06 dic 2010

" POSITIVE ACTION"

Ovvero sessismo abolito per legge entro il 2015 quando la metà dei nuovi dirigenti del pubblico impiego  dovrà essere di sesso femminile-ma solo in Gran Bretagna questo-

è la sottosegretaria liberal democratica alle Pari opportunità Lynne Featherstone che  ha lanciato anche il libro bianco dell’uguaglianza e ha detto che dal prossimo aprile i datori di lavoro potranno usare la cosiddetta  “positive action”, quando, a parità di esperienza e competenza, potranno scegliere deliberatamente di assumere una donna invece di un uomo.
In Inghilterra, quindi, mai più discriminazione di genere, mai più stipendi più bassi per le donne con le stesse competenze degli uomini anche perchè le aziende saranno obbligate a dare pubblicità alle buste paga e se si dovessero ravvisare disparità di trattamento ai contravventori verrebbero comminate multe salate
La missione di Featherstone è quella di avere più manager in tailleur.
E le donne manager del nostro paese che pure sono brave, intelligenti ed all' altezza del compito perchè sempre in secondo piano nelle pari opportunità lavorative .
"Le donne occupate sono meno del 50%. E il 27% lascia l’ufficio temporaneamente dopo la nascita del primo figlio. Secondo dati del Sole24Ore, l’Italia è l’ultima in Europa per la presenza di donne nei Cda delle società quotate in borsa: solo il 2,1%. Un risultato misero se si compara a quello della Norvegia (44%). Senza una legge ad hoc ci vorranno 60 anni per arrivare a una presenza femminile del 30% nei consigli di amministrazione.
E se a questa rivoluzione sociale ci sta pensando la Gran bretagna che ha il 13% di manager i gonnella e si prefigge di fare fift-fift perchè in Italia non ci si pensa?
Un suggerimento questo alla Carfagna.......che si attivasse per dare più dignità alle donne.
E' vero che possiamo sempre ritornare e far valere le quote rosa che già sono in politica ma una bella rivoluzione per modificare la  mentalità e la cultura del  Bel  Paese, così come promosso dalla sottosegretaria liberal democratica alle Pari opportunità, Lynne Featherstone, in Inghilterra....non sarebbe mica male.....Donne Italiane cosa ne pensate di una rivoluzione "Rosa" in tutti gli ambiti lavorativi?