Translate to:

28 mar 2011

NO PETRARCONI BIS A CASSINO

 NO PETRARCONI BIS A CASSINO visto il suo cambio di casacca da PD a IDV che lo ha recintato  nella piccola riserva di estrema sinistra

L' accordo siglato dall' UDC con il PD e PSI nella tarda serata di ieri, ultima domenica marzolina, è il colpo di grazia subito dal rampante avvocato che, da quando ha indossato le vesti del "Tribuno Dipietro", assorbendone quasi i connotati, non è più nè credibile nè aggregante.
Le intenzioni di scardinare il mal governo di Scittarelli e C. erano non buone, ma ottime, ma che ci si dovesse arrivare con l' accorpamento di tutte le sinistre, senza l' UDC era proprio  utopistico.
Lo avevano  capito e glielo dicevano, penso,  i kompagni Migliorelli (PD) e Spiridgliozzi (PSI) : "per vincere a Cassino bisogna approfittare del casino nel PDL e formare un fortissimo schieramento di Centro-Sinistra con ledership UDC".
La città Martire ha sete di gente nuova, di buona politica di servizio, di sani principi, di legalità, di trasparenza ecc.ecc.
Ora penso che ciò sia proprio possibile con lo scioglimento della riserva dell' UDC, dopo il mandato esplorativo dato all' On.le Anna Teresa Formisano, di scegliere un' alleanza con il PD e PSI e prontissime alcune liste civiche.
Insomma, il dato politico importante è che l' IDV e la politica urlata giustizialista e settista sia stata relegata, come merita, nel recinto di estrema sinistra.
La forza delle idee, i buoni programmi e i partiti moderatamente di Centro-Sinistra saranno fari per la rinascita della Città Martire.