22 mag 2014

L' INSENSIBILITA' del POTERE

L' EX COMANDANTE VICINI AI FUNERALI DELLA SUOCERA E IL SINDACO GIORGIO A DISCETTARE SULLE DI LUI PRESUNTE IRRISPETTOSE E FUORVIANTI MANCHEVOLEZZE, PERALTRO SUB IUDICE
PAOLO VICINI
Il Consiglio Comunale di Roccasecca, vertente la discussione, sul bilancio consuntivo 2013, ha avuto un epilogo di basso profilo umano, sociale e politico, allorquando il Sindaco Giorgio ha preso la parola.
Il primo cittadino di Roccasecca, Giorgio Giovanni, apprestandosi a parlare all' aula gremita, come non mai,  e forse proprio questo, è stato preso da un raptus di oratoria vittimistica, quando, non si capisce per quale motivo, tira in ballo i vigili ed in particolare l' ex Comandante della municipale, Paolo Vicini, che proprio in quelle ore era in Chiesa all' onoranza funebre  della  mamma di sua moglie, sua suocera.
Il Sindaco Giorgio, con quell' arringa vittimistica, non si è reso neppure conto della brutta figura che stava facendo davanti ai cittadini di Roccasecca che erano presenti nell' aula consiliare, per sentir di «bilancio consuntivo 2013» e non di presunti torti subiti dal Sindaco, reclamati, e che oltretutto sono al vaglio della Magistratura.
Poca sensibilità e nessun rispetto per la famiglia del suo dipendente colpita da un atroce lutto, perdita della mamma.
Ha trasformato la Sala consiliare in un aula di tribunale personale, Lui Giudice, Lui parte Lesa, per gettare fango e condannare il Vicini,  senza uno straccio contraddittorio perchè l' imputato era ai funerali della suocera.