29 lug 2012

OSPEDALI CHIUSI E OSPEDALI CHE SCOPPIANO

OSPEDALI CHIUSI E OSPEDALI CHE SCOPPIANO grazie ad un anticipo di spending review della Governatrice del Lazio, Renata Polverini, e agli sherpa del PDL "Ciociar-Terra Laboris" Abbruzzese, Iannarilli e Fiorito, questi ultimi due strenui difensori dei loro territori a scapito del resto.
 Il grido di dolore che da più parti si leva, pare che resti inascoltato nelle alte sfere del "Potere Regionale e Nazionale" e, il più che legittimo,  si salvi chi può, anche fuori Regione Lazio, è ormai una necessaria via di uscita.
L'Ospedale di Pontecorvo, così com'era, non potrà esserci  più, così dice un mio amico dottore avendoci lavorato negli ultimi sei anni ed alla  chiusura spostato  a Cassino, spesso, a dare man forte allo Spaziani di Frosinone, ospedale provinciale,  dove, al Reparto medicina. sono rimasti solo 4 medici.
Ma come è possibile che Cassino e Frosinone sottorganico mentre si dice che Alatri, feudo di Iannarilli, si concede il lusso di avere 7 cardiologi, 7 che non fanno ricoveri e con 2 giorni di presenza, ribadisco, "presenza" non lavoro, hanno terminato l'orario settimanale dovuto.
E ad Anagni, tavola imbandita di Fiorito, si sbadiglia.
Caro Innarilli che fai la mossa di restituire Gonfalone ed altri simboli della Provincia di Frosinone, come Petrarcone ha fatto la mossa di restituire la medaglia conferita alla Città Martire, meno mosse perchè ti toccano la seggiolina bensì  una visione meno parziale e partigiana della Sanità.
Se i medici ad Alatri sono troppi falli dirottare a Frosinone e Cassino così al Fiorito, che vabbè sta in quarantena e mugugna,  ma se ad Anagni stanno a sbadigliare,  certamente a Frosinone e Cassino non si annoieranno di certo. Infatti,  questa notte, il pronto soccorso dello Spaziani di Frosinone era un inferno110 malati.
Allora,  se proprio c' è da risparmiare e le strutture Provinciali per Pazienti acuti non possono che essere 3, e potrebbero addirittura scendere a due: da Sora, ormai, si dirigono sempre più verso Avezzano, come mai le risorse umane di Frosinone-Anagni -Alatri e Cassino-Sora ,  non vengoni equilibrate ?.  Una buona gestione equa delle risorse umane -professionali e  non sbilanciata per motivi politici come è oggi e così si  potrebbe dare una mano allo spending review.
Qua sta succedendo che c' è chi schiatta con turni stressanti a rischio errore e chi sta in panciolle, con  l' utenza malata che ne risente di brutto e chiaramente e giustamente chi  può scappa fuori la Regione Lazio.   
Strutture come quella che sta nascendo a Pontecorvo, potranno far sì che gli ospedali sede di Dipartimento d'Emergenza, non abbiano a soffrire e far soffrire di mancanza cronica di posti letto.e comunque che la Medicina Preventiva, attuata mediante ambulatori, da quelli della Medicina di Base agli Ospedalieri, deve essere il primo caposaldo.