01 set 2010

FESTIVAL CHE VA - FESTIVAL CHE VIENE

domani il Festival S. G. al Castello Medioevale di Roccasecca con musiche da film con il maestro Bachalov in sostituzione di Buonvino

Quindi penultima serata a Roccasecca, cittadina che ha dato i natali al grande maestro concertista internazionale, Severino Gazzelloni, che, con il suo flauto d' oro ammaliò platee di tutto il mondo, dopodichè il Festival Severino Gazzelloni 2010 chiuderà in trasferta a Cassino presso la Banca Popolare del Cassinate.
Anche quest' anno è andata come è andata, complimenti al maestro direttore artistico Fabio Angelo Colajanni, a tutti gli artisti, presentatori compresi, che si sono esibiti nelle varie piazze e nelle chiese di Roccasecca e Colle San Magno e che si esibiranno a Cassino-(BPC) come  doveroso omaggio allo sponsor storico e munifico del Festival.
Ma una piccola riflessione sorge spontanea: come mai alla prima serata "Gran Galà della Lirica", all' infuori dell' O.le UDC, Anna Teresa Formisano, non erano presenti nel parterre  Politici, Istituzioni, Religiosi, come lo scorso anno?
Lo scorso anno ad omaggiare l' amministrazione Giorgio, Roccasecca e Severino Gazzelloni c' erano proprio tutti, gli onorevoli di destra, nuovi inquilini di Palazzo Gramsci, vuoi di sinistra, amici di sempre, vuoi il Padre Abbate di Casamari, vuoi la rappresentanza delle forze dell' ordine, in grande uniforme, nonchè il prefetto Cesari.
Cosa sarà mai successo per far disertare questi illustri personaggi?
E' vero che lo scorso anno ci fu una infelice uscita del sindaco Giorgio che accusò pubblicamente il neo inquilino della Provincia, Iannarilli, di non avere dato sostegno al festival, dimentico che il poverino si era insediato da poco e il bilancio con le poste di finanziamenti vari messe o non messe dal predecessore, che aveva preferito finanziare abbondantemente il suo paese Castrocielo e Roccasecca nada de nada.
Inoltre, poi, mentre si profondeva in elogi sperticati verso l' On.le Regionale, De Angelis, Scalia e compagni di sinistra prendeva le distanze ed ignorava vistosamente il neo Assessore alla cultura provinciale, nonchè concittadino, Antonio Abbate.
Allora, se quelli di destra non hanno partecipato forse memori del poco cordiale approccio dell' anno scorso, quelli di sinistra De Angelis, Scalia, Buschini per quale motivo?
Forse perchè da Roccasecca PD si aspettavano consensi che non sono arrivati alle passate elezioni regionali e che, ha visto il successo, invece, dell' IDV con Anna Maria Tedeschi, anche lei disertrice della prima serata, in vacanza in Puglia a respirare aria di Sinistra ( sue parole), sebbene, e lo voglio ricordare, volutamente, che aveva mandato un comunicato stampa pubblicato dal giornale "La Provincia" dove millantava la sua  presenza ( bugietta).
Vabbè, tolta la prima, alle successive, per dovere di cronaca, sempre presente.
Ma se il Festival Gazzelloni chiude i battenti Roccasecca, ospiterà, a breve,  un altro Festival,  ResistenteMente, il festival degli autori indipendenti che  è stato realizzato in collaborazione alla Pro Loco di Roccasecca, grazie al supporto della consigliera della regione Lazio Anna Maria Tedeschi (IDV) e dell’assessorato alle politiche sociali e del lavoro nella persona dell’assessore Alessandro Marcuccilli (PRC), sponsor anche la Consulta delle associazioni, così si legge su un giornale online di pubblicità artistiche.
E' la prima, ed è la prima volta ma già ci sono le prime defezioni dei personaggi, come l' artista Giulio Cavalli, on.le dell' Italia dei Valori e  il direttore artistico non ne ha dato l'opportuna pubblicità come invece correttamete ha fatto  il direttore artistico Colajanni per la defezione di Buonvino.
Insomma festival che va festival che viene ma con con modalità, contenuti, personaggi, organizzazioni abissali fra loro.
Ci sarà il parterre di politici alla prima serata?