23 ago 2010

40 ASSOCIAZIONI V(U)OTO A PRENDERE


anomala proliferazione in una piccola comunità come Roccasecca

Roccasecca pullula di Associazioni, della più disparata natura, e quasi tutte, guarda caso, di chiara matrice di sinistra, dato incontestabile, pur nello statuto apolitica, apartitica ed altre amenità  ecc. ecc.
L' associazionismo imperante in quel di Roccasecca fa sorgere seri dubbi circa l' effettivo ruolo e l' effettiva utilità delle numerose Onlus sul territorio, visto che a muoversi sono sempre le stesse con i soliti noti fratelli, sorelle, zii, nonni nipoti, sempre gli stessi.
Ma il collante che le unisce è di colore rosso ceralacca, che, avendo raggiunto i minimi storici si sono attivati e organizzati con l'amica amministrazione Giorgio e l' assessore ai servizi sociali, che tutto fa, come ad esempio sponsorizzare il  Festival resistenteMente  di chiara matrice politica, che il suo lavoro di sostegno ai meno abbienti, ai malati, agli anziani chiusi nelle case e soli, ecc. ecc.
Sono circa 40 e non è uno scherzo per una cittadina come Roccasecca bisognosa di una illuminata amministrazione, che carente, per sostituto, ha dato corda alle Associazioni  i cui membri sono pronti a dare una mano per la salute del paese.
Bingo!!!!! per i politici e gli aspiranti politici che giocano a rotta di collo sul volontariato, sulle necessità lavorative dei giovani e su tutte e le persone perbene che vogliono bene a Roccasecca.
Ma la rivitalizzazione culturale e sociale  del nostro paese specialmente  nelle belle serate estive concretizzantesi con  l' intrattenere residenti e "turisti" fino a notte fonda estive,  è stato  da tempo demandato ai privati ed ai commercianti interessati in quanto la Pro-Loco roccaseccana dorme, svegliandosi dal letargo con le "Cantine de na vota".
Comunque a Roccasecca ci sono una serie di appuntamenti che non sono racchiusi in un unico programma ma vengono resi noti, volta per volta, dai vari organizzatori che si preoccupano, individualmente della riuscita della manifestazione e di reperire i fondi necessari per l' organizzazione dell' evento stesso.
Ma si sa che le "pro loco" sono nate anche per gestire e coordinare tutte la manifestazioni organizzate sul territorio di competenza e godono di una collaborazione inevitabile delle amministrazioni comunali, tant' è che ne è previsto un rappresentante nel consiglio direttivo.
Perchè a Roccasecca latita?
Secondo noi sarebbe opportuno che l' amministrazione comunale autorizzasse per l' organizzazione di tutte le manifestazioni solo la "pro loco"riconoscendole l' onere e la responsabilità degli eventi ma nello stesso tempo individuandola come unica destinataria di eventuali contributi economici.
Quindi auspico, per il futuro, una Roccasecca più organizzata sotto una " pro loco" funzionante ed attiva senza tanti rivoli inutili alle varie affiliate alla "Consulta delle Associazioni"comune.roccasecca.associazioni