22 giu 2013

IL TERREMOTO E' DEVASTANTE

ma  «Palazzo Maini», al Centro di Mirandola (MO), rimane indenne, senza una minima crepa....chiaro esempio di onestà dell' imprenditore edile che lo acquistò dagli eredi Maini e lo ristrutturò a regola d' arte. 
Palazzo MAINI - Mirandola -Mo-
I cugini del compianto Massimo Maini, Mauro Ferrari e Gino Maini ereditarono quel gioiello di edilizia urbana in quel di Mirandola.
Non abitando ivi e non avendo interessi particolari misero in vendita il Palazzetto Storico Maini, ubicato al Centro, nelle Piazzetta retro il Comune.
Il Palazzo Maini venne acquistato da un noto costruttore Mirandolese che lo ristrutturò con tutti i santi crismi, visto che il sisma dello scorso anno procurò morte e distruzione con macerie di case e stabilimenti.
Il Centro di Mirandola fatto evacuare e transennato per case inagibili..
Case inagibili, ma Palazzo Maini integro e bellissimo, fatto ritornare agli antichi splendori dal noto costruttore Mirandolese, persona onesta e schietta, imprenditore serio.
La notizia del sisma devastante a Mirandola ci procurò molto dispiacere per la povera gente colpita e ci si chiedeva sempre: chissà cosa sarà successo a Palazzo Maini.
Ora, il cugino di Mauro Ferrari, Gino Maini, ci ha documentato che il Palazzetto Maini,  ristrutturato, non è un cumulo di macerie, anzi e ci ha confortato con queste parole

«Ciao Mauro 
sono stato a Mirandola e le cose migliorano a vista d'occhio anche se le parti piu' vecchie o antiche sono ancora transennate.
La casa di Massimo e' una delle poche agibili. c'era aperto il portone e ho fatto alcune foto all'interno che ti mando».

Questa è una testimonianza che i lavori edili sono stati  fatti con coscienza ed a regola d' arte.