11 apr 2013

TUTTI, A ROMA-REGIONE


TUTTI, A ROMA-REGIONE, al tavolo delle trattative con il Ministro Clini per studiare una soluzione alla gestione della «munnezza» di Roma, Ciampino, Fiumicino e Vaticano da trattare alla SAF SpA di Colfelice.....Il Comitato «NO TARSU» in attesa di convocazione a partecipare 

per essere protagonisti, non per mero esibizionismo o fine politico acchiappavoti, ma per far sentire una VOCE DIVERSA dalle solite,  dei  Cittadini di Roccasecca per il «BENE COMUNE».
Il Comitato di tante battaglie avverso l' iniqua tassazione dell' Amministrazione Giorgio Bis, ha idee ben chiare circa la questione dei 120 giorni di applicazione del decreto Clini.
Roccasecca è seduta su un POZZO DI PETROLIO e questi, Sindaci e Comitati Ambientalisti,  non vedono che sabbia-spazzatura  e poi si lamentano che in 20 anni siamo diventati Paese da terzo mondo e che anche l' ultima battaglia contro i rifiuti di Roma li ha VISTI PERDENTI (Fabrizio Di Cioccio via facebook).
Il POZZO DI PETROLIO (SAF e MAD), non devono arricchire i soliti sceicchi locali.......ma essere anche fonte di benessere e di qualità di vita con ambiente sano e salubre per la Popolazione di Roccasecca.
Orbene, se a questo tavolo permanente siederanno solo i soliti noti ambientalisti con le solite litanie: Chiusura della Descarica di Cerreto.....Non Vogliamo essere la pattumiera del Lazio.....bla...bla.....bla ...sicuramente saremo sempre i «paria» oppressi da Roma Ladrona e la «munnezza» della Regione Lazio e fuori Regione Lazio ci sommergerà sempre e comunque senza alcun beneficio concreto
Gli amministratori di Roccasecca come non rendono chiari, con la Pubblicità di Legge, i contratti con MAD e SAF e San Galli,  non renderanno noto NULLA delle loro pretese a sostegno risarcitorio del disagio e  danno subito dai Cittadini.
Prima di tutto esigere dal Sindaco di Roccasecca cosa ha fatto fino ad oggi, per l' ambiente e la salute dei compaesani, con i 600mila euro annui, della MAD;
Quali azioni con gli altri 90 Sindaci per l' ammodernamento della SAF;
La progettualità futura, a medio e lungo termine,  per l' ambiente e la salute;
Ma prima di ogno altra cosa i CITTADINI DI ROCCASECCA CHIEDONO L' ESENZIONE DELLA TARSU......NON PAGARE LA TASSA SULLA «MUNNEZZA».....TANTO PER ESSERE CHIARI
E' quindi VITALE e RIVITALIZZANTE la presenza del Comitato «NO TARSU»  al tavolo delle trattative di Roma di martedì 16 aprile, perchè da quel tavolo dovrà  uscire una proposta autorevole, rappresentativa e concreta per un nuovo Piano Rifiuti Regionale all’interno di una nuova programmazione.