Translate to:

04 apr 2009

Elezioni provinciali -Collegio Roccasecca, Colle San. Magno...............


A.A.A. CERCASI CANDIDATO
Mentre il Centro Destra ha già definito (salvo modifiche dell’ultima ora) la squadra dei candidati nel Collegio di Roccasecca, Castrocielo, Colle San Magno e Colfelice in casa PD si attende con ansia una candidatura forte ed in grado di contrastare la pattuglia del centro destra composta da Alfano, Nota e Colantonio. Il PD che tempo addietro aveva reclamato più visibilità in seno alla maggioranza che governa la Città di Roccasecca non esprime grossi nomi al suo interno e stando a quanto apparso sulla stampa sembra proprio che debba affidarsi per l’ennesima volta al Sindaco Giorgio che pur non essendo PD potrebbe comunque salvare la faccia alla compagine di Centro Sinistra. Su Ciociaria Oggi il Sindaco Giorgio viene indicato come probabile candidato della Sinistra e se cosi fosse il PD dovrà votare compatto per lui optando ancora una volta per un candidato non organico. Il Sindaco Giorgio è sicuramente un nome spendibile e il suo consenso elettorale è riconosciuto da tutti, solo lui potrebbe salvare la faccia al PD che altrimenti rischierebbe di fare una brutta figura e di questo sono consapevoli i dirigenti provinciali del partito. In questo modo cadono tutte le ambizioni e le prerogative del PD Roccaseccano che giorni addietro aveva cercato di ottenere qualcosa in più dalla Giunta Giorgio, un PD che aveva in tutti i modi cercato di differenziarsi per non essere travolto dal giudizio popolare. Dovrà pertanto rimettersi in mano al Sindaco Giorgio per salvarsi la faccia e per poter dimostrare ai dirigenti provinciali di essere ancora vivo a Roccasecca. Peccato che il Sindaco Giorgio non è un tesserato ma si sa in politica quando la nave sta affondando si cerca di salvarsi in tutti modi, cosi accadde 2 anni e mezzo fa quando il Centro Sinistra Roccaseccano pur di non perdere le elezioni preferì far parte della sagra di Progettiamo il Futuro che vedeva al suo interno Destra, Sinistra e centro. Tratto dal blog di Silvio Tedeschi