15 nov 2010

IL GIORNO DELLA VERITA'

IL  GIORNO  DELLA  VERITA'aperta la Crisi del Governo Berlusconi  dai ministri  di Fini

Il ministro  Andrea Ronchi,  il  viceministro Adolfo Urso ed i sottosegretari Antonio Buonfiglio e Roberto Menia,  per il venir meno del rapporto fiduciario nei confronti del Governo, inviano lettere di dimissioni da membri dell' esecutivo, decretando così la fine reale e concreta del PDL e del Governo Berlusconi, ma, così si legge in una nota confermano, "altresì,  con profondo senso di responsabilità, il proprio impegno a sostenere nell’interesse del Paese la legge di stabilità e di bilancio".
Le lettere di dimissioni, in modo rituale, sono state inviate al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e al Premier Silvio Berlusconi.
Domani i Presidenti dei due rami del Parlamento, Schifani (Senato) e Fini (Camera) andranno al Colle per relazionare sulla situazione politica alla luce dell’uscita di Futuro e Libertà dal Govern, delle conseguenti mozioni di sfiducia alla Camera e di sostegno al Governo Berlusconi, annunciate rispettivamente da Pd-Idv e Fli-Api-Udc a Montecitorio e dal gruppo Pdl al Senato.
Quali scenari all' orizzonte della Politica Italian: finalmente chiarezza? uscire dallo stallo di qust' ultimo periodo?
Si farà un nuovo Centro-Destra ampliato all' UDC, Api, Mpa?
Lo farà Berlusconi o lo decreterà un ritorno alle urne? Nell' un caso o nell' altro con le dimissioni dei Ministri di FLI si chiude l'era del PDL-Lega e se ne  aprirà, forse un' altra ...PDL-Lega-FLI- UDC-API-MPA.
Il ritorno alle urne, in questo momento particolarissimo di conclamata crisi economico-finanziaria sarebbe  un atto veramente irresponsabile sentite poi le voci di un ritorno al voto solo rileggere i deputati  e di non rispetto per il Popolo Italiano; sarebbe uno tsunami per tutti e soprattutto per noi poveri Italiani perchè ci ritroveremmo ad avere un Parlamento di nominati, considerato che si andrebbe a votare con il "Porcellum".
I Cittadini Italiani, gli elettori italiani hanno delle aspettative: "un Governo certo, sicuro, non traballante per futili motivi e dei Governanti rispettosi dei compiti loro affidati".
Vogliamo vermente mettere un PUNTO FERMO assodato che il Bipolarismo è morto?
Prendere atto che oltre alla destra e alla sinistra esiste un Grande Centro che di giorno in giorno si sta infoltendo di tanti cespugli vitali anelanti alla MODERAZIONE CENTRISTA e legati  ai valori del popolarismo europeo.
Sono: FLI di Fini, UDC di  Casini, il movimento di Lombardo, l'Api di Rutelli e comunque le altre forze sociali e produttive del paese rappresentanti quella parte dei cittadini italiani, moderati, che anelano ad un nuova e sana politica riformatrice.