Translate to:

22 giu 2014

Ricevo e Pubblico - PUBBLICHE e/o PRIVATE? -

Da Associazione La Voce di Roccasecca Libera

PUBBLICHE e/o  PRIVATE? 

La Biblioteca Comunale, la Delegazione Comunale, la Piscina, il Chioschetto, il Parco Archeologico «Monte Asprano», il parcheggio comunale  retro-stazione etc.etc., fino a prova contraria, sono strutture pubbliche, ma l' uso, le gestioni, gli appalti, della Giunta Giorgio, concessi in modo «singolare» e senza TRASPARENZA...alla «garibaldina» insomma.
Presa del potere alla Garibaldina
I giornali locali non ne parlano, ma è ormai di dominio pubblico, che, la gestione e/o l' uso della «Res Publica» del Comune di Roccasecca non seguono le vie canoniche dell' appalto pubblico, ma vie privilegiate di sottobosco politico-amministrativo che nessuno, per convenienza e/o per paura, ha l' ardire di denunciare, tranne, «La Voce di Roccasecca Libera».
«La Voce di Roccasecca Libera», chiede ed esige «TRASPARENZA» e non è anti-politica, ma sana e buona politica a che, la «Res Publica», sia gestita a beneficio della comunità TUTTA e non a beneficio dei soliti noti, amici degli amici degli amici, o peggio degli assessori ( bonus bebè alla moglie dell' assessore Marcuccilli......lampione al Led alla via del Vice sindaco, Torriero).
Comunque, la Procura di Cassino sta indagando sull' uso improrio dei PIDDINI della delegazione e della biblioteca comunale:
Il Tribunale di Cassino  procede con i giudizi circa l' appalto alla COOP rossa, GA.MA della Manutenzione Ordinaria e Straordinaria del Parco Archeologico Monte Asprano, attivati dalla Procura,  su segnalazione dell' ex Vice Sindaco Bernardo Forte, ora punta di diamante dell' Associazione «La Voce di Roccasecca Libera», insieme a Danilo Chiappini ed Anna Maria Rossini.
La piscina comunale data in gestione aum aum, ad una palestra di Castrocielo e non ai roccaseccani, senza gara di appalto e senza pubblicità all' albo pretorio online.
Il chioschetto è di nuovo abbandonato dopo la scandalosa retromarcia dell' assessore Claudio Rezza.
Il parcheggio della Stazione, da quel dì, degradato ed abbandonato con promesse di rimessa in sesto e nuovo lavoro ai ragazzi rimasti senza.
E' ora di finirla con questo pessimo andazzo, iniziato, senza pudore, durante la campagna elettorale, dal già sindaco Giorgio, direttamente o tramite i kompagni di lista, ....promesse a destra e a manca,  lavori, appalti, a soggetti singoli, associazioni, coop, imprese, ditte e commercio.
Di quelle promesse, Giorgio ed i suoi, quante ne ha mantenute? NON HO PAROLE!
http://associazionelavoceit.blogspot.it/2014/06/pubbliche-eo-private.html