14 feb 2010

BINETTI - UN' ALTRA PEDINA ALL' UDC

BINETTI - UN' ALTRA PEDINA ALL' UDC Ieri a Cassino (FR), prima dello scacco matto al Partito Democratico

Era comunque prevedibile che l'anima cattolica teodem, Paola Binetti, abbandonasse la zattera di Pierluigi Bersani, ma quello che non si prevedeva era l' approdo all' UDC, visto che  era entrata nel PD con Francesco Rutelli che fuoriuscito prima di tutti aveva dato vita ad un proprio partito centrista "API ".
Non ha scelto Alleanza x l'Italia , bensì l' Unione di centro essendosi fatta due conticini numerirci  come si evince dalle sue esternazioni: Con Casini penso di "rifare la Dc di De Gasperi, un partito-pensatoio del 15-20% che riesca finalmente a rappresentare le istanze e i valori in cui credo", insieme a Rutelli e pezzi cattolici del Pdl e del Pd come Marini, Fioroni, Franceschini, Castagnetti, Bachelet, Bobba.
Le Sue giustificazioni:"mi sono sentita un bersaglio, mi è stato negato il diritto alla parola e alla rappresentanza dei valori cattolici" e quindi ribadisce il suo augurio che la Bonino perda la corsa nel Lazio perchè quella candidatura secondo lei è stata "un autogol" del Pd.
Mercoledì ci sarà l' ufficializzazione insieme al presidente Rocco Buttiglione, ma già da ieri a Cassino, presso l' aula Pacis, alla presenza del Padre Abbate Dom Vittorelli, agli on.li Carlo Casini e Anna Teresa Formisano la teodem ha dato la prima testimonianza dell' entrata nella casa degli eredi di De Gasperi, Einaudi, Don Sturzo.
L'UDC non può che essere orgogliosa di annoverare tra le fila una donna di acclarato spessore morale e intellettuale come Paola Binetti.
La fuoriuscita della Binetti dal PD è dispiaciuto a molti  a cominciare da Bersani e Marco Follini che in proposito così si è espresso: "Rispetto la scelta della Binetti anche se non è la mia scelta. Quello che trovo più preoccupante è che questo lungo stillicidio di abbandoni del Pd venga accompagnato troppe volte da un silenzio gelido e burocratico dello stato maggiore del partito".
Speriamo che dopo le regionali nella provincia di Frosinone, termini il commissariamento con il ripristino del organismi provinciali eletti democraticamente in modo da guardare oltre l' UDC, ovvero alla Costituente di Centro e/o al Partito della Nazione.
Intanto, Benvenuta On.le Paola Binetti!!!!!!!!!!