04 nov 2009

LA FINLANDESE RIPUDIA IL CROCIFISSO


e ne chiede la rimozione dalle aule scolastiche italiane alla laica Corte Europea dei diritti dell' uomo

Con la sentenza favorevole alla cittadina finlandese la Corte Europea, che non ha tenuto nel benchè minimo conto, la cultura, le tradizioni, la storia del Popolo italiano, ha dato un forte segnale di laicismo imperante sul territorio europeo.
I Valori del cristianesimo che hanno permeato, sin dagli albori la società italiana, sono stati ,vergognosamente, messi in discussione dalla Corte Europea di Strasburgo che ha trattato la questione a prescindere da ogni considerazione circa la sensibilità, i sentimenti di amore e rispetto, la storia, le tradizioni, i significati, insomma, che il Popolo Italiano attribuiscono al simbolo della Croce.
Quindi ben fa il Governo Italiano a produrre ricorso contro tale ignobile sentenza.
Tutti i Politici, da pulpiti trasversali, hanno avuto parole di condanna avverso la sentenza Strasburghese e tra queste la più chiara e sensibile all' argomento quella del Segretario di R. D. C., Publio Fiori che mi corre l' obbligo citare :“I cattolici si debbono svegliare e recuperare quel protagonismo politico che li metta in condizione di difendere una storia e una cultura che rappresentano la più alta tradizione democratica, sociale e civile dei nostri tempi”. “E’ necessario – ha conclusoculturale Fiori – ricomporre l’arcipelago democristiano per realizzare un partito ispirato ai principi del cattolicesimo, della dottrina sociale cristiana e del popolarismo per porre, così, fine a una diaspora che ha condannato i cattolici e i loro valori all’insignificanza politica”."pee".
Giusto e sacrosanto e speriamo che per tutti i Centristi sia arrivata l' ora della riscossa!!!!!!!