Translate to:

03 nov 2010

LA DEMOCRAZIA "BANNATA"

dalla Legge "Porcellum" di Calderoli con la quale viene negato agli Italiani la scelta della propria rappresentaza parlamentare.

La prima reazione a tale scempiaggine, la lievitazione del "partito" dell'  astensionismo a tutte le tornate elettorali.
Sono circa  3 milioni gli Italiani che disertano le urne per dimostrare il loro dissenso e/o perchè pensano che altre vie democratiche siano loro precluse e la cosa triste è che questa cifra è destinata inesorabilmente ad aumentare se,  il Parlamento, non modifica le norme che hanno svuotato il cestino del  più elementare diritto di democrazia: "La scelta del cittadino italiano del proprio rappresentante  parlamentare".
Acclarato che il Parlamento Italiano è  un parlamento di nominati dai capi delle segreterie dei vari partiti e non un paralmento di eletti; assodato che questo "Porcellum" non ci sta bene perchè non ci sentiamo rappresentati, ma, intendiamo fortemente,  contrariamente al "partito degli stensionisti", andare a votare, in quanto consapevoli che non votare significa rinunciare a un proprio diritto e accettare supinamente le scelte che altri faranno nel segreto delle urne.
Pertanto rivendichiamo il nostro sacrosanto diritto di scelta ed lo facciamo in modo proattivo e democratico avendo avuto conoscenza che la modifica della legge elettorale  è al vaglio della Commissione Affari Costituzionali del Senato.
Abbiamao creato un Gruppo FB "DIRITTO AL RIPRISTINO DELLA  PREFERENZA ELETTORALE di Anna Maria Rossini";
Questo Gruppo, intende raccogliere 1000 firme sottoscrivendo una petizione ai presidenti di Senato e Camera, On.le Schifani, ed  On.le Fini, per sensibilizzarli ad  una sollecita modifica della "LEGGE PORCELLUM", per quanto di loro competenza.
Invitiamo pertanto tutti gli amici ad attivare le segreterie dei partiti di appartenenza, visto che PD, IDV, FLI, API, UDC ......, a parole, pare ne siano, intenzionati a togliere di mezzo questa "PORCATA"   http://www.petizionionline.it