14 ott 2012

DOVE C' E' OMERTA' C' E' "MAFIA"

DOVE C' E' OMERTA' C' E' "MAFIA" Faceva la "Cresta", come Fiorito (PDL) , sui rimborsi della Regione Lazio il Capo Gruppo dell' IDV Vincenzo Maruccio (IDV) e i sodali consiglieri, Rodano, Bucci, Colagrossi, Tedeschi, zitti, zitti, mogi, mogi, come le più famose cosche italiche.
Antonio Di Pietro e Vincenzo Maruccio

Viviana Fuoco
Danilo Grossi
Il bubbone Maruccio, archiviato dai sodali con un sic et sempliciter: la giustizia farà il suo corso e se ha sbagliato è giusto che paghi, ha portato alla luce tutte le "eufemistiche incongruenze" del Partito di Di Pietro,:

Il Partito degli onesti dove ogni tanto, spesso, spunta un disonesto, ultimo Maruccio;

Il Partito dei "Noi non siamo come gli altri" e spunta fuori Scilipoti, De Gregorio, ed Maruccio come Fiorito;Il partito della Trasparenza e spunta fuori la Ciociara Anna Maria Tedeschi che non dà la Pubblicità di Legge ai sui redditi ed al suo patrimonio e sbandiera ai quattro venti, ed ora che ha occupato il posto di Maruccio, ha iniziato il "Percorso Trasparenza", ma cominciasse a dare lei il buon esempio, con il pubblicare il Patrimonio, invece del "predicozzo"  solito copione dipietrista della diversità antropoligica, da "non siamo come gli altri", prima allargata al Partito IDV, ora circoscritta alla sua parsona "  "Io non sono come gli altri";

Il Partito della Meritocrazia  e poi spunta fuori che la Segretaria Provinciale di Frosinone, Viviana Fuoco, ha due figlie, ben sistemate, una a Bruxelles nella segreteria dell' europarlamentare IDV Nicolò Rinaldi e l' altra  figliola all' organizzazione Nazionale IDV  di Ignazio Messina e Ivan Rota;

Il Partito che non ha il Cerchio Magico come la Lega e poi spunta fuori che, a Cassino il Sindaco eletto, Petrarcone (IDV), ha ha dato delega di assessore  alla Cultura ad uno sconosciuto Dipietrista, certo Danilo Grossi che udite ...udite ...risulta essere dipendente della Lazio Service del più famoso potente Scicchitano, legale di fiducia di Antonio Di Pietro, e nel cui studio il pupillo calabrese di Tonino tal VINCENZO MARUCCIO, INDAGATO PER PECULATO si è fatto le ossa e si è pure "ingrassato" a danno dei Laziali.
Un inciso doveroso : SINDACO PETRARCONE... TOGLI LA DELEGA A DANILO GROSSI, LACCHE'  DI MARUCCIO, OPPURE, COSA PIU' ONOREVOLE: DIMETTITI!!!!

Il Partito dei banchetti referendari solo per acchiappare i rimborsi consistenti e i voti conseguenti .
...

Il Partito, e qui chiudo, che ha avuto l' abilità di aver aggregato, con l' inganno imbonitore della Trasparenza,  della legalita', dell' Onestà, della Lotta alla Mafia, delle diversità Antropologiche, ora, alla luce degli ultimi accadimenti, ora che ha perso tutta la credibilità e un vaffa.....dai sostenitori, non si può e non si deve permettere di fare campagna  per "rifarsi un verginità", con le solite facce, come la SOLITA Fumosa Tedeschi, che reitera nel PREDICAR BENE E RAZZOLAR MALE......ERA ALLA REGIONE LAZIO CON MARUCCIO ...QUINDI SAPEVA, COME SAPEVANO RODANO, BUCCI E COLAGROSSI CHE IL CONTROLLORE CONTROLLATO FACEVA LA "CRESTA".
E DOVE C' E' OMERTA' C' E' MAFIA.
NATASCIA DI GIORGIO. Ma che c'azzecca ??? c'azzecca , c'azzecca