Translate to:

11 set 2014

TOCCATO IL FONDO, CON LA «CADREGA» SAF SpA

Roccasecca Piddina, lo specchio dell' Italia Piddina.... si scelgono le migliori poltrone, dell' inefficiente, inefficace e puzzolente carrozzone SAF, per i culi piddini trombati e/o riciclati dell' IDV, come quello dell' ex on.le Regionale, Anna Maria Tedeschi?
Ex.On.le ANNA MARIA TEDESCHI
Auspichiamo proprio che non sia Ella (la Tedeschi) la persona dalle spiccate capacità tecniche e amministrative che possa controllare da dentro cosa avviene a Colfelice e tutelarci; che non sia Ella la persona  per la quale il sindaco Giovanni Giorgio si sta impegnando per ottenere un posto per Roccasecca ed il territorio all'interno del prossimo cda della Saf., in quanto detto ruoli, per lui o per un amministratore,  incompatibili.
Che non sia Ella, non per partito preso, ma per i suoi trascorsi politici, non improntati al bene comune, ma al proprio bene carrieristico Iddivino, iniziati con fiaccolate contro la MAD, denunce al Fardelli della SAF, ambedue le battaglie fallimentari, ma produttive per appollaiarsi alla Regione Lazio, a fianco al compagnuccio  Maruccio che delinqueva a manetta (rubava i soldi dei cittadini laziali)  ed Ella non se ne accorgeva...... dimostrando, così, scarse capacità tecniche ed amministrative.
Dopo la fine dell' IDV si ricicla nel Partito Democratico (PD), entra nel direttivo provinciale e corre voce di una sistemazione... che sia alla SAF ?
Se così, il Partito Democratico si certifica Partito affamato di Poltrone da elargire ad amici di cordata.
SPERIAMO CHE NON SIA VERO, PERCHE' ALTRIMENTI AVREMMO TOCCATO IL FONDO.
Alla Società Ambiente Frosinone (SAF SpA) di Colfelice, che andrà a ridisegnare il CDA, è giusto che il Comune di Roccasecca abbia un proprio rappresentante......ma chi dovrà essere questo rappresentante lo deve decidere il Popolo di Roccasecca e non il Sindaco Giorgio con il direttivo della Segreteria Piddina......  PRIMARIE PER IL CANDIDATO AL CDA DELLA SAF O QUANTO MENO INDIRE UN CONSIGLIO COMUNALE APERTO, IL SINDACO  PROPONE UNA ROSA DI NOMI CHE IL CONSIGLIGLIO ESAMINERA' E DELIBERERA' LA VOLONTA' POPOLARE.
QUESTA E' DEMOCRAZIA!