15 apr 2012

" LA DESTRA"

" LA DESTRA" sulla via  di una decisione logica e naturale .... l' abolizione delle prebende ai Partiti, visto lo schifo della Margherita, del PD, della Lega, e  qualche vecchia conoscenza .

Anche di questo si discuterà alla   riunione di martedì p.v.  della direzione nazionale... così il  leader, Francesco Storace, ha messo nero su bianco sul suo blog che invito a leggere con molta attenzione.
E questa cosa,  a me, neofita idealista dei valori del "La Destra", non fa che piacere, visto che l'accozzaglia di partiti che annoverano nelle fila una masnada di mercenari truffaldini-truffatori-corrotti, hanno usato e continueranno ad usare i soldi di noi poveri cittadini italiani per scopi ben diversi dal nobile sostentamento ai partiti, per la democrazia.
Quanta "fuffa" per non confessare che la nobile arte della politica è diventata, l' arte dell' affare, dell' arraffare, dell' arricchimento indebito, della bella vita a sbafo di chi non è all' altezza del compito, e tant' altro...
La Destra dice stop al finanziamneto statale, non ci sta ad essere additata e messa alla pubblica gogna dal Popolo Sovrano, al pari del PDL, PD, Terzo Polo, perchè animata da nobili scopi e lo sta dimostrando sul campo visto i sondaggi che la danno in forte crescita per:
Le politiche sociali;
Le Politiche Familiari;
La guerra al Signoraggio Bancario;
Riduzione al minimo indspensabile dei costi della Politica;
Via al Governo dei tecnocrati che stanno finendo di affossare l' Italia ecc.ecc.
Siamo nell' era di Internet e gli apparati elefantiaci come quelli del PDL, PD, UDC, sono un anacronistico sistema che costa carissimo allo Stato ed è solo sperpero di denaro statale,  dirottabile  a sanare il debito pubblico o no?
Ritorniamo alla Politica come volontariato e servizio al bene comune e La Destra ha tutte le  carte in regola per crescere come Partito del bene Comune.
Bisogna però crescere ed essere in tanti, perchè, la riforma elettorare in itinere, tenderà a far scomparire i piccoli partiti della buona politica.
Tesseriamoci in tanti, cresciamo insieme, per apportare il piccolo o grande contributo al Partito e all' Italia.
Sono solo venti euro all' anno, una sciocchezza, se si vuole il bene del proprio territorio e dell' Italia Tutta.
L' Unione fa la forza e La Destra ha la forza e la ricchezza dell' onestà, della competenza dei quadri direttivi, la cultura dei valori.
Lanciamoci una sfida ...la grande sfida dell' autosufficienza che è condizione di LIBERTA' e come dice Storace:
"Quei venti euro che chiediamo ogni anno agli iscritti, cinque centesimi e mezzo al giorno, sono il sigillo e il valore di un’appartenenza ad una comunità che non si e’ arresa" .