Translate to:

05 gen 2011

SALVA TUO FIGLIO/A DALLA DROGA


SALVA TUO FIGLIO/A DALLA DROGA Partecipa al progetto EDU.CARE... è una gratuità offerta dal Governo Berlusconi alle scuole ed alle famiglie di Roccasecca
-(queste sono le priorità altro che gli spot elettorali dell' IDV)
 
EDU.CARE è un progetto promosso e finanziato dal Dipartimento Politiche Antidroga della Presidenza del Consiglio dei Ministri, in stretta collaborazione con UNODC- Ufficio Droghe e Crimine dell’ONU, che fa seguito ad un precedente Programma di Sostegno alle Famiglie SPF (Support Family Programme) gestito dal Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca. Il Centro Internazionale dell’International Labour Organisation (ILO – Agenzia specializzata delle Nazioni Unite) ha ricevuto l’incarico di operare come Agenzia Esecutiva per la sua realizzazione, finalizzata a: intervenire sui fattori che favoriscono l’uso potenziale di “sostanze” da parte dei bambini “a rischio” in età compresa tra gli 8 e i 12 anni; formare genitori, adolescenti, educatori ed insegnanti. L’Italia si situa tra i Paesi europei in cui il consumo di droghe è maggiormente diffuso (8 individui su 1000) e l’età dei primi contatti con le “sostanze” è precoce. Il dato che un ragazzo su quattro tra i 15 e i 19 anni ha fatto uso di qualche “sostanza” nell’ultimo anno conferma che la diffusione si allarga in una fase dello sviluppo particolarmente complessa quale è l’adolescenza. Con il progetto EDU.CARE il Dipartimento delle Politiche Antidroga della Presidenza del Consiglio dei Ministri intende rafforzare le competenze educative di quanti operano con i ragazzi e le ragazze più giovani (nelle scuole, nelle associazioni, negli oratori, nelle comunità terapeutiche), ma soprattutto si propone di fornire ai genitori di preadolescenti e adolescenti un aiuto specialistico mirato alle loro necessità e le conoscenze necessarie per prevenire e individuare il più precocemente possibile l’eventuale utilizzo di “sostanze stupefacenti” da parte dei loro figli. L’azione che si intende condurre non offre “ricette”, né prevede percorsi strutturati che indichino “come” e “cosa” fare, ma, attraverso una vera e propria formazione breve, mira a creare le competenze per identificare ed interpretare i segnali che, attraverso i comportamenti dei ragazzi, possano rivelare situazioni di rischio. Genitori ed insegnanti sono coinvolti insieme nel progetto educativo, che si pone tra l’altro l’obiettivo di facilitare il dialogo tra la scuola ed il nucleo familiare, dialogo inteso come ulteriore continuità dell’azione formativa della Scuola, volto ad assicurare e/o rafforzare una visione educativa condivisa, fondata su interventi di qualità efficaci. L’iniziativa prevede una serie di 10 incontri, che si svolgeranno sul territorio del Comune di Roccasecca (Frosinone), presso l’Istituto Comprensivo, Dirigente Scolastico dott.ssa Lucia Cipriano, a partire dal 18 gennaio 2011, in orario pomeridiano e con cadenza settimanale. Il giorno mercoledì 12 gennaio, presso la Sala comunale San Tommaso, in Via Roma, a Roccasecca, alle ore 12.00, in presenza della dott.ssa Maria Grazia Corradini, referente nazionale Educazione alla salute del MIUR, del dott. Mario Sapia, responsabile del progetto, del Dirigente Scolastico dott.ssa Lucia Cipriano, del Sindaco di Roccasecca dott. Giovanni Giorgio, dell’Assessore provinciale alla cultura arch. Antonio Abbate, del criminologo prof. Francesco Bruno, della psicologa dott.ssa Marisa Del Maestro, il Progetto sarà presentato dai professionisti dell’Associazione ACUDIPA, responsabili dell’Unità Territoriale della Provincia di Frosinone del Progetto EDU.CARE.