20 ago 2011

LA CULTURA DI ABBATE

LA CULTURA DI ABBATE fiore all' occhiello e volano della Giunta di Centro-Destra di Antonello Iannarilli anche in questo momento di profonda crisi economico-finanziaria

segno evidente che quando c' è la "stoffa ", la forza delle idee ed il coraggio per metterle in pratica, il gioco è fatto,  non c' è crisi anche di immane portata da frenare il politico di valore e l' amministratore illuminato.
Ma la miopia o l' invidia degli avversari politici, porta spesso a criticare "a schiove" e negare anche l' evidenza."
E' il caso del Consigliere Regionale dell' IDV, A.M.  Tedeschi, sempre con il solito coraggio  di uscire sui media per  farsi una pubblicita' a buon mercato,             taccia la Giunta Iannarilli di immobilismo poichè ella non ravvisa  nessuna concreta politica ambientale, occupazionale, infrastrutturale, culturale, sanitaria e sociale.
A parte che siamo  "In un periodo di sofferenza per l'intero sistema Italia", ma la Giunta Iannarilli, nonostante la disastrata situazione eredidata dalla Sinistra, ha lavorato per sistemare i conti, per  stabilizzare i lavoratori precari LSU, grazie al Roccaseccano Colantonio, de la Destra, sta cercando di risolvere  l' annoso problema con l' ACEA ATO5, ha appaltato  i lavori di contenimento del Tracciolino ecc.ecc.
Ma la rivoluzione e quella del Comparto della Cultura capitanato dall' Arch. Antonio Abbate ed è sotto gli occhi di tutti perchè tutti i 92 paesi della Provincia di Frosinone, nessuno escluso, dal più piccolo al più grande hanno avuto, questa estate,  la sponsorizzazione dell' Assessorato alla Cultura per mostre, concerti, festival prestigiosi o meno ecc.ecc.
Basta solo aprire gli occhi, il cuore e la mente ed essere onesti intellettualmente anche se avversari, riconoscere il buon lavoro è sempre premiante, mentre la demagogia non paga ed è sempre un "bumerang".
Il Festiva operistico di Casamari;
L' ArtExpò 2011 a Pontecorvo;
La rassegna di musica popolare “Tarantelliri”, a Castelliri;
Il “Festival del Teatro Medievale e Rinascimentale” di Anagni;
La 4º edizione della gara musicale “Talenti del Basso Lazio”a Fiuggi;
Festival Lirico di Casamari
Queste,  alcune delle attività dell' assessore provinciale alla cultura, Antonio Abbate,  e scusate se è poco
Se si taccia Abbate di immobilismo, si dice il falso e chi dice il falso con leggerezza non sarà mai credibile anche quando dice il vero.
Lo sviluppo della cultura Ciociara è vera ed evidente e questo grazie all' Arch. Abbate che, seppur in piena crisi, ha avuto la capacità di reperire i fondi per sostenere tutte le Manifestazioni nazionali ed internazionali degli artisti locali.