30 ago 2009

VELENI E RANCORI ISTITUZIONALI


Turbano il XV Festival Internazionale " Severino Gazzelloni"
La serata di apertura del festival, Notte all' Opera, si prannunciava brillante: folto e caloroso pubblico, splendide coreografie naturali come la "Piazza Longa", Il Castello dei Conti d' Aquino illuminato per l' occasione, il palco con alle spalle un maxi schermo riprendente l' orchestra, Extra TV che riprendeva integralmente l' evento e i ragazzi di radio gioventù che trasmettevano in diretta la bella e buona musica dell' Orchestra Internazionale d' Italia diretta da Tony Cipriani, e le voci di tre grandi artisti della lirica, italiani come Masha Carrera, soprano, Giorgio Gatti, baritono e il tenore spagnolo Ignacio Encinas.
L' organizzazione tecnica ed artistica, mai come quest' anno, aveva messo su un programma succulento e variegato di brani operistici conosciuti tratti dalle opere dei grandi, Verdi , Puccini ecc. ecc.; insomma, contrariamente agli altri anni, sembrava mettersi al bello come infatti è accaduto fino all' intervallo con tutte le premesse e le promesse artistiche mantenute.
All' intervallo, l' incanto si è rotto per un incauto incidente procurato dal Sindaco Giorgio, che come si sà, l' arte della comunicazione non è il suo forte.
E' il momento delle Istituzioni e il presentatore chiama sul palco il Sindaco di Roccasecca, dr Giovanni Giorgio con fascia tricolore, il neo europarlamentare e amico, De Angelis, e il neo eletto Presidente della Provincia Antonello Iannarilli, ma non chiama il neo eletto assessore alla cultura, Arch. Antonio Abbate, peraltro di Roccasecca.
Il Sindaco saluta e ringrazia il prestigioso parterre di intervenuti Sindaci dei Comuni limitrofi, le auorità militari, il presidente della Banca Popolare del Cassinate, sponsor della serata, il rappresentante dell' Ideal Standard sostenitore storico della manifestazione; ma le parole più calorose di ringraziamento sono per la Regione Lazio e per l ' amico De Angelis.
Non solo senza l' accoglienza che si conviene ad una istituzione importante come quella provinciale ma come quasi ospite indesiderato, l' on.le Iannarilli sta lì, in disparte, aspetta il suo turno di oratore e, quando arriva, senza mezzi termini esordisce più o meno così: "Il Sindaco non ha ringraziato la Provincia perchè non ha stanziato i soldi per il XV Festival Gazzelloni, dimenticando che la mia Giunta di Centro-Destra è operativa solo da giugno scorso e quindi, la mancanza degli interventi pro-Roccasecca, sono da ascrivere alla Giunta di Centro-Sinistra, amica della Giunta Giorgio, comunque sin d' ora mi impegno anzi coinvolgo l' assessore alla cultura presente a darsi da fare per far si che la Provincia, il prossimo anno, sia generosa stanziando impegni cospicui, in favore di Roccasecca.
Dopo di che, irritato, lascia la manifestazione senza salutare il Sindaco che, prima del brindisi finale, riprende la parola e continua ad elogiare De Angelis, sempre vicino e generoso e poi accenna all' assenza degli impegni reali per risolvere le problematiche del territorio come la discarica di Cerreto e la crisi dell' Ideal Standard che porterebbe alla Cassa Integrazione o al licenziamento di 40 operai mettendo sul lastrico le rispettive famiglie.
Lodevole portare all' attenzione della gente i disagi della gente anche se in un contesto di festa di ascolto e godimento spirituale della grande musica, ma farne una strumentalizzazione politica e di innalzamento e appagamento del proprio Ego questo è censurabile, così come in effetti è stato censurato.
I ........omissis , sempre vicini e solidali ai lavoratori dell' Ideal Standard con un pensiero privilegiato verso i figli, le mogli le famiglie degli sfortunati lavoratori, esprimono parole di condanna allo show del Sindaco, fuori luogo e fuori tempo.
Visto che il giorno precedente aveva indetto un Consiglio Comunale ad Hoc poteva preparare con i sindacati CGL, CISL UIL ... , con l' Assessore alle problematiche sociali, Marcuccilli, un breve intervento, prima dell' inizio della "Notte all' Opera", anche con la partecipazione di una rappresentanza dei lavoratori dell' Ideal Standard, invece del fuori tema e aberrante Zeling.