13 lug 2010

TANTO RUMORE PER NULLA


e la discarica di Cerreto-Roccasecca, dopo un sequestro lampo, torna a funzionare a pieno regime

Ci avevano creduto gli ambientalisti  dei Comitati di "San Cataldo" e "Contrasto"che da anni stanno si stanno battendo per la salvaguardia ambientale dei paesi dove insistono fianco a fianco una discarica ed un inceneritore, ci avevano creduto i cittadini di Roccasecca, Colfelice, San Giovanni Incarico che l' operazione di ieri dei N.O.E,  Nucleo Operativo Ecologico reparto dei Carabinieri di  Roma, avesse messo la parola fine allo scempio ecologico aggravato dalla lavorazione e dal traffico dei rifiuti tossici radioattivi.
Ma la gioia è durata poco giusto il tempo di far fare la passerella giornalistica al politico locale dell' IDV e a qualche amministratore comunale pseudo ambientalista e questa mattina la doccia fredda, sequestro tramutato in sigilli, pressioni provinciali per evitare il rischio emergenza "monnezza"  estiva dei 91 Comuni della provincia di Frosinone serviti dall' unica discarica di Cerreto.
Infatti  La società Mad srl, che gestisce la discarica di Cerreto posta sotto sequestro   a seguito dell'istanza del Presidente della Provincia di Frosinone Antonello Iannarilli, tramite il dott. Padula, custode per la società rende noto quanto segue:
 "Considerata l’istanza predisposta dal Presidente della provincia di Frosinone nella quale si segnala che nella discarica gestita dalla Mad vengono quotidianamente conferiti i RSU provenienti da 91 comuni della Provincia di frosinone, trattati dall’impianto di Colfelice gestito da Saf spa, considerata l’istanza predisposta dal geom Lozza, amministratore unico della Mad srl, nella quale, oltre a ribadire quanto già indicato dal presidente della Provincia, si evidenzia che nella discarica gestita dalla Mad vengono conferiti, tramite la Aquaser srl, i fanghi provenienti esclusivamente dagli impianti di depurazione urbana gestiti da Acea ato 5 e da Acea ato 2, autorizza, dopo aver preventivamente informato telefonicamente del rischio di una situazione di emergenza rifiuti sul territorio della provincia di Frosinone il P.M. dott. Guarriello, la Mad srl a ricevere in discarica i rifiuti pretratti dall’impianto di Colfelice gestito dalla Saf spa nonché i fanghi provenienti dai depuratori urbani da conferirsi da parte della società Aquaser srl".
Praticamente la discarica di Cerreto continuerà a ricevere i rifiuti con buona pace dei politici i cui spot pubblicitari restano solo e semplicemente spot.