24 gen 2011

CERCO CASA DISPERATAMENTE......

CERCO CASA DISPERATAMENTE......

ma la Giunta Giorgio non dà risposte esustive alla risoluzione delle unità abitative popolari --ATER-

e intanto, complice la crisi economica, le famiglie che non arrivano a fine mese per il salario ridotto al lumicino dalla cassa integrazione, fanno aumentare la lista  dei richiedenti Case Popolari 
E intanto l' ATER non provvede non solo all' aumento delle unità abitative, ma ad applicare una costante manutenzione alle vecchie costruzioni con facciate cadenti, incrostazioni, tetti pericolanti e gli amministratori di Roccasecca sono stati per decenni, con le mani in mano senza affrontare e risolvere il critico problema sociale.
La cosa scandalosa è venire  a conoscenza che alcune famiglie bisognose di un tetto economico, non potendosi permettere di contrattare un affitto dal libero mercato, si recano alla Casa Comunale per interrogare gli amministratori del perchè a Roccasecca non si costruiscono Case Popolari come negli altri Comuni e si sentono rispondere non con serietà e concretezza ma con lo snocciolamento di  una sequela di panzane: stiamo individuando i siti per la costruzione, oppure, li abbiamo individuati, abbiamo richiesto fondi, siamo in attesa di fondi, insomma il solito bla, bla bla...........
Ma che amministratori abbiamo a Roccasecca.......???????.
E' assurdo  restare con le mani in mano, nell' inerzia più assoluta  e dare vaghe risposte ai numerosi cittadini, alle tante famiglie che continuano ad aumentare, bisognose di un tetto economico.
E' assurdo che in costanza di un piano casa varato dal Governo, con la Regione che ha effettuato, quanto di sua competenza,  il Comune non sia in grado di dare risposte concrete quando, come, dove sorgeranno le case, chi ne saranno i beneficiari, i parametri di assegnazione che mi auguro non siano i soliti incentrati sulle dichiarazione dei redditi, che ogni tanto andrebbero rivisti e rimodulati.
E poi si sa che la redditualità dei soggetti potrebbe, nel corso degli anni, subire una evoluzione positiva tanto che il fitto popolare potrebbe cedere il posto alla costruzione della casa di proprietà.
Cosa che la normativa corrente in materia di assegnazione di alloggi popolari fino ad oggi non aveva preso in considerazione arrivando quindi all' assurdo di una sperequazione sociale: case assegnate a soggetti che nel corso del tempo hanno raggiunto uno " Status" di non bisogno di aiuto a tutto discapito di effettivi bisognosi di aiuto istituzionale.
Quante Case Ater sono chiuse dagli assegnatari perchè, buon per loro, si sono costruiti la villetta autonoma con giardinetto, oppure, genitore indigente deceduto ma eredi benestanti che si guardano bene di alloggiare nel casermone popolare che tengono chiuso in attesa di trarci un qualche profitto?
Le case "ATER" chiuse, sfitte e gli utenti disagiati che cercano casa non trovano le risposte adeguate.
Auspichiamo che i prossimi inquilini di Palazzo Boncompagni prendano a cuore i veri problemi della gente di Roccasecca e ne garantiscano la risoluzione.