13 feb 2014

PROVA PROVATA AL TIRO A SEGNO

TIRO A SEGNO SOLO PER I 4 VIGILI P.S. E NON PER IL COMANDANTE, è quanto emerge dalla determina n. 1 del 02.01.2014 a firma del Resp. del V settore, dott. Marra, pubblicata oggi sull' albo pretorio on-line.

E' acclarato ormai, il Comandante della Locale Polizia Municipale, dott. Marra,  non aveva e non ha  i requisiti per svolgere la Funzione ausiliaria di Pubblica Sicurezza (PS), requisiti necessari per essere assunto come D 1 al V settore,come ha relazionato pure l' avv. pro-veritate, Salvatore Di Pardo: Il Sindaco può assumere, ma tenere presente l' art. 5 L.65/86, dove prevede, per completezza, tra le funzioni di cui è investito  il soggetto chiamato  a svolgere il servizio di Polizia Municipale, c' è  quella delle Funzioni ausiliarie di Pubblica Sicurezza, e che tale funzione viene  attribuita dal Prefetto, previa comunicazione del Sindaco....
Oltre alla predetta stigmatizzazione, l' Avv.pro-veritate aveva anche relazionato:
-Il Sindaco, può assumere un resp. esterno  alla Municipale con il grado D1, ma ci deve essere la capacità di bilancio.
- Il Sindaco può assumere con «intuitu paersonae» un SOGGETTO CON ALTE PROFESSIONALITA' .....
Ora, a parte queste due ultime cosette per cui il sindaco non poteva assumere il dott. Marra, ma quella importante è che lo stesso è carente di una funzione peculiare al ruolo di vigilare e proteggere i cittadini.
Se è nell' impossibilità di maneggiare le armi, come può proteggere e difendere in caso di un eventuale evento in cui si deve fare ricorso alle armi? 
Ma, ha fatto il militare o è stato obiettore di coscienza?
Se il Prefetto a tutt' oggi non ha dato al Marra la funzione di PS, qualche problemino ci deve pur essere o no? 
Comunque, i cittadini contribuenti vengono tassati e tarassati, ma anche umiliati ed offesi da una Amministrazione  che non non solo, non taglia  i costi inutili, ma assume soggetti privi di requisiti importanti come quello di P.S.