30 dic 2009

Il Presidente dei Moderati


Il presidente dei Moderati in carica, persona onesta, coerente, limpida e corretta che non frequenta aule di Tribunale nè perchè viene citata, nè perchè cita, espone i propri pensieri in linea con il Movimento e nell' interesse del Movimento sempre e comunque.
Il Gruppo Storico ha tratto numerosi vantaggi dall' avere un leader di siffatto spessore, sempre presente a tutte le  riunioni e manifestazioni vicine e lontane, lasciando spazi infiniti a tutti, altruista fino all' inverosimile  e le cui azioni sono state sempre e per i Moderati.
Quindi, leggere bugie nefande di pseudo inficiamenti ( ma cosa va dicendo?, a cosa si riferisce?) per gettare discredito sulla sottoscritta, mi amareggia moltissimo, visto il contributo dato ai Moderati.
La cosa che più mi colpisce, inoltre, e mi fa male è che sta tentando in tutti i modi di disgregare un " Gruppo" molto coeso, grazie anche alla sottoscritta, socio fondatore leale e sincero.
Se i miei scritti vengono letti male o male interpretati la responsabilità non è certo mia, ma di chi li legge in modo distorto e ne fa un uso distorto come ad esempio: Di Petro e Borrelli : Ritorna mani pulite.
La Magistratura, che io onoro e rispetto, non è il Pool di mani pulite, Di Pietro e c. ma i tanti magistrati, morti e vivi che si dedicano al loro lavoro con onestà intellettuale,  al servizio dei cittadini applicando seriamente la legge senza scopi Politici e Giustialisti come fanno i Giudici citati nel post.
Dei morti, anche se socialisti, come Craxi,  se non si vuol parlare bene, sarebbe meglio tacere
Il Presidente dei Moderati
Anna Maria Rossini


 MAGISTRATURA di Giovanni Buttazzo

I Moderati in questa circostanza possono essere suscettibili di mala interpretazione ma in questo momento è opportuno che la platea tutta detrattori compresi capisca bene che i Moderati sono un gruppo storico che non possono tollerare l’inficiamento del proprio operato da parte del Presidente in carica. Io Buttazzo Giovanni mi unisco al pensiero di Silvio Tedeschi che ben illustra questa circostanza di confusione. Un esempio per tutti è il fatto che per me l’Onorevole Di Pietro è tale nel suo presente come nel suo passato è, non mi sento di disconoscere il contributo della sua categoria e dei suoi martiri, potremmo non essere d’accordo con la sua storia ma sicuramente non mi sento di accreditargli malefatte di sorta.