21 ago 2010

UN EVENTO DA EVITARE (ResistenteMente)


UN EVENTO DA EVITARE (ResistenteMente)
 ResistenteMente.....per pochezza di contenuti, idee scarse e per millantato credito dei promotori e dei partecipanti.


I soldi della collettività, come al solito, spesi male, per un evento di pseudo cultura o meglio di chiara sottocultura ma il cui unico obiettivo è quello di incrementare l' odience dell' IDV che da quando è apparsa sulla scena di Roccasecca non ha fatto altro che fagocitare il PD e i partiti di tutta la sinistra, comunque affari loro.
Pomposamente pubblicizzato come I° Festival Internazionale Autori Indipendanti con quattro soldi di sponsor che subitamente avranno  un ritorno,  come i peccati di Gola, e  L' Associazione l' Alveare promotore unitamente alla Consigliera dell' IDV che avranno, forse , ritorno in termini di consenso.
Lo scopo, quindi, è ben preciso e mirato, solo che i soldi sono della collettività, visto la sponsorizzazione del Comune di Roccasecca che manda in avanti alla Consulta delle Associazioni sempre di Roccasecca.
Ma è mai possibile che si debba subire sempre l' imposizione, dei soliti noti, di spettacoli ed eventi a senso unico?
I soldi sono dei Roccaseccani e quindi, tutti i cittadini dovrebbero essere fatti partecipi di qualsiasi spostamento dei loro soldi verso la cultura universale, non solo di sinistra.
Se Festival documentaristico ci doveva essere e si doveva proprio fare, il tema, per lo meno, doveva essere più democratico per essere aperto a tutti ed avere larga partecipazione, se proprio la vogliamo dire tutta.
Questa esigenza sociale, dettata dalla legge bavaglio, come si legge in una recensione, la dice lunga sullo svolgimento dell' evento, sulle tematiche trattate, sugli spettacoli e sui dibatti che si andranno a tenere e/o fare che di cultura universale hanno il NULLA.
Il lupo, felino in via di estinzione che ne è il logo, di ResistenteMente, cadrà nell' oblio più assoluto e non gli resterà altro che rintanarsi  vergognosamente nelle grotte più anguste, tanto più nessuno ne avrà paura, anzi sorriderà se caso mai dovesse fare una breve apparizione.
Ci vuole ben altro a Roccasecca che lungometraggi, cortometraggi di misconosciuti e i loro exursus artistici e per di più di sinistra, i soldi dei Roccaseccani devono essere spesi per attività più utili visto il sociale bisognoso dei più elementari aiuti, e i ragazzi allo sbando senza un briciolo di attenzione e di luoghi aggreganti.
Insomma come al solito si sperpera il Pubblico denaro a tutti i livelli per scopi propagandistici