Translate to:

16 mar 2014

I VIGILI DIFFIDANO IL SINDACO

Ercole Marsella e Paolo Vicini, i vigili roccaseccani, dal coraggio encomiabile, con la diffida in autotutela, resa pubblica dal quotidiano «L' Inchiesta» di ieri, 15.03.2014, hanno dato un altro forte segnale di incoraggiamento ai Roccaseccani :- di riscatto e di sfida-.
ROCCASECCA
I due militi dall' onore immacolato, uomini di altissimo spessore umano e civile, mobbizzati dal Sindaco Giorgio con reiterati atti amministrativi discutibilissimi e censurabili dal punto di vista del diritto amministrativo, diritto del lavoro  e soprattutto, dal punto di vista umano, esercitano il potere di autotutela con la notifica dell' atto di diffida, volto ad ottenere provvedimento di annullamento del precedente atto amministrativo di nomina del responsabile del Comando dei Vigili Urbani-V settore- dott. Massimo Marra.
Ora non si sta a disquisire e giudicare l' atto proposto, compito dei Giudici e degli avvocati, ma la reazione umana della nobiltà d' animo infangata, di chi non ce la fa più a subire e non intende subire oltre, passivamente, le forme persecutorie di emarginazione messe in atto dal Sindaco e dalla sua sua giunta e mette in atto, con dispendio notevole di denaro e di stress psico-fisico, per salvare l' onore e non soccombere alle ingiustie della P.A., forme di legittima difesa, come la «diffida in autotutela».
Roccasecca Libera esprime ai Vigili Marsella e Vicini, piena solidarietà  e pieno sostegno morale, coscienti delle ragioni e delle loro verità difensive.
Come dimenticare l' umiliazione del Marsella e del Paliotta, quando insieme a Parisi ed Antonellis, vennero sbattuti al cazzeggio dell' Ufficio Tributi con delibera di Giunta n. 86 del 7/9/2012, assemblati in una improvvisata quanto inutile, visti i risultati, Task Force Tributi ?.
Forse a continuare il lavoro della società romana «Kibernetes», costata ai Roccaseccani ben € 32mila euro?
E come dimenticare l' umiliazione mobbizzante subita dal Comandante Paolo Vicini, all' annuncio del concorso, per occupare il posto di Comandante della Municipale a soggetti muniti di alte professionalità e con chiamata diretta del sindaco, e, su intuitu paersone, eccoti pronto assunto il dott. Massimo Marra, scelto tra una diecina di curricula, pare ben più meritevoli.
Il Sindaco si fa forte della relazione dell' avvocato Proveritate, Salvatore Di Pardo......Allora la  renda pubblica, il Popolo di Roccasecca  deve conoscere il parere pro-veritate dell' Avv. Salvatore di Pardo del 24 giugno 2013 prot. 5104 dove stigmatizza
1) Il Sindaco, poteva assumere un resp. esterno  alla Municipale con il grado D1, ma doveva avere la capacità di bilancio. (CAPACITA' DI BILANCIO NIET).
2) Il Sindaco poteva assumere con «intuitu paersonae» un SOGGETTO CON ALTE PROFESSIONALITA' ...( NIET ALTA PROFESSIONALITA').
3) Il Sindaco poteva assumere,  ma tenere presente l' art. 5 L.65/86, dove prevede, per completezza, tra le funzioni di cui è investito  il soggetto chiamato  a svolgere il servizio di Polizia Municipale, c' è  quella delle Funzioni ausiliarie di Pubblica Sicurezza, e che tali funzione viene  attribuita dal Prefetto, previa comunicazione del Sindaco....e, a quanto pare, il Prefetto non ha attribuito tale qualifica al responabile nominato dal Sindaco ...(NIET P.S).
Anche se l' anno del Comandante Marra sta per scadere e i cittadini di Roccasecca alleggeriti di 70-80mila euro, mica la giunta Giorgio ha per caso in mente una proroga?
Allora, bene hanno fatto i Vigili Marsella e Vicini a produrre al Sindaco Giorgio, diffida in autotutela......CARO ROCCASECCANI ESPRIMIAMO UN CORALE RINGRAZIAMENTO AI VIGILI MARSELLA E VICINI, PERCHE' DIFENDENDO LORO STESSI .....DIFENDONO TUTTI I CITTADINI DI ROCCASECCA