Translate to:

19 mar 2012

QUEL MERCATO ACCHIAPPAVOTI

QUEL MERCATO ACCHIAPPAVOTI oltre a registrare flop inauditi di sabato in sabato, anche se non si pagano i posteggi, anche se non si paga la TARSU, registra pure un alto tasso di irregolarità....come da nota del 21 gennaio 2012  inviata al Comune di Roccasecca da un gruppo persone, che ricevo e pubblico


 
                                                                                    Spett.le Comune di Roccasecca
                                                                                             In persona del Sindaco pro-tempore
                                                                                             03038 Roccasecca (FR)
                                            


Oggetto: Mercato settimanale del sabato.

               Si fa presente a codesta amministrazione comunale in persona del sindaco pro-tempore che in ordine al mercato che si tiene con cadenza settimanale presso il Vostro Comune, da tempo si riscontrano delle irregolarità nello svolgimento dello stesso.
Da svariato tempo infatti è stata notata la presenza di commercianti ambulanti che continuano a presenziare nel suddetto mercato senza alcuna autorizzazione e senza che nessuno intervenga per ovviare alla situazione.
Gli stessi commercianti inoltre con la medesima licenza esercitano attività in diversi punti dello stesso mercato avvalendosi tra l’altro anche di operai che lavorano senza regolare contratto di assunzione (a nero).
Senza aggiungere poi che in alcuni casi viene precluso il diritto all’esercizio del commercio ad alcuni commercianti al fine di favorirne altri che versano nelle medesime condizioni.
I commercianti che con regolarità si impegnano ad adempiere agli obblighi di legge anche nei confronti della Vostra amministrazione, pagando regolarmente i tributi, si vedono discriminati oltre che offesi dal danno economico che la suddetta situazione crea alle nostre finanze.
Si chiede pertanto un intervento tempestivo e determinate per far fronte a d
etta situazione. li 21 gennaio 2012