27 lug 2013

ORA IL CUSTODE NON PUO' FARE PIU' IL DESAPARECIDO

Incalzato dal Comitato «BASTA ETERNIT-FIBRA KILLER», l' amministratore del Comune di Roccasecca, nominato custode delle 8 discariche abusive sequestrate dai Carabinieri, deve ottemperare al ruolo di vigilantes e deve prendere coscienza che esiste anche  la «culpa in vigilando».

Le 8 discariche abusive  sottoposte a sequestro penale dai Carabinieri  della Stazione di Roccasecca, coordinati dal maresciallo Donato Bottone, su disposizione del Capitano Francesco di Carlo e del Tenente Sebastiano Maielli  di Pontecorvo, per disposizione dell' A.G. nel mese di ottobre 2012 hanno perso,  forse per il maltempo dei giorni passati, le delimitazioni - segnaletica e cartellonistica- .
Il Vigilantes Amministratore non se ne è neppure accorto e la cosa è tornata utile ai delinquenti ed incivili cittadini, poco rispettosi dell' ambiente che hanno allargato l' area sequestrata, con incremento di rifiuti vari ed anche delle lastre di eternit.
Come non si è speso per niente per azioni di bonifica dell' Amministrazione Giorgio Bis,  in ottemperanza alla  normativa a tutela l' ambiente e la salute (Legge 152/2006 23 marzo 2001, Legge n°9323 marzo 200,  Legge n. 257 del 12 03.1992 e succ. modifiche ......), bonifiche  più volte sollecitate dal Comitato «BASTA ETERNIT-FIBRA KILLER», anche con richiesta di Consiglio Comunale ad HOC da parte dei Consiglieri di Opposizione.
Inquieta e non poco simili comportamenti dell'  amministratore «desaparesido» che non vigila e non si attiva per la bonifica....
Allora, in attesa di bonifica, i Sigg.ri  Danilo Chiappini e Anna Maria Rossini, rispettivamente Presidente e Vice Presidente del Comitato «BASTA ETERNIT-FIBRA KILLER- hanno sollecitato l' Amministratore Comunale-Custode a ripristinare o far ripristinare, urgentemente, la delimitazione delle 8 discariche   abusive sottoposte a sequestro penale a disposizione dell' A.G., con nastro segnaletico e cartellonistica, scomparse

Pagina uno (1)

Pagina due (2)