09 giu 2011

ALCUNI CITTADINI DI ROCCASECCA,

ALCUNI CITTADINI DI ROCCASECCA, ATTENTI ALL' AMBIENTE ED ALLA ECONOMIA, si sono recati a visitare la discarica di Cerreto di Roccasecca gestita dalla Srl MAD per una consapevole testimonianza di quali malefici e/o benefici  sia artefice per il territorio 


Avere un sito (Discarica),   dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane, al proprio PAESE, non è il massimo dei desideri non solo degli ambientalisti ma anche dei normali cittadini che la vedono solo come una iattura infestante il territorio a discapito della salute e non come una risorsa-ricchezza.
A Roccasecca ne abbiamo una, CERRETO,  di cui se ne son dette di cotte e di crude senza alcuna cognizione di causa, solo e soltanto propaganda elettorale all' abbisogna.
Ma una delegazione di Cittadini, tra cui la sottoscritta, parte attiva per il bene del Paese,  cittadini, che non parlano o sparlano, per sentito dire, ieri si sono recati in visita alla Discarica di Cerreto, aperta a chiunque ne faccia richiesta e  voglia rendersi conto di cosa sia una Discarica-Modello, teconologicamente all' avanguardia, del suo funzionamento e della sua gestione  e degli studi con prestigiose università per sperimentare ricerca e sviluppo di  fonti di energia pulita, quali biomasse, biogas, ed altro.
Intanto è realizzata secondo le normative vigenti con una struttura a barriera geologica in modo da isolare i rifiuti dal suolo  e  per garantire elevati livelli di tutela ambientale e della salute umana, la MAD S.r.l., società che la gestisce, ha realizzato  un sistema integrato, per l’abbattimento e il recupero energetico delle emissioni in atmosfera provenienti dell’impianto di produzione di energia elettrica, che utilizza il biogas prodotto dalla discarica.
La cosa importante è che è sempre sotto sorveglianza di Legambiente, Arpa, Regione ecc.ecc, seppur l' impresa sia di dimensioni quanto mai estese, è  con impianti all’avanguardia e con strutture idonee a smaltire grossi quantitativi sia di RSU che di altre tipologie di rifiuti ed opera, con un accurato protocollo operativo pressochè unica e prossima ad aprire le porte alle scuole affinchè gli studenti possano rendersi conto di ciò che si può fare a partire dalla "munnezza".
Che la Discarica sia MODELLO EUROPEO , che intende diventare POLO EUROPEO di ENERGIE PULITE, che stia facendo forti investimenti per  impianti in grado di garantire meno danni possibili alla salute ed all' ambiente in armonia con i principi della compatibilità ambientale e nel rispetto del territorio che la ospita, è cosa lampante, purtuttavia è sempre UNA STRUTTURA INCOMODA per gli abitanti della Zona che per questo disagio doverebbero avere forti agevolazioni compensative.
Intanto abbiamo appreso che IL COMUNE DI ROCCASECCA INCASSA UN RISTORO DI EURO 600.000 ( seicentomila ) annui.
Di questo ristoro poco o nulla per risarcire gli zonali solo poche famiglie non pagano la tassa dei  RRSSUU.
Allora come li ha spesi e li spende questi ristori compensativi il Comune ?
I CITTADINI INFORMATI CHIEDONO CHIAREZZA E TRASPARENZA E POICHE' LA DISCARICA PRODUCE ENERGIA, POICHE' LA DISCARICA SCUCE 600.000 (SEICENTOMILAEURO-ANNUI) DI QUESTI RISTORI COSA SI FA ? VOGLIAMO SAPERE......Visita il sito della MAD srl