16 dic 2014

BIMBI! SE MAGNA BIO!

La mensa scolastica di Roccasecca è stata concessa in appalto, per la seconda volta, alla Ditta BioRistoro Italia srl di Roma, per la cifretta di € 170.000 circa... il contratto ancora non pubblicato on-line, forse qualche problemino con l' Antimafia, come con la Sangalli?



Il Bio costa, ma era bio anche il primo appalto del biennio A.S. 2011-2012 e 2012-2013 e il prezzo € 120.000 circa...... o no?
Praticamente nel biennio A.S. 2014-2015 e 2015-2016 la spesa della Comunità di Roccasecca per la gestione della mensa scolastica è lievitata di € 50.000.
Una gara d' appalto ben precisa e dettagliata quella della gestione mensa, cui hanno partecipato 3 concorrenti e si è conclusa, come da determina n. 212 del 30.09.2014 resa pubblica dalla responsabile del 3° settore, Anna Ricci:-«l' aggiudicazione della gara d' appalto per il servizio mensa scolastica va alla società romana BioRistoro, Via Benedetto Stay n. 49 -00143 Roma-
La Commissione aggiudicatrice è composta dalla stessa responsabile di settore,Anna Ricci e membri:- Elvy Gazzellone-assistente sociale e Massimo Marra, Responsabile della Municipale.
Ma, al di là della forma, apparentemente corretta, che solo un «Pignatone» potrebbe smontare, quello che salta all' occhio di un cittadino qualunque è l' enorme divario di prezzo con il biennio precedente...50mila euro non sono una bazzecola per i cittadini-contribuenti, bio o non bio, si poteva contenere questa spesa?
Ma la surrealità della gara gara d' appalto è fondata su un costo a pasto di € 4.60 e l' aggiudicatario lo ha ribassato di una quisquillia (cent 2 di euro) portandolo a € 4.58. Tale ribasso non è stato neppure menzionato nella determina 212/2014, forse per vergogna o chissà cosa ? Il numero dei pasti previsti è pari a circa 18.750 annui.
Il Cittadino qualunque si chiede, ma se la ditta aggiudicataria dell' appalto, si paga a pasto, perchè all' utenza scolastica viene richiesta una quota mensile, come dicono alcune mamme? Ma alla BioRistoro Italia srl si pagano i pasti effettivamente somministrati? E se i bimbi non vanno a scuola per giorni e/o per periodi più o meno lunghi, alla società si dà di meno e quel surplus di incasso, che fine fa?
Ma quanto grava sull' utenza scolastica e quanto grava sulla collettività? Poca o nulla TRASPARENZA in questo delicato settore, al pari dei LL.PP e Urbanistica etc..etc.
Comunque «Roccasecca Libera» ha scoperto, da una ricerca on-lin, che la Società BioRistoro, la stessa appaltata da Roccasecca, al Comune di Guidonia, ha fornito progettazione ed impianti a 360° Bio della mensa Bio.
A Roccasecca cosa ha regalato?