10 feb 2010

BAVAGLIO PER UN MESE

a Floris, Santoro, Vespa con le loro trasmissioni di
approfondimento politico

Le trasmissioni di approfondimento politico: Ballarò, Anno Zero, Porta a Porta subiranno uno stop dal 28 febbraio al 28 di marzo è quanto deciso dalla vigilanza Rai in ottemperanza all' applicazione della par condicio per le elezioni regionali.
Il provvedimento è passato con i voti del Centrodestra e dei Radicali e la notizia è stata letta in diretta a Ballarò dal conduttore Giovanni Floris, provocando la reazione dell’onorevole Pierferdinando Casini dell’Udc, il quale ha parlato di legge “assurda” e “illiberale” passata con l’aiuto del centrosinistra, visto che a votare è stato anche il radicale Beltrando.
Protestano anche i piccoli partiti: «È la riduzione ai minimi termini delle forze politiche più piccole, violando il valore costituzionale della tutela delle minoranze», dice Pancho Pardi (Idv). Aggiunge Angelo Bonelli dei Verdi: «Mi appello al presidente Napolitano affinché non venga compiuto questo vero e proprio furto di democrazia. Continuerò il mio sciopero della fame a oltranza». Oliviero Diliberto, segretario dei Comunisti italiani, parla di «atto indecente compiuto da un eletto nelle liste del Pd».
Mentre l' USIGRAI: “Domani stesso apriremo le procedure per lo sciopero dopo la decisione della vigilanza dimettere il bavaglio all’informazione Rai durante la campagna elettorale. Si stanno minando le ragioni stesse del servizio pubblico. Una assurdità“, ha dichiarato Carlo Verna dell’Usigrai.
Tutte le altre miriadi di tarsmissioni socio-politiche e quelle di mediaset tipo "Matrix" che ne sarà?