09 giu 2009

LA CIOCIARIA AL BALLOTTAGGIO


Nè Iannarilli (PDL) nè Schietroma (PD) successo al primo turno; Marzi, "TERZO POLO", ago della bilancia

I due competitors principali delle elezioni per il rinnovo del Consiglio di Frosinone, ovvero il PDL e il PD, dopo un primo sorpasso del primo è seguito un duro testa a testa e poi si sono attestati su percentuali del 44,70% e 39,12% e pertanto, ben al di sotto delle aspettative consententi la vittoria.
IL TERZO POLO di Marzi (12,53%), con il rinforzo dei "MODERATI", alla luce del risultato del primo turno, sarà il Partito che designerà la percentuale della vittoria e questo è un dato di fatto imprescindibile che tutti e tre devono avere chiaro.
Così come devono avere ben chiaro il rispetto per tutti e il cercare di fare "Buona Politica".
Le astuzie, gli sgambetti e le piccinerie sono stati tanti ed inenarrabili, ancorche promossi artatamente da esponenti di rilievo ( segretari, refenti locali ecc) dei Partiti.
Abbiamo assistito, soprattutto a Roccasecca, ad un porta a porta inqualificabilmente scandaloso, soprattutto, perchè fatto da amministratori che si dichiarano fedelissimi ad una bandiera e da quella bandiera traggono benefici e privilegi, ben al di sopra dei servigi resi.
Quando si tornerà a fare "Buona Politica" a Roccasecca?
Noi "MODERATI" ce la stiamo mettendo tutta, con molta, molta, buona volontà, ma gli ostacoli che troviamo lungo il percorso sono tanti, inqualificabili ed ingiustificabili
Avevamo creduto, sempre in buona fede, che la meritocrazia e la lealtà dovevano essere alla base di tutto, anche in questa campagna elettorale, ma purtroppo ci siamo dovuti ricredere.
Abbiamo assistito a tante pulcinellate nefande come ad esempio assessori che si dibattevano e si dimenavano un pò per il Sindaco Giorgio, un pò,fingendo, per la propria pseudo bandiera, partecipando, se vi erano riunioni concomitanti ora di quà ora di là.
Ma questo modo di fare "politica" è ora che finisca ed invito, chi ha potere, e parlo dei candidati, agnelli sacrificali dei Partiti che hanno subito l'onta della "remata contro", a far dimettere i propri rappresentanti da questa Amministrazione Giorgio che è indegna di rappresentare chicchessia oltre che non svolgere bene il proprio impegno amministrativo.
Ormai il Sindaco Giorgio ha dimostrato di riuscire ad avere consensi, molto ridotti, per la verità, sotto qualsiasi stemma si presenti, solo e soltanto grazie ai pseudo politici, PD, che non sono in grado di esprimere un proprio rappresentante e grazie ai saltimbanchi che, fanno della "Politica" un centro di potere, a prescindere.
Non vi è stata nè serietà, nè lealtà, nè sforzo di fare "Buona Politica", in questa prima tornata elettorale provinciale e, i "MODERATI", ne prendono atto e si regoleranno di conseguenza, avendo nel cuore i principi di De Gasperi, Einaudi, Don Sturzo e Moro.
p. il MOVIMENTO POLITICO DEI MODERATI DI ROCCASECCA
Il Presidente
Anna Maria Rossini