Translate to:

15 giu 2014

LA BANDA DI PALAZZO BONCOMPAGNI

E' pericolosa la «banda» capitanata dal sindaco Giovanni Giorgio. L' arroganza si eleva in modo esponenziale proprio quando,  il 1° cittadino inanella il proprio mandato con le denunce-querele ai dipendenti ed ai cittadini.
ROCCASECCA
E' vero che stanno lì per volontà popolare, ma è altrettanto vero che quei 2774 votanti si aspettavano  il buon governo, a cominciare dal decoro cittadino e non simili sperperi di pubblico denaro e tasse-tasse-tasse per avvocati e tecnici comunali e comandanti della Municipale senza le complete funzioni.
E, visto il furor di popolo, la «banda» si è montata la testa che, con i soldi dei cittadini-contribuenti può fare e disfare a proprio piacimento  e chi dissente, chi ha l' ardire di contestare il malgoverno,  sia esso  dipentente e/o cittadino, punito e/o querelato.
Roccasecca è ridotta ai minimi termini, tante strade, anche importanti per la viabilità, sgarrupate e chiuse al traffico da tempo (es.Via E. Fermi), il castello di San Tommaso, non ne parliamo, il cimitero in stato di abbandono, aperto giorno e notte ed i ladri saccheggiano tutto il saccheggiabile.
La piscina. riaprirà il 21 giugno 2014, almeno lo si apprende dai rumors e non dall' albo pretorio on-line, data in affidamento diretto ad una palestra di Aquino , come il Chioschetto di Via Paolo VI (castello di San Tommaso), dato, anche questo in gestione ad un noto cantante paesano; ancora  nulla è trapelato dal Palazzo circa il Festival Severino Gazzelloni forse in attesa di moneta dalla BPC, Idealstadard e Mad per qualche cantante da strapazzo, l' estate roccaseccana boh!
L' odio verso i dipendenti e i cittadini, che non si allineano, ha raggiunto un' acme da brividi, eppure le vittime del Palazzo, con orgoglio, anche se in solitaria, continueranno, nelle strenua difesa della loro onorabilità fino all' estremo sacrificio ......
Tanto per essere chiari: « la battaglia alla mala-amministrazione Giorgiana continuerà,  con o senza il supporto della debole Opposizione all' arrogante ed inetta Maggioranza».