccaseccano che giorni addietro aveva cercato di ottenere qualcosa in più dalla Giunta Giorgio, un PD che aveva in tutti i modi cercato di differenziarsi per non essere travolto dal giudizio popolare. Dovrà pertanto rimettersi in mano al Sindaco Giorgio per salvarsi la faccia e per poter dimostrare ai dirigenti provinciali di essere ancora vivo a Roccasecca. Peccato che il Sindaco Giorgio non è un tesserato ma si sa in politica quando la nave sta affondando si cerca di salvarsi in tutti modi, cosi accadde 2 anni e mezzo fa quando il Centro Sinistra Roccaseccano pur di non perdere le elezioni preferì far parte della sagra di Progettiamo il Futuro che vedeva al suo interno Destra, Sinistra e centro. Tratto dal blog di Silvio Tedeschi

03 apr 2009

Ritorna acqua e luce


Di nuovo luce e acqua al Cimitero di Roccasecca

La tempestività con cui si sono riaccese le lampadine dei loculi cimiteriali e l'acqua è tornata a sgorgare dalle fontanine del cimitero, merita una considerazione sul modo di porgersi e di portare alla pubblica attenzione le problematiche della Cittadina, ma soprattutto sulla capacità incisiva dei "Moderati". L'Amministrazione, forse distratta da problemi più importanti, ha trascurato e lasciato al buio le tombe dei defunti roccaseccani, così come non non aveva provveduto a riparare i guasti delle tubature dell'acqua, pensando bene di chiudere tutto e mettere stop. all'erogazione. Sono bastate due parole dei " MODERATI" e voilà: "luce e acqua". Questo ci fa enormemente piacere, soprattutto, per i Cittadini che, inermi, hanno scoperto che non sono soli e inascoltati, ma hanno trovato nei "MODERATI" lo spirito solidale, speciale di chi sa e vuole mettersi al servizio nel modo giusto e paritario, che, a quanto pare, piace anche agli Amministratori in carica, visto che, basta una parola detta con rispetto, per esaudire i "desiderata". Ma non basta il ripristino di luce ed acqua, chiediamo ancora una pulizia totale ed una cura più consona al sacrale luogo " il Cimitero".

02 apr 2009

Da Augusto Pigliacelli


Tira proprio una brutta aria...

Ancora una figuraccia per la nostra Provincia, ancora un allarme per il nostro territorio, ancora un irritante immobilismo dell'Amministrazione Scalia (o chi per lui) e del Sindaco Marini. Gli ultimi campanelli sulla qualità dell'aria non hanno sortito alcun effetto: stiamo letteralmente soffocando per lo smog. Secondo i risultati di un'indagine condotta da Arpalazio, Frosinone è la città più inquinata del Lazio. L'ennesimo vergognoso record. Il livello massimo delle polveri sottili è stato superato, dall'inizio dell'anno, per ben 63 volte. Se poi consideriamo i resoconti della campagna di Legambiente contro le particelle Pm10, allora salta fuori che Frosinone, nel periodo 12-15 marzo, è seconda per inquinamento solo a Torino! Non ci sono più aggettivi epr descrivere l'impotenza dei nostri attuali amministratori, non resta che turarci il naso e auspicare tempi migliori! Visita il sito: http://www.civisonline.it/