03 giu 2011

REFERENDUM TRUFFA DELL' IDV

REFERENDUM TRUFFA DELL' IDV solo per mettersi in tasca una discreta sommetta di euro 1.032.953 ed anche per uccidere il nemico già morto (?), Silvio Berlusconi, ed  in questa bella impresa sosteniori: Pd, Fli, Api, Sel, Federazione Sinistre, Verdi.Quindi, non un lavoro a fondo perduto per il Tonino Nazionale, ma il prendere "due piccioni con una fava"...... gli si attaglia proprio.
Per i cittadini contribuenti che vengono imboniti su Rete, pare solo da questi sinistrozzi ringalluzziti dalla Pisapippa -Milano e dalla Manettara -Napoli, ogni  referendum pesa, e non poco, sulle casse pubbliche, senza nulla togliere alla rispettabilissima democrazia referendaria che pare, ad oggi, abbia avuto sensibilizzazione tale mai da raggiungere il quorum.
Si strumentalizza, sull' onda emotiva del terremoto giapponese, "evento veramente eccezionale, se ne verifica uno ogni secolo" (Margherita Hack),  il NO al nucleare è ingiustificato e demagico, da quel pò che mi è dato sapere, visto che ci sono più  incidenti e più inquinamenti nelle altre forme di energia.
I disastri, i terremoti, sono eventi naturali e se solo pensassimo al Vesuvio di Napoli che è bello vivo e vegeto e potrebbe, come una centrale nucleare, esplodere e i telefonini che inquinano e procurano tumori, sapete quante Vittime, ma di questo i sinistrozzi non ne fanno parola, perchè, muscolarmente, devono dimostrare il loro assioma NUCLEARE=MORTE.
Ma la guerra al Nucleare, fatta anche ieri sera ad Annozero, con la solita impennata dell' audience all' ovvio ed insulso Celentano, è ingiusta, non veritiera, pura demagogia politica delle sinistre.
La guerra televisiva di ieri sera l' ha vinta Santoro ma solo con l' audience, per il resto a portare chiarezza ci ha pensato Chicco Testa, che seriamente, dati alla mano, ha fatto capire che il CARBONE=MORTE  più del NUCLEARE.
La guerra ecologica l'ha persa il petrolio che inquina i mari, e l'han persa i pannelli solari e le pale eoliche che violentano il panorama della nostra bella Italia. La guerra dei soldi, buttati a mare, l'han vinta le rinnovabili, che buttano in pasto alla speculazione e alla mafia, 100 miliardi di €uro nei prossimi 10 anni (by Luigi Marchi, aico di fb).  PROFILO FACEBOOK LUIGI MARCHI
Poi il Referendum Sull' acqua Pubblica ........L'ACQUA E' E SARA' SEMPRE PUBBLICA.... E' UN BENE DI TUTTI......è SOLO un'altra turlupinatura e mistificazione del Tonino
La privatizzazione, sempre un misto di capitali pubblici e privati, con prevalenza del pubblico,   consiste solo nella gestione delle tubature.
Insomma,  sinistrozzi reclamano a gran voce le MUNICIPALIZZATE, carrozzoni inefficienti e  mangiasoldi  per sistemare parenti, amici, conoscenti per avere bacini di voti sicuri....Ma fatemi il piacere....
Del legittimo impedimento non ne parlano perchè non hanno interesse, visto che il neo Sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, lo ha invocato per se, lo scudo giudiziario, per non andare nelle Sue aule giudiziarie come Berlusconi.
Comunque  questi referendum......un gran casino......una grande confusione di fusione....di certo c' solo questo: Tonino Di Pietro, se si dovesse raggiungere il quorum, incasserà SOLDI e GLORIA NAZIONALE e solo con un Si.
La mia è una civile protesta per il rinnovo di una classe politica, sana, meno spendereccia, che costi meno e  all' altezza del ruolo e se me lo consentite, il 12-13 giugno  ANDRO' AL MARE.
CHI VIENE CON ME?