15 ott 2008

PANIERE PIENO? NO!!!! SOLO UNA BUFALA DI MARRAZZO E SCALIA


Amara sorpresa ,questa mattina, 15 ottobre 2008, quello che doveva essere il giorno del riscatto dei poveri, si è rivelato, invece, un giorno di disillusione completa, ancora più frustrante, perchè si era più che convinti che "La Regione e la Provincia", ovvero "Marrazzo" e "Scalia" non si sarebbero presi gioco della gente che, in questi periodi di dura crisi finanziaria ed economica, non ce la fa più ad andare avanti con i salari e gli stipendi sempre più erosi dall'inflazione e dai mercanti che fanno lievitare i prezzi in modo sconsiderato e fuori controllo.
Per i cittadini delle Province di Roma, Viterbo, Rieti, Frosinone e Latina doveva essere l'alba di una nuova era contro il carovita, l'arginazione dell'aumento dei prezzi di pane, pasta ovvero dei generi di prima necessità insomma una svolta epocale per chi, e siamo in tanti, hanno visto erodere il potere d'acquisto dell' euro.
Si erano sperticati, Marrazzo e Scalia, in pubblici encomi ai rispettivi assessori al commercio e in una pubblicità dell'iniziativa, costata, oltretutto, qualche soldino, solo e soltanto per la pubblicità, per non toccare altri tasti; questi soldini, è bene rammentare, li tiriamo fuori noi contribuenti per avere solo bufale; non mozzarelle, si badi bene, ma prese per i fondelli.
Quindi, altro che portare a casa un paniere di 1kg di pasta, 1kg. di pane ecc. per la modica somma di € 9.90, altro che "LAZIO SPENDE BENE", tutta una deplorevore propaganda demagogica delle Sinistre, che stanno affossando la nostra amata provincia di Frosinone.
Forse l'iniziativa è valida solo per i Romani (Città metropolitana) e non per i poveri burini "ciociari"?
Dove sono le promesse di venire incontro, con questo primo atto, ai cittadini vessati e depressi?
Dov'è la task force di assessori per seguire l'andamento dei prezzi e monitorare "l'esistenza dei cittadini del Lazio?
L'unica certezza è che questa mattina , in accoglimento del vostro invito, caro Marrazzo e caro Scalia, mi sono recata presso due supermercati "CONAD", uno di Roccasecca e uno di Cassino, presso un supermercato SISA a Roccasecca e dell'operazione " LAZIO SPENDE BENE", nemmeno l'ombra, nessuno sapeva niente.
Ho monitorato io, l'esistenza dei cittadini e posso garantire che è una esistenza sempre più difficile e umiliante e non saranno certamente i Vs.spot pubblicitari e damagogici a cambiare la situazione.