02 ago 2010

ANOMALIA "BERLUSCONI"

stroncata dal co-fondatore del PDL, Gianfranco Fini e nuovo corso della politica nazionale e locale

Crisi di governo, non crisi di governo è l' agosto più rovente da tutti punti di vista oltre al meteo..... che rientra nella norma.
Agosto, mese di vacanze e di relax  per i lavoratori dipendenti delle fabbriche tipo FIAT, vacanze e relax per gli studenti, i professori il personale ATA, per i dipendenti dei Tribunali: giudici, avvocati, impiegati ecc, insomma per tutti quelli che amano, o viene concesso, il forzoso meritato riposo, con il sole agostano, compresi i Politici....
Ma per questi ultimi, questo agosto, contrariamente agli altri, sta diventando un mese di lavoro, visto che le "chete acque"  sono state agitate da un sasso buttato nello stagno dal "Cavaliere" nonchè Premier, Silvio Berlusconi.
Il sasso, prima di cadere nello stagno,  ha colpito in faccia il co-fondatore del PDL nochè presidente della Camera, Gianfranco Fini, generando così uno "tsunami" non solo nel PDL ma in tutti gli altri schieramenti vuoi di destra, Lega compresa,  vuoi di sinistra, IDV compreso.
La "liaison" Cav-Cam si è rotta dopo un lungo tirare la corda da parte di entrambi le cui incompatibilità etico-politico-sociali si sono appalesate sin dalla costituzione del Partito del "Predellino", come dice Pier Ferdinando Casini (UDC) che, prevedendone la fine,  declinò, sin da subito, l' invito a salire.
Di questa rottura, insanabile o no, alcuni stanno tremando, come gli amici Leghisti che vedono traballare il loro Potere Politico basato sul "NULLA", inconsistente nell' apparenza e nella sostanza, aggrappati a Berlusconi, che non ha capito il gioco,  come ad una bombola di ossigeno un "asmatico".
Intanto alla Camera ed al Senato il Gruppo Unico del PDL si è scisso in due: -"PDL" e "Futuro e Libertà" dei Finiani  che hanno  dichiarato comunque fedeltà al Governo Berlusconi , avendo quest'ultimo mantenuto al suo interno Ministri del Gruppo "F eL ".
I giochi sono fatti? Boh!! arriverà Berlusconi a chiudere questa legislatura?.
Buonsenso vorrebbe che dichiarasse le sue dimissioni, visto e considerato che la crisi c' è ed è visibile a tutti; si attivasse un bel GOVERNO DI TRANSIZIONE, che mettesse a punto la RIFORMA ELETTORALE  che è quella di cui si ha veramente bisogno, visto i danni del  porcellum di Calderoli e poi alle urne LIBERI E BELLI TUTTI.
Queste sono le aspettative della gente che non ne può della crisi economico-finanziaria che non passa e dei litigi della Politica tra i co-fondatori del PDL (Berlusconi-Fini), delle insulsaggini della Lega, del giustizialismo di Di Pietro, delle lotte tra Politica e Magistratura, della inettitudine del PD la cui leadership è incalzata da uno che PD non è, (Vendola):
RICUCIAMO L'ITALIA CON IL PARTITO DELLA NAZIONE!!!!!!!!!!!!!!