31 ott 2009

BAGARRE


con abbandono, seguito da atto di denuncia-querela di annullamento del Consiglio Comunale.......
L'ultimo Consiglio Comunale di Roccasecca del 22 ott. u.s., come succede già da qualche tempo, è stato caratterizzato dal litigio tra maggioranza e opposizione, abbandono del Consesso da parte di questi ultimi, mentre la maggioranza, in modo indecoroso e squallido, se la continua a cantare e suonare da sola, infine approva.
Ma questa volta, i consiglieri di opposizione Chianta, Abbate, Forte, Gallinelli, Colantonio, Abbate, Nota, estremamente esasperati, dai reiterati comportamenti della maggioranza, a loro dire: anti-democratici, arroganti ma che soprattutto violano le norme di legge ( art. 194 DLgs 267/2007) e dello statuto Comunale (art.30), oltre all' abbandono del Consiglio Comunale, hanno prodotto atto di denuncia- querela investendo i diversi Organismi Istituzionali deputati a dirimere la "vexaeta quaestiones".
Nell' attesa che la "giustizia " faccia il suo corso, i Cittadini di Roccasecca, rimasti "basiti", dall' indegno modo di agire di maggioranza e opposizione si pongono mille quesiti sulla capacità gestionale della Cosa Pubblica da parte dell' attuale amministrazione capeggiata dal dr. Giorgio Giovanni e dalla capacità degli Oppositori ad interloquire con serena autorevolezza, invece di seguire una prassi consolidata di abbandonare l'aula ad ogni Consiglio Comunale.
Se quanto lamentano i Consiglieri di Opposizione dovesse corrispondere a verità, stiamo veramente conciati male.
Una cosa è certa che il Governo Giorgio, arranca e non poco a mettere ordine, un punto fermo ai debiti fuori bilancio che vengono proposti e riproposti ad ogni Consiglio Comunale, insomma, "ricicciano", come dicono i roccaseccani in barba alla veridicità del bilancio, alla certezza e alla trasparenza.
Sempre il Governo Giorgio, non sapendo come risolvere i numerosi "buffi" continuano ad indebitarsi, infatti hanno proposto un nuovo mutuo con la Cassa DD.e PP, pare di euro 984.314, contezza della spesa ma non delle entrate a fronte dell' indebitamento, se non fumose e ipotetiche vendite di immobili ma la cosa che i Cittadini non digeriscono a parte i debiti con l' Acea Ato 5 che offre servizi molto scadenti è l' incaponimento a rimanere nelle CINQUE CITTA', carrozzone solo mangiasoldi per il quale i MODERATI a gran voce ne richiedono la soppressione o quantomeno la fuoriuscita di Roccasecca.
Comunque i Cittadini di Roccasecca non meritano di assistere sempre al muro contro muro tra maggioranza e opposizione e si chiedono perchè, civilmente, non si siedono ad un tavolo con la società civile inclusa ed aprirsi ad un confronto dialettico democratico in questo momento soprattutto di grave crisi?
Che rendano pubbliche le loro progettualità, discutano pure pubblicamente sul come uscire dall' "impasse" dei debiti fuori bilancio, anche quelli parcellati, forse non a norma, dal resp.ufficio tecnico comunale, sul come affrontare nuovi indebitamenti, se necessari, insomma dare un nuovo corso più democratico all' amministrazione della cosa pubblica alla luce del sole.